Archivi tag: Pueblos Blancos

Tour Express de Los Pueblos Blancos + Ronda

Los Pueblos Blancos d’Andalusia si trovano per lo più nell’entroterra della Provincia di Cadice (Cadiz). Questi incantevoli borghi che punteggiano di bianco la verde Sierra, devono il loro fascino ad una tradizione molto consueta in Andalusia: dipingere le facciate delle case con la calce (oggi si usano altri prodotti) per contrastare il calore, disinfettare e impermeabilizzare l’edificio.  Per apprezzare al meglio l’architettura, la tipicità e la quiete di questi paesini è consigliabile immergersi in quest’atmosfera per almeno 2 giorni, ovvero una notte.

Continua la lettura di Tour Express de Los Pueblos Blancos + Ronda

andalusia consigliata:

L’Andalusia che non immaginavi: tour cultura... La provincia di Jaén è una delle zone d'Andalusia turisticamente più svantaggiate. Questa zona lontana dalla costa, non ha città di grande spessore e ...
Le migliori spiagge di Cadice: provincia e città Il mare della Costa de la Luz e le spiagge di Cadice sono uno dei motivi per fare una vacanza nel sud della Spagna. Il clima e la temperature sono ott...
Tour dell’Andalusia: consigli low cost e fai... Tour dell'Andalusia per un itinerario fai da te e low cost senza però perdere le principali mete: Siviglia, Granada, Malaga, Cordoba e Cadice. Per abb...

Arcos de la Frontera: punto di partenza de los pueblos blancos

Arcos de la Frontera è, forse, il villaggio bianco di Cadice più conosciuto fuori dai confini nazionali. Infatti, questo paese è sicuramente quello in cui più di tutti si è sviluppato il settore turistico. A causa di vantaggi geografici e storici, Arcos è il paese di riferimento di questo territorio ed è la cittadina maggiormente preparata verso un’accoglienza turistica di qualità. De los pueblos blancos (vedi GrazalemaSetenil de las Bodegas e Olvera), Arcos è la destinazione più occidentale, ovvero più vicina a Jerez, a Cadice e perciò all’Oceano Atlantico. Continua la lettura di Arcos de la Frontera: punto di partenza de los pueblos blancos

andalusia consigliata:

Rincorrendo i mulini a vento di Don Chisciotte del... Chiudi gli occhi e dimmi la prima cosa che ti viene in mente con la parola La Mancia (dall'arabo territorio secco, senz'acqua). Quasi sicuramente per ...
Cosa vedere a Faro, capoluogo dell’Algarve Visitando l'Algarve sarà importantissimo sapere cosa vedere a Faro, capoluogo politico ed economico di questa regione. La città di 30.000 abitanti di ...
Cosa vedere a Segovia in un giorno: l’acqued... Visitare Segovia è una delle cose da fare se si vuole conoscere i dintorni di Madrid. L'acquedotto romano più importante della Spagna e la gastronomia...

I paesini più suggestivi d’Andalusia

La Spagna è il secondo paese al mondo avente più beni riconosciuti Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Questa medaglia d’argento significa comunque essere un centro di cultura, arte e turismo.  Il patrimonio che ospita è immenso e l’Andalusia è un elemento chiave di questa ricchezza. Con l’obiettivo di diffondere questa bellezza, si creò nel 2011 l’associazione “Los Pubelos mas bonitos de España“, che si dedica a pubblicizzare le località con meno di 15.000 abitanti più affascinanti del paese. Fino ad ora sono 25 i paesini iscritti alla lista, di cui cinque in Andalusia. Inoltre, il catalogo include molti altri pretendenti andalusi. Continua la lettura di I paesini più suggestivi d’Andalusia

andalusia consigliata:

Cosa vedere a Granada: l’Alhambra, tutti i m... È difficile stabilire cosa vedere a Granada in due o tre giorni: l'Alhambra, la Cattedrale, il Generalife, San Jeronimo e tanto altro. Granada è, fors...
Olvera: scorci nell’entroterra della provinc... Olvera è uno dei paesini più suggestivi d'Andalusia, si ubica in provincia di Cadice, ma traccia il confine con la provincia di Siviglia. Questo picco...
La “noria”: la nuovissima e fallita ru... La ex ruota panoramica di Siviglia La "noria" di Siviglia è stata una nuovissima e fallimentare attrazione turistica della capitale andalusa. Una ruo...

Un punto bianco nella sierra de Grazalema

Grazalema è uno de los Pueblos Blancos (vedi anche Setenil de las Bodegas e Arcos de la Frontera) in provincia di Cadiz. Si ubica sulla strada che collega Ronda ad Arcos de la Frontera. È una piccola cittadina di poco più di 2.000 abitanti che attualmente sta avendo un grande interesse turistico. La sierra de Grazalema, primo parco naturale riconosciuto in Andalusia nel 1984 e Riserva della Biosfera Unesco nel 1997, offre angoli di pace integrando armonicamente la rigogliosa vegetazione con i vari paesini. Il caratteristico colore bianco di questi borghi è dovuto all’usanza di dipingere le case con la calce. Questo servirebbe ad impermeabilizzare le abitazioni ed a riflettere i forti raggi solari d’Andalusia. È curioso però, come Grazalema sia considerata la città spagnola nel quale cadono più millimetri di pioggia durante l’anno.

Vedi anche –> Tour dei Paesi Bianchi più belli

grazalema_andalusia_consigli_vacanze_tour_guida_viaggio_pueblos
Panoramica di Grazalema.

Paesi bianchi in Andalusia: Grazalema

Come la maggior parte dei paesi bianchi, Grazalema ha un’origine araba. Il XVII secolo però, è stato il periodo in cui la cittadina ha avuto una maggior fioritura economica, grazie ai lanifici ed alla produzione delle famose coperte. Un altro prodotto tipico della zona è il queso Payoyo, un gustosissimo formaggio derivato dal latte di capra e fabbricato nel limitrofo paese di Villaluenga del Rosario. Il turismo di Grazalema si incentra principalmente sull’escursionismo, sul trekking e sul relax. Numerosi sono i percorsi attraverso la sierra de Grazalema che collegano i vari paesi bianchi. La vicinanza del parco Los Alcornocales fa sì che, anche in questa zona, sia più che comune incontrarsi con piantagioni di alcornoques, dalla quale si ottiene il prezioso sughero (vedi Parchi Naturali d’Andalusia).

andalusia_consigli_grazalema_tour_guida_viaggio_pueblos
Grazalema nel bel mezzo della omonima sierra.

Tra il XVI e XVII sorgono le più famose testimonianza culturali di Grazalema. La Iglesia de Nuesta Señora de la Aurora, la Iglesia de San Juan e la Iglesia de San José sono gli unici monumenti religiosi rilevanti del paese. La loro architettura è semplice e rurale, ma risulta in coerenza con la sobrietà della cittadina gaditana.

grazalema_andalusia_consigli_vacanze_tour_guida_viaggio
Da sinistra a destra: la Iglesia de San José, la Iglesia de San Juan e la Iglesia de Nuestra Señora de la Aurora.

Dove dormire a Grazalema

Sorprende l’attività turistica di Grazalema. Nonostante le piccole dimensioni, qui è possibile trovare molta disponibilità d’alloggio. Qui potrete consultare la disponibilità di tutte le strutture ricettive. Di sotto, invece, tutti gli hotel in provincia di Cadice in offerta.



Booking.com

Cosa vedere a Grazalema (Cadice):

  • La Chiesa della Nuesta Señora de la Aurora
  • La Chiesa de San Juan
  • La Chiesa de San José
  • Il belvedere

Date le ridotte dimensioni di tutte le cittadine di questa parte della provincia di Cadiz, è molto comune visitare più comuni in una stessa giornata. I tour de los pueblos blancos partono da tutte le maggiori città d’Andalusia Occidentale (Cadiz, Jerez, Malaga, Ronda, Sevilla). Per maggiori informazioni su Grazalema è possibile visitare la pagina web comunale. Per consigli personalizzati o per organizzare un tour non dubitate a scrivere ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilare il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

A Nigüelas per scoprire i limiti della Sierra Neva... La Sierra Nevada è una conformazione montagnosa che ha avuto origine durante la Orogenesi Alpina, così come tutta la cordigliera Betica che caratteriz...
Setenil de las Bodegas…..e non ci credi Sulla strada che conduce a los pueblos blancos (vedi Grazalema e Arcos de la Frontera) e al nord del Parco de los Alcornocales si trova Setenil de la ...
Le spiagge di Chipiona, il mare e molto altro La spiaggia è sicuramente l'elemento più conosciuto di Chipiona. Questa località di mare però nasconde molte cose interessanti da vedere. Imperdibile ...

Setenil de las Bodegas…..e non ci credi

Sulla strada che conduce a los pueblos blancos (vedi Grazalema e Arcos de la Frontera) e al nord del Parco de los Alcornocales si trova Setenil de la Bodegas, una cittadina di 2.800 abitanti nella sierra di Cadiz.  Setenil non è propriamente un paesino turistico tipico, come i “paesi bianchi” della provincia. Se los pueblos blancos, normalmente, svettano dalla cima di un promontorio, Setenil è inghiottita dalla vallata. Il verbo “inghiottire” è sicuramente il più adatto per descrivere i paesaggi che offre questa cittadina.

Vedi anche –> Tour dei Paesi Bianchi più belli

–> Se preferite un viaggio organizzato è disponibile questa visita guidata dei Paesi Bianchi + Ronda partendo da Siviglia.

setenil_andalusia_tour_consigli_viaggio
Setenil è in provincia di Cadiz, ma non lontano da Malaga.

Visitare Setenil de las Bodegas

Come Ronda e Alhama de Granada, anche Setenil fu un abitato fondamentale per la protezione del regno Nazarì. Questo nucleo storico fu considerato inespugnabile da parte dei Re Cattolici, che dovettero produrre sette assalti prima di conquistare Setenil de las Bodegas. Il nome Setenil proviene proprio da Septem nihil, ovvero settimo assedio. Fortunatamente, ancora oggi, il paese conserva delle testimonianze mussulmane, come la fortezza Nazarì del XIII secolo.

setenil_andalusia_tour_consigli_viaggio_cadiz
Vista di Setenil. Si apprezza, al fondo, la Torre mussulmana dell’Homenaje.

Ma ciò che caratterizza maggiormente questo pueblo è lo spettacolare tessuto urbano. Setenil de las Bodegas è un meraviglioso esempio di come l’uomo sia stato capace di adattarsi alla morfologia di questo territorio. Le case e la roccia si utilizzano e si complementano mutuamente fino a creare uno spazio residenziale. Sicuramente, non si può definire Setenil un luogo comodo dove stanziare, per questo motivo è comune la visita di questo originalissimo paese nell’arco di una sola giornata.

setenil_andalusia_tour_consigli_viaggio_paesi
A Setenil è l’uomo che si è adattato alla morfologia del territorio.
setenil_andalusia_tour_consigli_viaggio_roccia
La Calle Sombra a Setenil de las Bodegas.

Se come abbiamo detto, non è consuetudine soggiornare in questo paese, è quasi obbligatorio sedersi alla Calle Sol (uno dei pochi luoghi della vallata in cui entrano i raggi del sole) e provare qualche specialità enogastronomica gaditana (di Cadiz). Questa via, infatti, è frequentatissima dal così detto turismo itinerante (motociclisti, ciclisti, etc.). Accompagnare una migas, una sopa cortijera (zuppa cortigiana), del queso de cabra (formaggio di capra) con del buon vino bianco o rosso di Cadiz, in questo incredibile posto, è una delle sensazioni più particolari che si possono provare in Andalusia.

setenil_andalusia_tour_consigli_viaggio_vacanza
La celebre zona dei bar nella Calle Sol di Setenil.

Dove dormire a Setenil de las Bodegas

Setenil de las Bodegas, essendo di piccole dimensioni, non offre una varia offerta di alloggio. Qui potrete trovare gli unici hotel presenti nel paese dove vivere la magia del borgo. Di seguito, invece, tutte le offerte presenti nella zona.



Booking.com

Cosa vedere a Setenil de las Bodegas (Cadice):

  • La Torre del Homenaje
  • I belvedere
  • La Calle Sol
  • La Calle Sombra

Maggiori informazioni su Setenil de las Bodegas si possono trovare nella pagina web dell’agenzia turistica di Cadiz. Per consigli personalizzati o per organizzare un tour non dubitate a scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Cosa vedere a Carmona: da millenni vigilando la pi... Da 500.000 anni, gruppi di esseri umani si stabilirono nei pressi di Carmona. Una città della provincia di Siviglia a pochi chilometri da Écija, ...
Visitare Itálica a Siviglia: culla romana d’... A circa 12 km di distanza da Siviglia, precisamente nel paesino di Santiponce, si ubica il parco archeologico di Itálica, un giacimento archeologico i...
Cosa vedere ad Alhama de Granada, una gioia araba "¡Ay de mi Alhama!". Così manifestava il suo disgusto un autore anonimo, probabilmente di origine araba, quando durante la Guerra di Granada (1482-14...