Archivi tag: Jerez

Dove mangiare a Jerez: i migliori “tabancos” tradizionali

Alla domanda dove magiare a Jerez, c’è solo una risposta, naturalmente in un tabanco. Un tabanco è un ristorante, o meglio un bar tipico di Jerez nella quale oltre mangiare e bere è possibile comprare il vino sfuso. È un locale intermedio tra il ristorante e la cantina dove sarà possibile nella maggior parte delle volte prendere un bicchierino di buon vino a solo 1 euro! Continua la lettura di Dove mangiare a Jerez: i migliori “tabancos” tradizionali

andalusia consigliata:

Paesi vicino Siviglia: 6 escursioni in giornata Dopo aver visitato la Giralda, l'Alcazar e tutti i monumenti di Siviglia, è possibile fare un'escursione in giornata nei paesi nei dintorni della capi...
Quanto conosci Malaga? Un test di 15 domande per m... Dato il grande successo del quiz di 15 domande su Siviglia, mi sembra giusto proporre lo stesso giochino con Malaga, la capitale della Costa del Sol. ...
10 sensazioni (per 5 sensi) da provare a Siviglia La vista di Siviglia: A Siviglia c'è molto da vedere, molta bellezza da contemplare e moltissimo patrimonio culturale da scoprire. Sicuramente la vist...

Le 8 città in Andalusia più belle da visitare la prima volta

La prima volta in Andalusia non si scorda mai, soprattutto perché sempre cerchiamo di visitare tutte le città e località più belle. Una delle e-mail più frequenti, infatti, è la classica domanda “quale città mi raccomandi visitare in Andalusia?“. Chi mi porge tale quesito è sicuramente un principiante in questa regione del sud della Spagna. Continua la lettura di Le 8 città in Andalusia più belle da visitare la prima volta

andalusia consigliata:

10 sensazioni (per 5 sensi) da provare a Siviglia La vista di Siviglia: A Siviglia c'è molto da vedere, molta bellezza da contemplare e moltissimo patrimonio culturale da scoprire. Sicuramente la vist...
“Cortijos, lagares e almazaras”: gli e... Attraversando le campagne d'Andalusia è molto frequente imbattersi in decine e decine di edifici isolati, spesso molto grandi e ben visibili poiché il...
Il toro de Osborne: simbolo spagnolo o d’Andalusia... Lungo le autostrade d’Andalusia, e non solo, spesso vi sarà capitato di scorgere nell’orizzonte un toro nero. Avvicinandovi sempre più incomincerete a...

Alla scoperta di un’autentica cantina di Jerez: la Bodega Viña La Constancia

L’enoturismo è sempre più di moda. Come in Italia, anche in Andalusia le cantine stanno cercando si valorizzare il proprio lavoro agricolo, creando delle proposte turistiche. Spesso però, il settore turistico diventa predominante e le cantine o Bodegas si convertono in veri e propri centri tematici, perdendo l’anima agricola, il sapore della fatica e l’odore pungente della campagna.

Vedi anche –> Cosa vedere a Jerez in un giorno

Vedi anche –> Dove mangiare a Jerez: i migliori tabancos

Cantina Bodega Jerez mirador
La vista delle botti dal “mirador”

La Cantina di Jerez Viña la Constancia

Questo, sicuramente, non succede nella Viña La Constancia, Bodegas Hdros. N. Martin, una cantina localizzata nel triangolo Jerez de la Frontera, El Puerto de Santa María e Sanlúcar de Barrameda e nella quale si producono vini della Denominazione d’Origine Protetta (DOP) “Jerez-Xeres-Sherry” (vedi Vini DOP d’Andalusia). In concreto questa cantina familiare si posiziona sul Cerro (colle) Santiago, lungo la strada che collega Jerez con Sanlúcar e rappresenta la prima vera e propria vigna uscendo dall’edificato di Jerez.

Cantina Bodega Jerez
La cantina Viña la Constancia di Jerez.

La collina, che climaticamente si situa in una zona molto favorevole, ospita i 24,5 ettari della vigna de La Constancia. Una coltivazione d’uva primariamente del tipo “Palomino Fino“, circa il 95%. Il restante 5%, invece, è coltivato con uva “Pedro Ximénez“. Gran parte delle piante hanno 47 anni e tutta la potatura avviene ancora a mano, così come la raccolta.

Cantina Bodega Jerez paesaggio
Il fantastico paesaggio in cui è immersa la cantina.

Il suolo della collina è, sorprendentemente, secco. L’uva DOP “Jerez-Xeres-Sherry”, infatti, non può mai essere irrigata e per questo, risulta essere fondamentale l’anzianità delle piante, dove le lunghe radici penetrano nel terreno assorbendo l’umidità necessaria. Una pianta giovane e poco sviluppata, soffrirebbe terribilmente la scarsità idrica a cui è sottoposto il vigneto.

Cantina Bodega Jerez vigna
L’arido suolo del vigneto nella sua fase invernale.

Pepe, il proprietario della cantina e persona di un’enorme cultura vitivinicola, è colui che personalmente si prende cura delle piante e delle botti. Barili fatti a mano (in rovere americano) ereditati di generazione in generazione. Il passare del tempo danneggia qualche botte, ma anche in questo caso, grazie alle conoscenze di Pepe, le riparazioni avvengono effettuate nella stessa cantina rispettando l’antica tradizione.

A far compagnia al colto proprietario non possono mancare due cagnolini, perros bodegueros (cani da cantina). Questa razza, che deriva dal Terrier, importata dagli inglesi, si è ridefinita a Jerez. Ormai da secoli, infatti, questi cagnolini vengono usata dall’uomo per cacciare topi e altri piccoli animali che possano presentarsi nelle cantine.

Cantina Bodega Jerez cane
Fondamentale è il lavoro del perro bodeguero.

La cantina è divisa sostanzialmente in due parti. Quella principale è quella che presenta un importante tasso d’umidità, utile per la maggior parte della produzione vinicola della bodega. In questo spazio riposa almeno 4 anni il vino Fino, sotto un “velo de flor” (strato di lievito) che non permette l’ossigenazione.

Cantina Bodega Jerez botti fino
Le botti di Criadera (in alto) e Solera (vicino al suolo).
Cantina Bodega Jerez botti
I barili di vino dolce.

Una seconda sala, invece, è secca. Il cocente sole andaluso batte direttamente senza alcun isolamento (soleo). Questa procedura è necessaria per lo sviluppo dei vini dolci come per esempio il Pedro Ximénez (unico prodotto non di uva del tipo palomino). Il vino conservato in quest’area deve condividere lo spazio con le più piccole botti d’aceto. Questo prodotto viene invecchiato qui 25 anni.

Cantina Bodega Jerez botti
Piccoli particolari…che riflettono l’autenticità dell’esperienza.

Il Vino DOP Jerez-Xeres-Sherry

Cantina Bodega Jerez botti pepe
Pepe, il proprietario, “venenciando”.

Riassumendo, i vini che la Viña La Constancia produce e che ho avuto il piacere di assaggiare sono 5 (dal più chiaro al più scuro): Fino, Amontillado, Oloroso, Cream e Pedro Ximénez. Ogni vino un’esperienza diversa e un mondo diverso anche se procedente per lo più dalla stessa uva. Si passa dal secco Fino, al dolcissimo Pedro Ximénez, passando dai toni mandorlati e nocciolati dell’Amontillado e dell’Oloroso. Il Cream, invece, è per lo più vino Oloroso con l’aggiunta di un tocco dolciastro dato dal Pedro Ximénez.

Cantina Bodega Jerez vini
I prodotti della Viña la Constancia di Jerez.

Da aprile 2016 la cantina inizierà la propria “avventura” turistica, puntando sull’autenticità e sulla genuinità dell’esperienza. Diversamente dalla gran parte delle Bodegas presenti a Jerez, la Viña la Constancia, infatti, può contare con un paesaggio agricolo naturale e un’atmosfera assolutamente familiare.

Cantina Bodega Jerez paesaggio vino
La Bodega La Constancia di Jerez immersa nel paesaggio rurale.

Per maggiori informazioni enoturistiche o per visitare la cantina Viña la Constancia è possibile contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Luoghi d’interesse in Andalusia da visitare ... Come sapere cosa vedere e quali sono i luoghi d'interesse in Andalusia da non perdere assolutamente? Oggi ho trovato un sistema molto semplice ed effi...
I Patrimoni Unesco d’Andalusia (materiali ed immat... In un mondo nella quale gran parte delle scelte sono standardizzate, anche il settore culturale si è munito della propria certificazione di garanzia, ...
Dove dormire in Andalusia: città, zone e tipi di h... Per poter visitare Siviglia, Malaga, Cordoba, Granada e Cadice efficientemente sarà importante scegliere al meglio dove dormire in Andalusia. Decidere...

Il tour on the road d’Andalusia di Daniela

Per la terza puntata di “Andalusia con i tuoi occhi“, Daniela condivide le foto del suo tour on the road in Andalusia.

Malaga-Tour_Andalusia_On the road
Daniela salendo verso il Castello di Gibralfaro a Malaga.
Alhambra_Granada_Andalusia_Tour_On the road
La porta della giustizia nell’Alhambra di Granada.

Atterrati a Malaga, Daniela e Michele, decidono che l’Andalusia meriti la pena di essere scoperta on the road, ovvero in viaggio e senza vincoli. L’Andalusia in effetti si presta ad un tour del genere, nel quale l’esperienza del viaggio risulta essere l’autentica vacanza. Gli spostamenti ed i paesaggi agricoli (vedi Cortijos e Lagares d’Andalusia) tra una grande città e l’altra sono la vera essenza d’Andalusia. Il viaggio on the road offre, inoltre, la possibilità di soddisfare tutte le esigenze e le curiosità che sorgono durante la propria permanenza.

Girlada_Siviglia_Andalusia_On the road_Tour_consigli
La classica foto della Giralda dalla porta del Patio de Banderas.

Il tour on the road in Andalusia:

In particolare, la coppia aretina, opta per visitare il triangolo culturale: MalagaGranadaSiviglia, per poi lanciarsi verso la costa e verso la fine del continente europeo a Tarifa, questo non senza aver prima fatto una sosta a Jerez de la Frontera per assaporare il rinominato sherry e visitare il famoso circuito motociclistico.

Sherry_jerez_Tio pepe_Andalusia_Tour_Cosa vedere_Andalucia
La cantina di González Byass, marca che produce il rinomato sherry Tio Pepe.

Nei tre capoluoghi di provincia (Malaga, Granada e Siviglia) non sono potute mancare le visite a parte del meraviglioso patrimonio storico della regione: il Castello Gibralfaro di Malaga, l’Alhambra  di Granada e la Cattedrale di Siviglia sono state delle tappe obbligate. Il turismo culturale delle città non ha precluso, però, momenti leggeri e d’ozio come le passeggiate nel Muelle Uno o nel Mercato della Atarazanas di Malaga (vedi 6 Mercati in Andalusia), sporcarsi le mani con gli espetos nel Pedregalejo, la visita della Real Maestranza di Siviglia o una romantica cena lungo il Guadalquivir.

Cadiz_Andalusia_Costa della Luz_Andalucia_Consigli_Tour
La Costa della Luz nei pressi di Tarifa.

Per chiudere il cerchio del tour, Daniele e Michele scelgono di fermarsi a Marbella, rinomata e movimentata località di mare in Provincia di Malaga. La Costa del Sol d’altronde, per la quantità e qualità dei servizi al turista che vengono offerti, è una delle principali mete europee del turismo che in Spagna chiamano de Sol y Playa.

road_Andalucia_COnsigli
Michele lanciandosi nel Mediterraneo con una moto d’acqua.



andalusia consigliata:

Ricordo di Granada Una Granada che emoziona è quella che ci racconta Velia, autrice del blog Alla fine di un viaggio e che oggi partecipa alla rassegna settimanel "Andal...
La Siviglia di Cecilia: tra leggende e azulejos Per la rassegna "Andalusia con i tuoi occhi", ricevo da Cecilia questo fantastico contributo. L'autrice non solo esprime il proprio sentimento riguard...
Emozioni in Andalusia di Jacopo A fine agosto ho intrapreso un viaggio di una settimana in cui ho percorso varie tappe dell'Andalusia. Da Malaga a Ronda, da Cordoba a Granada e ...