Archivi tag: Sierra

Alpujarra almeriense: 5 paesi in provincia d’Almeria

La provincia di Almeria è conosciuta quasi esclusivamente per le bellissime spiagge e per il deserto di Tabernas. In quest’articolo però conosceremo la montagna, ovvero l’Alpujarra almeriense ai piedi della Sierra Nevada e limitrofa alla famosa e turistica Alpujarra di GranadaContinua la lettura di Alpujarra almeriense: 5 paesi in provincia d’Almeria

andalusia consigliata:

A Baeza tra cultura e ruralità Come per la provincia di Huelva, anche la provincia di Jaén è poco conosciuta nel mercato turistico internazionale. Però, questa provincia tipicamente...
Las minas del Riotinto, un paesaggio marziano in A... Se nominiamo Huelva, la maggior parte del pubblico italiano non conoscerà questa provincia spagnola. Però, guardando la cartina d'Andalusia, noteremo ...
Astroturismo in Andalusia: Martos un mare di stell... Il paese immerso in un mare d'ulivi. Martos è un bel paese della provincia di Jaén dedito alla coltivazione dell’ulivo e alla produzione di olio d...

Cosa vedere ad Aracena: gastronomia, cultura e maravillas

Aracena è un paese ad una ora da Siviglia in provincia di Huelva, capoluogo dell’omonima Sierra. Un territorio che raccomando visitare per scoprire una gastronomia unica, beni culturali di valore e una delle grotte più belle della Spagna. Continua la lettura di Cosa vedere ad Aracena: gastronomia, cultura e maravillas

andalusia consigliata:

Dal trekking agli sport invernali: i due versanti ... La Sierra Nevada è uno dei due Parchi Nazionali d'Andalusia (l'altro è Doñana). Si ubica tra le province di Granada ed Almeria, a pochi chilometri a s...
A cavallo dal Parco Doñana alla spiaggia di Mazagó... Tra le cose da fare assolutamente in Andalusia c'è la passeggiata a cavallo dal Parco Doñana alla spiaggia di Mazagón in provincia di Huelva. Attraver...
Le spiagge di Huelva: dove andare in vacanza in Sp... Nelle spiagge di Huelva anche se non sono molto conosciute, troveremo forse il miglior mare d'Andalusia. Huelva comprende la parte nord della Costa de...

Visitare Frailes, non solo vino e salame in provincia di Jaén

Frailes è un paesello umile della provincia di Jaén, non lontano dalla più rinomata Fortezza de la Mota di Alcalá la Real. Questo paese non ha un bene turistico di altissima rilevanza, ma visitare Frailes ti risveglierà i sensi, soprattutto quello del sapore. Un paese che può innamorare il visitatore. Un esempio di ciò è lo scrittore Michael Jacobs che dedicò il libro “The factory of light” proprio a questo paese.

cosa_vedere_frailes_ponte
Il nuovissimo Ponte Sospeso di Frailes.

Cosa fare a Frailes

Come il titolo anticipa, Frailes è famoso per la propria gastronomia e il proprio vino. Questo però non significa che a Frailes bisognerà solo stare a tavola. Nel piccolo paese con meno di 2.000 abitanti si possono trovare angoli davvero suggestivi che possono ricordare un po’ l’Alpujarra di Granada.

cosa_vedere_frailes_paese
Architettura di Frailes.

Quello di decorare le abitazioni bianche con i fiori colorati non è tipico solo di questo paese, bensì è comune in tutta Andalusia, anche se a Frailes è davvero inaspettato. Tra tutte le case bisogna sottolineare la Cueva de la Frasquilla che è la testimonianza più appariscente di quanto detto.

cosa_vedere_frailes_cueva
La cueva de la Fresquilla.

Quello che non manca a Frailes, situato nella Sierra Sur di Jaén, è l’acqua. Moltissime sono, infatti, le fontane e fonti presenti nel paese. Tra le più suggestive piazze c’è quella del Nacimiento. In questo spazio troveremo la sorgente di un piccolo corso d’acqua incanalato per fornire un antico lavatoio.

cosa_vedere_frailes_nacimiento
La Piazza del Nacimiento.

Zipline e Ponte Sospeso

Nuovissime attrazioni turistiche a Frailes sono la Zipline e il Ponte Sospeso. Entrambi attraversano una imponente gola che taglia in due il comune di Frailes. Quello che viene consigliato è attraversare il precipizio all’andata con la Zipline e tornare passeggiando sul Ponte Sospeso. Tutte e due le esperienze sono piuttosto elettrizzanti anche se bisogna munirsi di coraggio per compiere il primo passo. Effettuare entrambe costa 8 euro.

cosa_vedere_frailes_zipline
Io provando la zipline.

Conoscere la Sierra Sur di Jaén

La Sierra Sur di Jaén non sarà famosa come tante altri paesaggi naturali della provincia di Jaén, ma è un ambiente che merita essere scoperto. Da Frailes iniziano e passano sentieri adatti a tutte le età per scoprire l’ambiente che attornia questo borgo e le frazioni delle vicinanze. Addentrarsi e scoprire la vegetazione della Sierra Sur può essere sicuramente un ottima alternativa rilassante per un weekend.

cosa_vedere_frailes_sierra
La sierra che circonda Frailes.

Frailes riserva Starlight

La Sierra Sur di Jaén è stata dichiarata Riserva Starlight, ovvero uno spazio dove l’osservazione del cielo notturno è particolarmente favorevole data la scarsa contaminazione luminosa. Come per il non lontano paese di Martos, anche a Frailes sarà dunque possibile intraprendere esperienze di astroturismo.

Gastronomia di Frailes

Il pezzo forte del paese di Frailes rimane comunque la gastronomia. Vino della terra, olio ed elaborati del maiale abbondano in questa zona della Sierra Sur di Jaén. Il vino è spesso di produzione propria. Tanti sono infatti gli abitanti che producono il proprio vino anche avendo solo piccolissimi appezzamenti di terra dedicata a vigne. È un vino tremendo, molto alcolico anche se bevendolo non offre questa impressione.

cosa_vedere_frailes_vino
Vino di Frailes.

Come in tutta la Provincia di Jaén anche gran arte della popolazione di Frailes si dedica alla raccolta delle olive. La stragrande maggioranza dei campi coltivati a Frailes sono dedicati all’ulivo e la produzione di olio extra vergine è praticamente fondamentale nell’economia della cittadella. È possibile anche visitare la Cooperativa San Rafael, che inoltre offre al visitatore un utile centro d’interpretazione.

cosa_vedere_frailes_olio
Olio della Cooperativa San Rafael.

Gli elaborati del maiale sono importantissimi in questa terra. Morcilla, chorizo, butifarra e quant’altro sono solo alcune delle specialità di questa zona. Con questi elementi, inoltre, si preparano gli squisiti e sostanziosi piatti poveri tradizionali come il cocido andaluz, la olla podrida, etc.

cosa_vedere_frailes_mangiare
Preparando le costine di maiale.

La giornata gastronomica e vinicola

Ogni anno, nel mese di aprile Frailes indossa il vestito migliore e accoglie la giornata gastronomica e vinicola. Questa avviene un sabato, durante il quale espositori del paese esibiscono i propri prodotti e la popolazione locale, mischiata con i visitatori, gode delle prelibatezze. Sotto un grande telone, dopo aver ammirato e degustato i prodotti degli espositori, una moltitudine pranza. Il menu è a base di piatti tradizionali di Frailes, il tutto completato dall’eccellente vino nostrano.

cosa_vedere_frailes_olla
La famosa Olla Podrida.

Già il venerdì sera iniziano gli eventi che caratterizzano la giornata gastronomica e vinicola. La popolazione locale mette a disposizione di tutti il vino che come detto si fabbricano da sé, altri produttori invece sfamano i visitanti con formaggio e salumi. Il tutto è rallegrato da un gruppo che suona musica flamenco in diretta.

cosa_vedere_frailes_prodotti
Esposizione di prodotti locali.

Dove dormire a Frailes

Data l’esigua dimensione del paese, sorprendentemente Frailes offre alcune soluzione dovo poter dormire. Di seguito, invece, si forniscono gli hotel e gli altri alloggi in offerta presenti in questo momento in provincia di Jaén.



Booking.com

Cosa vedere a Frailes (Jaén):

  • La Cueva de la Fresquilla
  • La Plaza del Nacimiento
  • La Ermita del Calvario
  • La Sierra Sur di Jaén
  • Il cielo stellato
  • La Zipelane e il ponte sospeso
  • La giornata vinicola e gastronomica

Per consigli personalizzati o per organizzare una visita a Frailes potete scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy



andalusia consigliata:

Las minas del Riotinto, un paesaggio marziano in A... Se nominiamo Huelva, la maggior parte del pubblico italiano non conoscerà questa provincia spagnola. Però, guardando la cartina d'Andalusia, noteremo ...
Deserto di Tabernas: unico deserto in Andalusia, S... Il deserto di Tabernas si trova in provincia d'Almeria ed è l'unico deserto in Spagna, nonché luogo dove si sono girate tanti film western di Sergio L...
Natura in Andalusia è sinonimo di Sierra de Segura... Se hai voglia di natura in Andalusia non puoi perderti la provincia di Jaén. La Sierra de Segura, per esmpio, fa parte del Parco Naturale di Cazorla, ...

Cosa vedere a Ronda: unicamente, maestosamente!

Visitare Ronda deve essere un imprescindibile in una vacanza in Andalusia. Non solo Ronda ha molti monumenti da vedere, ma anche un paesaggio sorprendente. Si può girare tutta la Spagna, tutta l’Europa, ma una città così non si trova facilmente. Semplicemente è un borgo unico al mondo. Ronda fu un abitato di origine romana, successivamente visigota, in cui il massimo splendore giunse con l’arrivo dei mussulmani in Andalusia.

cosa_vedere_ronda_monumenti
Cartolina tipica da Ronda.

Vedi anche –> Paesi da vedere vicino Malaga

Cosa vedere a Ronda

Questa città di 36.000 abitanti rimane tutt’oggi un importante cardine della provincia di Malaga e del sud della regione. L’economia della cittadina si basa sul turismo culturale e rurale (vedi Tour de los pueblos blancos + Ronda). Il turismo rurale a Ronda ha molto successo poiché questa città è immersa nella Sierra, come indica il proprio nome della comarca: Serrania de Ronda. La particolarità di questo luogo è che nonostante l’abitato si ubichi in cima ad profonda gola, l’elemento antropico rimane stupendamente integrato e connesso con il paesaggio naturale. Dalla città è possibile intraprendere differenti sentieri che ci conducono in pochi minuti nel bel mezzo della sierra.

Dove_mangiare_ronda_tajo
La gola che contraddistingue Ronda.

–>  Prenota la visita in italiano a Ronda partendo da Malaga.

Monumenti a Ronda

Ronda offre moltissimo a livello monumentale e sicuramente risulta essere una delle città più interessanti della provincia di Malaga e d’Andalusia. La cultura araba e cristiana qui si mescolano continuamente e sarà difficile rimanere indifferenti davanti a tali meraviglie. I pezzi pregiati di Ronda sono sicuramente il mastodontico e fotografatissimo Puente Nueva, la Plaza de Toros e i Bagni Arabi, ma moltissimi altri piccoli beni punteggiano questa cittadina altamente turistica e sempre più di moda.

cosa_vedere_ronda_muraglia
La muraglia che racchiude lo spazio monumentale di Ronda.

Il Centro Storico

Passeggiare nel centro storico di Ronda è la cosa essenziale da fare in questa città. Anche solo passeggiando distrattamente incroceremo abitazioni tipiche, bar tradizionali e i monumenti più importanti della città. La cittadina si divide praticamente in due zone, una più moderna e commerciale dove troveremo parcheggi e la stazione ferroviaria e degli autobus e l’altra più tradizionale, turistica ma comunque tranquilla. Il quartiere storico con le tipiche case bianche, zigzagare e saliscendi delle strade è collegato alla zona d’arrivo e dei negozi grazie al simbolo della città: il Puente Nuevo.

cosa_vedere_ronda_centro
Una parte del centro storico.

I Bagni arabi

Se a livello naturale, Ronda, è un luogo affascinante, culturalmente è una città tra le più ricche di Andalusia. Come abbiamo accennato, questo borgo ha avuto l’onore di essere abitata da molte culture differenti, ma sono sopratutto gli Arabi ad aver lasciato testimonianze indelebili del loro passaggio. I bagni arabi, probabilmente, rappresentano uno degli elementi d’acqua mussulmani miglior conservati in Spagna. Poco lontano, inoltre, sopravvive il ponte arabo, chiamato anche in modo sbagliato Ponte Romano.

cosa_vedere_ronda_bagni
Il ponte e i bagni arabi nel centro storico di Ronda.

La muraglia e le porte

Di alto interesse turistico e culturale sono anche la muraglia e le varie porte che circondano il borgo storico. Queste costruzioni e la posizione della città sulla vetta del promontorio roccioso, resero Ronda praticamente inespugnabile. La porta Carlo V e la porta Almocabar sono due testimonianza islamiche del XIII secolo e modificate ai tempi di Carlo V e anche se un po’ fuori dal nucleo storico meritano la pena essere visitate.

cosa_vedere_ronda_puerta
La porta Carlo V e la porta Almocabar.

Il Ponte Nuevo

Nonostante il ricchissimo patrimonio islamico del luogo, il simbolo, la marca di Ronda è il Puente Nuevo. Questa opera maestosa fu costruita tra il 1759 e il 1793 per collegare il nucleo storico con la nuova parte abitata che si stava sviluppando dall’altra parte della gola. El Tajo de Ronda è una cavità di circa 100 metri scavata dal fiume Guadalevin. Questa infrastruttura è stata ed è molto utilizzata dalla popolazione locale, poichè il Puente Viejo e il Puente Arabe, ubicandosi verso il fondovalle, non garantiscono la stessa comodità della costruzione del XVIII secolo.

cosa_vedere_ronda_ponte_nuovo
Il ponte nuovo di Ronda che collega la parte nuova del paese con il nucleo storico.

La Plaza de Toros

Dopo la Maestranza di Siviglia è forse la più famosa arena d’Andalusia. Una Plaza de Toros a livello architettonico meravigliosa, ancora oggi utilizzata, in stile neoclassico e costruita tra il 1779 e il 1784. È una delle più antiche di tutta la Spagna e la prima nella quale ha avuto luogo una corrida. L’entrata alla Real Maestranza de Caballería de Ronda costa 7 euro e comprende oltra alla visita all’arena anche al museo.

cosa_vedere_ronda_plaza
L’interno della Plaza de Toros.

La sierra di Ronda

Da sottolineare nuovamente è la particolare integrazione della città e del turismo di massa nell’ambiente naturale. Nonostante l’impressionante numero di visitatori, fare turismo a Ronda è un’ottima esperienza. Complementare la visita culturale con una sana passeggiata in un paesaggio tipicamente andaluso è un’avventura indimenticabile. Altamente consigliata è la passeggiata che dal centro storico porta ai piedi del Puente Nuevo. In questo percorso, oltre a ritrovare altre testimonianze arabe, ci immetteremo nei classici campi d’ulivo d’Andalusia e scopriremo gli usi agricoli della comunità locale.

Dove_mangiare_ronda_sierra
Punto panoramico per osservare la Sierra.

Ronda offre ai visitatori anche moltissimo patrimonio religioso cristiano e vari beni civili, oltre ad un significante numero di musei. Esempi notevoli sono la Iglesia del Espiritu Santo, la Iglesia de Santa Maria e la Casa-Palacio del Rey Moro.

Dove mangiare a Ronda

A Ronda è possibile mangiare sia in ristoranti di primissima classe, sia in bar estremamente economici. In qualunque caso i prodotti, soprattutto di carne e i vini saranno di eccellente qualità. Sempre più importanti infatti sono i vini rossi della zona che hanno già ottenuto la denominazione DOP. Due sono i locali da raccomandare diversissimi tra loro. Casa Maria, ristorante dove poter trovare una qualità eccelsa di prodotti ed El Lechuguita bar caotico con tapas a 0’80 euro.

Vedi anche –> Dove mangiare a Ronda: ristoranti e bar economici

Dove_mangiare_ronda_lechuga_bar
Bar El Lechuguita.

Dove dormire a Ronda

Come sottolineato, Ronda è una città molto turistica e per questo non mancano certo gli alloggi. Diverse sono le soluzioni a disposizione del turista in questa cittadina: hotel di lusso, alberghi e pensioni. Se si alla ricerca di relax oltre che al turismo, allora si potrà alloggiare in uno dei diversi stabilimenti rurali poco fuori dalla città. In particolare l’Hotel Ronda Moments che si trova a 10-15 minuti in auto dal centro di Ronda offre tranquillità e paesaggi bellissimi. La propria ubicazione in mezzo alla campagna, i servizi al cliente e l’amabilità del proprietario contraddistinguono questo hotel. Da non perdere inoltre la ciliegina sulla torta, ovvero una piscina in mezzo ai campi dove in estate poter fare il bagno accompagnati dal solo suono delle cicale.

cosa_vedere_ronda_hotel
Al fondo l’hotel, in primo piano la piscina.

Qui, invece, potrete trovare tutti gli alloggi nel centro città, che è la zona che raccomando. Sotto, invece, potrete trovare tutte le offerte presenti a Ronda.



Booking.com

Cosa vedere a Ronda (Malaga):

  • I belvedere
  • I bagni arabi
  • La porta Carlo V
  • La porta Almocabar
  • Il Puente Nuevo o Ponte Nuovo
  • Il Ponte Vecchio
  • Il Puente Arabe
  • La Chiesa del Espiritu Santo
  • La Chiesa de Santa Maria
  • La Casa-Palacio del Rey Moro
  • La Plaza de Toros

È possibile visitare Ronda facilmente partendo da Malaga o da Siviglia, aggiungendo la visita ai paesi bianchi. Per ulteriori informazioni è possibile visitare la pagina web dedicata al turismo a Ronda. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Coto de las Canteras di Osuna: la Petra d’An... Se da Siviglia ci dirigiamo verso Malaga attrverseremo tutta quella zona chiamata campiña (campagna) d'Andalusia. Apparentemente potrebbe risultare un...
Visitare Meknes, Volubilis e Moulay Idriss: i segr... Lungo la strada tra Fez e Rabat, bisogna assolutamente visitare Meknes e le cittadine vicine di Volubilis e Moulay Idriss. Luoghi con un importantissi...
Una gita a Medina Sidonia, il Balcone della Baia d... Medina Sidonia è un paese dalle modeste dimensioni (11.000 abitanti) che si interpone tra la costa di Cadice (Barbate e Conil de la Frontera) e la omo...

Tour dei paesi bianchi più belli della Spagna

Uno dei tour che si possono fare in Andalusia è sicuramente quello dei paesi bianchi. In provincia di Cadice si trovano dei posti tra i più belli in Spagna. I paesi bianchi di questa zona sono per lo più piccoli borghi immersi nella Sierra di Cadice, Sierra de Grazalema e Sierra de los Alcornocales. Paesaggi dalla morfologia irregolare e vegetazione verde. Los Pueblos Blancos, così vengono chiamati i paesi bianchi in Andalusia, spiccano tra i boschi della zona dato il caratteristico colore bianco delle abitazioni. Continua la lettura di Tour dei paesi bianchi più belli della Spagna

andalusia consigliata:

Le migliori spiagge di Cadice: provincia e città Il mare della Costa de la Luz e le spiagge di Cadice sono uno dei motivi per fare una vacanza nel sud della Spagna. Il clima e la temperature sono ott...
Cosa vedere a Sanlúcar de Barrameda: cantine, parc... Visitare le cantine e l'estuario del Guadalquivir a Sanlucár de Barrameda deve essere un imprescindibile per conoscere davvero l'Andalusia. Qui t...
Una gita a Medina Sidonia, il Balcone della Baia d... Medina Sidonia è un paese dalle modeste dimensioni (11.000 abitanti) che si interpone tra la costa di Cadice (Barbate e Conil de la Frontera) e la omo...