Archivi tag: Flamenco

Dove vedere uno spettacolo flamenco a Siviglia

Non è facile consigliare in quali locali vedere il migliore spettacolo flamenco a Siviglia. Tanti sono i fattori da considerare, così come i gusti da soddisfare. Visitare Siviglia e non assistere a uno spettacolo flamenco, nella patria di origine di quest’arte, è davvero imperdonabile. La voglia di vedere uno spettacolo flamenco però può portare a commettere degli errori e per questo di seguito lascerò dei consigli per poter scegliere il locale migliore per le nostre esigenze. Continua la lettura di Dove vedere uno spettacolo flamenco a Siviglia

andalusia consigliata:

Vita notturna a Siviglia! Dove uscire la sera nell... C'è una famosa canzone (ormai diventata noiosa) che dice: "Sevilla tiene un color especial", ovvero Siviglia ha un colore speciale. Effettivamente la ...
Cosa vedere a Carmona: da millenni vigilando la pi... Da 500.000 anni, gruppi di esseri umani si stabilirono nei pressi di Carmona. Una città della provincia di Siviglia a pochi chilometri da Écija, ...
Visitare Itálica a Siviglia: culla romana d’... A circa 12 km di distanza da Siviglia, precisamente nel paesino di Santiponce, si ubica il parco archeologico di Itálica, un giacimento archeologico i...

I Patrimoni Unesco d’Andalusia (materiali ed immateriali)

In un mondo nella quale gran parte delle scelte sono standardizzate, anche il settore culturale si è munito della propria certificazione di garanzia, il marchio Unesco.

L’Andalusia è una delle regioni spagnole con il più elevato numero di Patrimoni Unesco: SEI, alcuni molto famosi, altri meno.  A questi però bisogna aggiungere i TRE patrimoni immateriali, ovvero quelli che rappresentano e caratterizzano la cultura e gli usi della regione. Al giorno d’oggi i riconoscimenti Unesco materiali per i paesi europei hanno rallentato il proprio ritmo, data la grande differenza quantitativa con gli altri continenti del mondo. Per questo motivo, tutte le nuove candidature andaluse, come la Cattedrale di Jaén o il parco archeologico di Medina Azahara, non avranno vita facile.

I patrimoni Unesco materiali in Andalusia:

1. Alhambra, Generalife y Albaicín (Granada – 1984, ampliato nel 1994): il complesso monumentale dell’Alhambra e del Generalife è il bene culturale più visitato della Spagna con 2,4 milioni di visitatori all’anno. Se a questo si aggiunge il meraviglioso quartiere d’origine araba dell’Albaicín scopriamo il perchè di questo riconoscimento Unesco.

Il famosissimo Patio de los Leones nell’Alhambra di Granada.
Il famosissimo Patio de los Leones nell’Alhambra di Granada.

Situati su due colline adiacenti, l’Albaicín e l’Alhambra rappresentano il centro medievale di Granada, che domina la città moderna. Nella parte orientale della fortezza e residenza reale dell’Alhambra si situano i meravigliosi giardini del Generalife, case di campagna degli emiri che governarono questa parte della Spagna nel XIII e XIV secolo. Il quartiere Albaicín conserva una ricca serie di costruzione more armoniosamente fuse con l’architettura tradizionale andalusa.” (UNESCO/ERI)

 alhambra_andalusia_consigli_albayzin_tour_guida_viaggio
Vista dell’Alhambra dalla Plaza de San Nicolas nell’alto Albaicin.

2. Centro Storico di Córdoba (Córdoba – 1984, ampliato nel 1994): erroneamente spesso si pensa che a Córdoba, solamente la Mezquita-Cadetral sia Patrimonio Unesco. Invece in questa città sulle sponde del Guadalquivir, tutto il nucleo storico è stato insignito con il sigillo Unesco.

I fantastici archi della Mezquita-Catedral di Córdoba.
I fantastici archi della Mezquita-Catedral di Córdoba.

Il periodo di gloria di Córdoba iniziò nell’ottavo secolo dopo la conquista moresca, quando vennero costruiti circa 300 moschee e innumerevoli palazzi ed edifici pubblici. Lo splendore della città, arrivò a rivaleggiare con le ben più grandi Costantinopoli, Damasco e Baghdad. Nel XIII secolo, ai tempi di Ferdinando III, la grande moschea è stata trasformata in una cattedrale cristiana e vennero costruiti nuovi edifici difensivi come la Torre Fortezza della Calahorra e l’Alcazar de los Reyes Cristianos.” (UNESCO/ERI)

Córdoba dall’alto, dall’Alcazar de los Reyes Cristianos.
Córdoba dall’alto, dall’Alcazar de los Reyes Cristianos.

3. Cattedrale, Alcázar e Archivo de Indias di Siviglia (Siviglia – 1987): forse il centro storico di Siviglia, come quello di Córdoba, meriterebbe di essere riconosciuto totalmente dall’Unesco. In questo momento, però, solo questi tre monumenti sono inclusi nella prestigiosa lista. In verità Siviglia si è avvicinata più alla perdita del riconoscimento Unesco che all’ampliamento (vedi 5 cose che non sapevate di Siviglia).

donana_huelva_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Il Patio delle Donzelle nella Real Alcazar di Siviglia.

Questi tre edifici formano un notevole complesso monumentale nel cuore di Siviglia. La Cattedrale e l’Alcázar sono due eccezionali testimonianze della civiltà almohade e della Siviglia cristiana, la cui arte è stata molto ricca di influenza moresca dalla riconquista della città (1248), sino al XVI secolo. Il vecchio minareto della Giralda, prestigiosa opera d’architettura almohade, si trova lungo un lato della Cattedrale. Questa chiesa dalle cinque navate è il più grande edificio gotico in Europa e ospita la tomba colossale di Cristoforo Colombo (una delle varie). Nel vecchio mercato, che è diventato Archivo de Indias, sono conservate preziosissime risorse documentarie delle colonie spagnole in America.” (UNESCO/ERI)

La Giralda e la Cattedrale di Siviglia, alla sinistra si situa l’Archivo de Indias.
La Giralda e la Cattedrale di Siviglia, alla sinistra si situa l’Archivo de Indias.

4. Parco Naturale di Doñana (Huelva, Siviglia, Cadice – 1994, ampliato nel 2005): tutti non sanno che i patrimoni Unesco possono essere culturali, naturali o misti. L’unico Patrimonio Naturale riconosciuto dall’Unesco in Andalusia è questo spazio protetto (vedi I Parchi Naturali d’Andalusia) che si sviluppa lungo il fiume Guadalquivir, il principale asse geografico della regione.

donana_huelva_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
La biodiversità del Parco Nazionale Doñana.

Situato in Andalusia, il Parco di Doñana occupa la riva destra della foce del fiume Guadalquivir, vicino alla sua immissione nell’Atlantico. È noto per la varietà dei suoi biotopi: lagune, paludi, macchia, macchia mediterranea e dune mobili e permanenti. È l’habitat di cinque specie di uccelli in via di estinzione, ha una delle più grandi popolazioni di aironi nella regione mediterranea e serve come rifugio invernale a più di mezzo milione di uccelli acquatici.” (UNESCO/ERI)

Il Parco Naturale Doñana prima lungo l'Atlantico.
Il Parco Naturale Doñana lungo l’Atlantico.

5. Arte rupestre dell’arco mediterraneo della Penisola Iberica (Jaén, Almeria, Granada – 1998): sicuramente è il patrimonio Unesco presente in Andalusia meno conosciuto. Un’onorificenza condivisa con altre regioni della Spagna e che troviamo in tre province andaluse: 42 siti in provincia di Jaén, 25 siti in provincia di Almeria e 2 siti in provincia di Granada. Tra le più rilevanti sono le iscrizioni che troviamo a Vélez Blanco (Almeria).

Cosa_vedere_velez_blanco_indalo
L’Indalo, simbolo d’Almeria.

Situati lungo la costa mediterranea della penisola iberica, questi siti di arte rupestre risalgono alla fine della preistoria. Costituiscono un gruppo di eccezionale importanza, nella quale viene mostrato una fase cruciale di sviluppo degli esseri umani attraverso dipinti che, per il proprio stile e  tema, sono unici nel loro genere.” (UNESCO/ERI)

Cosa_vedere_velez_blanco_iscrizioni
Scena di caccia.

6. Complesso monumentale rinascimentale di Úbeda e Baeza (Jaén – 2003):  è il penultimo patrimonio materiale riconosciuto in Andalusia. Úbeda e Baeza testimoniano il bellissima ma semi-sconosciuto patrimonio culturale della provincia di Jaén. Nello specifico, in questi due paesi, risaltano i monumenti rinascimentali.

La Sacra Capilla del Salvador e il Palazzo di Deán Ortega nella principale piazza di Úbeda.
La Sacra Capilla del Salvador e il Palazzo di Deán Ortega nella principale piazza di Úbeda.

La configurazione urbana delle due piccole città di Úbeda e Baeza nel sud della Spagna risale al periodo della dominazione araba (IX secolo) e della Riconquista (XIII secolo). Nel XVI secolo, entrambe le città hanno sperimentato significativi cambiamenti, effettuando ristrutturazioni ispirate allo stile del Rinascimento. Queste trasformazioni urbane erano dovute all’introduzione in Spagna di nuove idee umanistiche procedenti dall’Italia ed hanno esercitato una grande influenza sull’architettura dell’America Latina.” (UNESCO/ERI)

L’Hospital de los Honrados Viejos del Salvador di Úbeda.
L’Hospital de los Honrados Viejos del Salvador di Úbeda.

7. Il complesso dei Dolmen di Antequera (Malaga – 2016): è l’ultimissimo Patrimonio Unesco ricnosciuto in Andalusia. Grazie ad un fantastico sforzo del comune, i Dolmen, il Torcal e la Peña de los Enamorados sono entrati a far parte della ristretta selezione di beni Unesco.

cosa_vedere_antequera_andalusia_dolmen_menga
L’entrata al Dolmen di Manga.

Located at the heart of Andalusia in southern Spain, the site comprises three megalithic monuments: the Menga and Viera dolmens and the Tholos of El Romeral, and two natural monuments: La Peña de los Enamorados and El Torcal mountainous formations, which are landmarks within the property. Built during the Neolithic and Bronze Age out of large stone blocks, these monuments form chambers with lintelled roofs or false cupolas. These three tombs, buried beneath their original earth tumuli, are one of the most remarkable architectural works of European prehistory and one of the most important examples of European Megalithism.” (UNESCO/ERI)

torcal_malaga_tour_andalusia_cosigli_viaggi
Il paesaggio carsico del Torcal di Antequera.

I patrimoni Unesco immateriali in Andalusia:

1.  Il Flamenco (2010): questo genere musicale tipicamente andaluso è stato riconosciuto dall’Unesco come Patrimonio Immateriale dell’Umanità. Uno stile musicale che va oltre al canto e al ballo e che ha proprie radici culturali legate fortemente con il territorio e con le popolazioni che hanno vissuto in Andalusia: mori, ebrei, gitani.

Camarón de la Isla, uno dei simboli del Flamenco andaluso.
Camarón de la Isla, uno dei simboli del Flamenco andaluso.

Il Flamenco è un’espressione artistica risultante dalla fusione di musica vocale, l’arte della danza e l’accompagnamento musicale, chiamati rispettivamente “cante, baile y toque”. Il luogo di nascita del Flamenco è la regione dell’Andalusia, nel sud della Spagna, anche si è radicato in regioni come Murcia ed Estremadura. Il canto Flamenco viene interpretato solitamente da una unica persona seduta, che può essere un uomo o una donna. Questo esprime una gamma di sentimenti e stati d’animo sinceri (dolore, gioia, tragedia, piacere, paura), attraverso testi espressivi caratterizzati dalla brevità e semplicità. “El baile Flamenco” è una danza di passione e corteggiamento, esprime anch’essa una gamma di emozioni, che vanno dalla tristezza alla gioia. La sua tecnica è complessa e l’interpretazione è varia a seconda di chi lo interpreta: se un uomo si danza con grande forza, utilizzando principalmente i piedi; e se una donna potrà apportare movimenti più sensuali. Il tocco di chitarra Flamenco ha evoluto il suo ruolo originale d’accompagnamento al canto. La musica è composta da altri strumenti come le nacchere, le mani ed i tacchi. Il Flamenco è interpretato in occasione della celebrazione delle feste religiose, di rituali, di cerimonie e delle feste private. È un segno d’identità di molti gruppi e comunità, in particolare la comunità gitana, che ha svolto un ruolo fondamentale nella sua evoluzione. La trasmissione del Flamenco viene eseguita entro le dinastie di artisti, famiglie, club di flamenco e gruppi sociali, che svolgono un ruolo chiave nella conservazione e la diffusione di quest’arte.” (UNESCO/ERI)

2. La dieta Mediterranea (2010, ampliato nel 2013): la gastronomia è un elemento che caratterizza l’Andalusia. Come in tutti gli altri stati del bacino del Mediterraneo che fanno parte di questo riconoscimento Unesco, la dieta andalusa ha degli aspetti di valore non solo dal punto di vista nutritivo e salutare, bensì anche culturale e sociale.

Il salmorejo: un piatto cordobés che ben rappresenta la dieta mediterranea.
Il salmorejo: un piatto cordobés che ben rappresenta la dieta mediterranea.

La dieta mediterranea è costituita da un insieme di conoscenze, abilità pratiche, riti, tradizioni e simboli relativi a coltivazioni e colture agricole, alla pesca e zootecnia, oltre al modo di conservare, trasformare, cuocere, condividere e consumare il cibo . L’atto di mangiare insieme è uno dei fattori fondamenti dell’identità e della continuità culturale delle comunità del bacino del Mediterraneo. È un tempo di scambio sociale e di comunicazione, così come l’affermazione ed il rinnovo dei legami che costituiscono l’identità della famiglia, gruppo o comunità. Questo elemento del patrimonio culturale immateriale mette in evidenza i valori di ospitalità, buon vicinato, il dialogo interculturale, la creatività e un modo di vita che è guidato dal rispetto per le diversità. Svolge inoltre un ruolo fondamentale nel fattore della coesione sociale in spazi culturali, sagre e feste, riunendo persone di tutte le età, classi e condizioni sociali. Esso copre anche settori come l’artigianato e la produzione dell’imballaggio, lo stoccaggio e il consumo di alimenti, come i piatti in ceramica ed i bicchieri. Le donne svolgono un ruolo fondamentale nel trasferimento di competenze e conoscenze legate alla dieta mediterranea, salvaguardando le tecniche culinarie, rispettando i ritmi stagionali, conservando le festività del calendario e trapassando i valori di questi elementi alle generazioni future. Nel frattempo, i mercati alimentari locali svolgono un ruolo chiave come centri culturali e luoghi di trasmissione della dieta mediterranea nella pratica quotidiana degli scambi, favorendo l’armonia e rispetto reciproco.” (UNESCO/ERI)

La colazione salata è una delle caratteristiche della dieta andalusa.
La colazione salata è una delle caratteristiche della dieta andalusa.

3. La festa dei cortili di Córdoba (2012): è una delle feste del ricchissimo mese di Maggio di Córdoba. Con questa iniziativa, oltre al concorso del patio più bello, si vuole celebrare l’importanza che ha avuto il ruolo del “vicinato” nella storia di Córdoba e delle città andaluse in generale (vedi I cortili di Córdoba: molto più che una festa di fiori)

Uno dei cortili vincitori del concorso nel 2015.
Uno dei cortili vincitori del concorso nel 2015.

Ai primi di maggio, e per dodici giorni si svolge a Córdoba la festa dei cortili. Le corti sono abitazioni collettive abitate da diverse famiglie o gruppi di singole abitazioni, che hanno un cortile comune e si trovano nel centro storico della città. I cortili sono decorati con innumerevoli piante di molteplice varietà attentamente e gradevolmente disposte. Il festival comprende due eventi principali: il Concorso dei Patios e il Festival del Patio de Córdoba. I premi della competizione sono stabiliti a seconda delle varie piante e decorazioni floreale dei cortili, oltre all’ulteriore premio per le recinzioni ed i balconi. I cortili partecipanti al concorso sono aperti al pubblico durante tutta la durata dell’evento. Questo spettacolo è organizzato principalmente in Patios più grandi, dove vengono interpretate le canzoni e la musica popolare di Córdoba, soprattutto canti e balli Flamenco. I vicini, insieme alle loro famiglie e agli amici si riuniscono per decorare le terrazze, che diventano luoghi d’intrattenimento ed una festa collettiva in cui tutti mangiano e bevono assieme. Il Festival del Patio de Córdoba, invece, promuove il ruolo del cortile come un luogo d’incontro interculturale e incentiva un modo di vita sostenibile, basato sulla creazione di forti legami sociali, le reti di solidarietà e di scambi tra i vicini, stimolando l’acquisizione delle conoscenze e il rispetto per la natura.” (UNESCO/ERI)

cordoba_andalusia_tour_cosa
Insegna commemorativa del riconoscimento Unesco: Patrimonio Immateriale dell’Umanità.

Per maggiori info potete scrivere ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilare il seguente form:

Accetto la Privacy Policy



andalusia consigliata:

Quando andare in Andalusia? Mesi quando visitarla,... Consigli per un viaggio nel sud della Spagna: i migliori mesi per andare in Andalusia, il meteo, le temperature, gli eventi e cosa vedere. Viaggiar...
Monumenti di Granada da vedere in due giorni I monumenti a Granada da vedere sono tanti, non solo c'è l'Alhambra, e per questo è necessario visitare questa città durante almeno due giorni. Una ci...
La colonna sonora del tuo Tour dell’Andalusi... Le guide che trovate in commercio vi spiegano tutto: cosa vedere, dove mangiare e a quali attrazioni assistere. Nessuna però vi consiglia quali canzon...

La colonna sonora del tuo Tour dell’Andalusia (non solo flamenco)

Le guide che trovate in commercio vi spiegano tutto: cosa vedere, dove mangiare e a quali attrazioni assistere. Nessuna però vi consiglia quali canzoni ascoltare per ambientarsi durante un tour in Andalusia. Sui trasporti pubblici o viaggiando in auto, sicuramente troverete il tempo di ascoltare e farvi accompagnare dalla musica andalusa caricata sul vostro smartphone.

camaron_tour-andalusia_flamenco_cosa-vedere_consigli_musica
L’etichetta che dovrebbe accompagnarvi durante il tour dell’Andalusia.

Dicendo musica andalusa, sicuramente tanti di voi staranno pensando ad una compilation di flamenco. Non posso mentire, in un tour dell’Andalusia è imprescindibile qualche canzone di flamenco, ma di seguito scoprirete che in questa terra meridionale la cultura musicale è varia.

La colonna sonora del tour dell’Andalusia:

  • Mi piacerebbe iniziare il viaggio senza stress e con la stessa tranquillità e leggerezza con cui il cantautore Joaquín Sabina (di Úbeda) racconta le proprie storie…
  • …continuando sulla stessa linea d’onda leggiadra e spensierata, propongo il gruppo jazz O’Sister! (di Siviglia). Qualcosa che sicuramente non vi aspettavate: jazz e swing nella terra dei toreri.
  • Una canzone con una delicatezza unica e che sembra uscire da una favola,  è quella elaborata da Nono Garcìa (di Barbate) per il film “Atún y chocolate”.
  • Ora iniziamo ad incrementare il ritmo e lo facciamo con una canzone del grandissimo Camaron (di San Fernando), un “flamenco” decisamente inusuale…volando voy!
  • Ci inoltriamo nel flamenco, rimanendo però su quello più popolare. Estrella Morente (di Granada), figlia d’arte, ha riproposto in chiave flamenco questo vecchio tango per il film “Volver” di Almodovar.
  • Non crediate che ho dimenticato un altro grande del flamenco. La spettacolare chitarra di Paco de Lucía (di Algeciras) accompagna Camaron, regalandoci un’opera d’arte.
  • Dal genere flamenco si passa velocemente alla copla, un genere musicale poetico molto antico. Sicuramente la più grande interprete (infatti la chiamano “la más grande”) è Rocío Jurado (di Chipiona).
  • Dalla grande tradizione passiamo progressivamente a temi più ricercati.  Un cantautore che permette, con romanticismo, questo passaggio è Toni Zenet (di Málaga).
  • Iniziamo a preparare il grande finale. Chambao (di Málaga) con il suo alternativo flamenco-chill (un mix tra musica elettronica, flamenco e chill out) ispira un infinito aperitivo, alla luce del tramonto, su una delle fantastiche spiagge andaluse.
  • Completo il tris malaguño con i Free Soul Band. Le performance live di questo gruppo musicale sono una garanzia. Passione, divertimento e grandi voci vivacizzano ogni anno la Feria diurna del centro di Màlaga.
  • Canzoni decisamente molto più urbane sono quelle del rocker Silvio (de La Roda de Andalucía). Un’artista che ascoltato al momento giusto può dar luogo ad una grande serata.
  • Ma le serate migliori sono quelle che finiscono con lui: Raphael (di Linares). Se vi trovate a cantare a squarciagola “Mi Gran Noche” allora significa che siete riusciti ad ambientarvi perfettamente in Andalusia. Complimenti!

Il tour e la musica andalusa è piaciuta molto, purtroppo però, è il momento di tornare a casa, in Italia. Per questo ho una menzione speciale, una canzone di Serrat. Un cantautore catalano che a parer mio può allietare questo dispiacere, celebrando quel fantastico bacino di culture che ci accomuna: il Mediterraneo.

Cosa ascoltare in Andalusia:

  1. Joaquín Sabina – Y Nos Dieron Las Diez
  2. O’Sister! – I Hate Myself
  3. Nono García – Atún Y Chocolate
  4. Camaron de la Isla – Volando Voy
  5. Estrella Morente – Volver
  6. Camaron de la Isla y Paco de Lucia – Como El Agua
  7. Rocío Jurado – Paloma Brava
  8. Toni Zenet – Estela
  9. Chambao – Ahi Estas Tu
  10. Free Soul Band – You Know I’M No Good (Cover Amy Winehouse)
  11. Silvio – Betis
  12. Raphael – Mi Gran Noche
  13. Joan Manuel Serrat – Mediterraneo



andalusia consigliata:

Comprare biglietti per l’Alhambra: cosa fare... Comprare i biglietti per l'Alhambra di Granada quando sono finiti sul portale ufficiale non è cosa semplice. Per questo dispenso dei consigli su come ...
Quanto conosci l’Andalusia? 5 domande per i ... Dopo aver ottenuto un ottimo risultato nel Quiz Iniziale delle tue conoscenze sull'Andalusia, queste sono le 5 domande un pelino più difficili! E...
Ponte 1 novembre: curiosi cimiteri in Andalusia Durante il ponte del 1 novembre anche in Andalusia vengono ricordate le ricorrenze cristiane di "Ognissanti" ed il "Giorno dei morti" ed esattamente c...

10 sensazioni (per 5 sensi) da provare a Siviglia

La vista di Siviglia:

A Siviglia c’è molto da vedere, molta bellezza da contemplare e moltissimo patrimonio culturale da scoprire. Sicuramente la vista dello skyline sivigliano, con la Giralda onnipresente, è qualcosa che non può lasciare indifferenti. Dall’alto de Las Setas (Metropol Parasol de la Encarnación), al tramonto, Siviglia s’illumina ed è bellissima, perché, come dice la canzone: “Sevilla tiene un color especial!”.

Lo skyline di Siviglia da "Las Setas".
Lo skyline di Siviglia da “Las Setas”.

Somma indecisione per quanto riguarda la seconda scelta. L’Alcazar, il Monastero de la Cartuja, il Ponte di Triana con il Guadalquivir, la Torre de Oro sono tutti beni unici e che andrebbero premiati, ma per l’autorevolezza e per l’armonia tra gli elementi antropici e naturali scegliamo la vista della Plaza de España dal Parco Maria Luisa.

La magnifica Plaza de España di Siviglia.
La magnifica Plaza de España di Siviglia.

L’udito:

Andalusia è la terra del Flamenco ed è proprio da qui che iniziamo. Particolari sensazioni trasmette la Sevillana, un sottogenere del Flamenco che specialmente viene suonata durante la Feria. La musica, accompagnata dal suono del taconeo (sbattere il tacco contro il suolo),  las palmas (tenere il ritmo con le mani) e dall’entusiasmo che manifestano las bailaoras, fa sì che la Feria sia un evento gioviale e di manifesta bellezza.

Se in Aprile si ascoltano le divertenti musiche della Feria, poco prima, durante la Settimana Santa, sono immancabili  le marce delle confraternite. A Siviglia le bande provano tutto l’anno le musiche della Settimana Santa. I luoghi preferiti dove i musicisti si radunano per affinare le melodie sono la riva del Guadalquivir e il Parco Maria Luisa. Perciò nella capitale andalusa, in qualunque epoca dell’anno, se ascoltate una marcia di questo genere, fermatevi e godetevela, poiché questa è Siviglia!

L’olfatto:

Non ci sono dubbi, due sono gli odori che caratterizzano Siviglia: el Azahar e “el olor a Semana Santa“. Il primo è il fiore dell’arancio che in primavera dona il suo aroma per le vie della città. Sembra impossibile, ma sopratutto durante le sere primaverili, viene voglia di passeggiare per le vie alberate del centro solo per essere inebriati da questo delicato profumo che annuncia l’imminente arrivo dell’estate.

siviglia_andalusia_viaggio_tour_vedere_consigli_andalucia_visitare
Il fiore dell’arancio caratterizza le sere primaverili di Siviglia.

“El olor a Semana Santa” è il profumo dell’inceso. A Siviglia, l’incenso viene identificato strettamente con la Settimana Santa anche se viene venduto per le strade durante tutto l’anno. I “venditori di fumo” ambulanti si appostano agli angoli delle vie più frequentate come l’Avenida Costitución, il Patio de Banderas, la Calle Sierpes e la Calle Tetuán e dispensano nell’ambiente, par attirare la clientela, il caratteristico profumo di questa resina.

I "vendedores de humo" cercano di invogliare la clientela bruciando parte del loro prodotto.
I “vendedores de humo” cercano di invogliare la clientela bruciando parte del loro prodotto.

Il tatto:

D’estate a Siviglia fa caldo, caldissimo. Anche di notte la situazione non migliora, l’afa è opprimente. Tutto ciò se non si passeggia lungo il Guadalquivir per “tomar el fresco”. La brezza che il fiume regala ai residenti e ai turisti, nelle notti d’estate, è qualcosa di sublime e di necessario.

siviglia_tour_andalusia_viaggio_consigli
La passeggiata adiacente al Ponte di Triana a Siviglia viene rinfrescata dalla brezza del Guadalquivir.

L’Alcazar di Siviglia è un patrimonio bellissimo, da vedere e rivedere. Ma avete mai sfiorato gli arabeggianti adorni in gesso del palazzo? Non suggerisco di “tastare” i delicati e preziosi graffiti mudejar, bensì sfiorarli e seguir il loro disegno con la punta delle dita.  Solo in questo modo si apprezza realmente il lavoro e l’arte che i mori hanno usato per fabbricare questo patrimonio culturale.

Uno dei tantissimi adorni mudejar dell'Alcazar di Siviglia.
Uno dei tantissimi adorni mudejar dell’Alcazar di Siviglia.

Il gusto:

Tra le tantissime specialità gastronomiche d’Andalusia cosa consigliare? Los Chicharrones di Siviglia è un piatto che consiste in pezzi di cotica di maiale fritti. A mezzogiorno, nel mercato della Calle Feria, è possibile provare questa pietanza in una delle macellerie della Plaza de Abastos (mercato).  Il gusto, accompagnato dalla convivialità del luogo, fa si che l’esperienza sia autenticamente di Siviglia.

Tapa di Chicharrones di Siviglia appena fritti.
Tapa di Chicharrones di Siviglia appena fritti.

Il Serranito è la tapa sicuramente più comune di Siviglia. Consiste in un panino caldo di lonza di maiale completato con delle fettine di pomodoro, una buona fetta di Jamón Serrano e un peperone verde arrostito.  In qualunque bar della città è possibile ordinare questa semplice prelibatezza ed è per questo motivo, forse, che il  gusto del Serranito è quello che meglio identifica la capitale d’Andalusia.

Vedi anche –> Dove mangiare a Siviglia

serranito_siviglia_mangiare
Un gustoso serranito a Siviglia .

 



andalusia consigliata:

Cosa vedere e come arrivare a Gibilterra: l’... Come arrivare e cosa visitare a Gibilterra, un po' di Gran Bretagna nel sud della Spagna. A livello amministrativo Gibilterra non è territorio spagnol...
Gli hotel con la migliore vista di Siviglia In quest'articolo vi svelo gli hotel con terrazza e miglior vista di Siviglia. Hotel romantici nella quale dormire e poter godere di panorami mozzafia...
La Velá di Santa Ana a Triana, una festa estiva a ... La Velada di Sant'Anna o Velá de Santiago y Santa Ana è una manifestazione religiosa che avviene ogni anno dal 21 al 26 luglio, ovvero giorno di Sant'...