Archivi tag: Despeñaperros

Hotel-ristorante Mesón de Despeñaperros: punto di riferimento del parco

Il Mesón de Despeñaperros per la propria rilevanza rappresenta nel territorio molto di più di una semplice struttura ricettiva. Questo hotel-ristorante, oltre ad essere una delle poche possibilità di alloggio nel Parco Naturale di Despeñaperros, è un vero e proprio punto di riferimento per il turista interessato a scoprire questa parte settentrionale della provincia di Jaén.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_terrazza
La terrazza con vista al parco.

Il Mesón de Despeñaperros

La storia del Mesón de Despeñaperros è legata alla via di comunicazione autostradale che da sempre, passando per il parco, ha collegato Madrid con l’Andalusia. Oggi però, l’hotel rimane sufficientemente distanziato dal rumore dal traffico della nuova direttrice che collega La Mancia con l’Andalusia. Per questo, il Mesón è una struttura tipicamente “autostradale” in fase di grande rinnovamento.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_hotel
L’hotel-ristorante Mesón de Despeñaperros.

Sia la parte ricettiva, sia quella ristorativa stanno innovando a passi da gigante. Tutto ciò, però, senza perdere l’essenza e l’identità originaria, ovvero un complesso legato al Parco Naturale de Despeñaperros e con rilevante attenzione verso la selvaggina e gli usi e le abitudini “di montagna”.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_salone
Le decorazioni legate al territorio.

La vista panoramica

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_ristorante
Incredibile vista dal ristorante.

Uno dei punti di forza del Mesón de Despeñaperros è sicuramente la vista panoramica apprezzabile dalla terrazza, dal ristorante e dalle camere da letto. Una visione della magnificenza del parco naturale che allieta il risveglio ed accompagna i visitatori durante l’ora della colazione e del pranzo. Un patrimonio paesaggistico che riflette tutta l’essenza di questa bella zona della provincia di Jaén.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_vista
Bella vista dalla finestra della camera.

Il ristorante

I piatti del Mesón de Despeñaperros sono una delle eccellenze del territorio. Questo ristorante è conosciutissimo e raccomandatissimo, non solo da chi visita il parco naturale, bensì anche da chi è in viaggio e decide di attuare una leggera deviazione per pranzare o cenare. La gastronomia rispecchia il Parco Naturale de Despeñaperros e la cucina del ristorante utilizza e valorizza i prodotti locali come l’abbondante selvaggina.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_pate
Lo squisito e rinomato paté di pernice fatto in casa.

La carne di cervo, di daino, di pernice e di cinghiale saranno senza dubbio i protagonisti del vostro pranzo. Salmorejo con prosciutto di cervo, paté di pernice, insalata con carne di pernice, hamburger di cervo, salami di cervo, daino e cinghiale e stufati di cervo o cinghiale sono solo alcune delle prelibatezze che lo chef del ristorante preparerà con notevole destrezza.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_salmorejo
Il salmorejo con prosciutto di cervo.

Da sottolineare anche la bontà del pane, del formaggio, dell’olio d’oliva ed il sapore che trasmette il forno a legna utilizzato in cucina. Per i più esperti, nel Mesón de Despeñaperros si utilizza un forno Josper, nella quale solo si brucia legna di leccio. Molto singolare è la storia della “Tortilla de Alfonso XIII”, una specialità della casa. Proprio in questo ristorante, infatti, fece sosta il monarca al principio del ventesimo secolo. Per l’occasione il cuoco locale inventò questa squisita ricetta che ancora oggi possiamo provare esclusivamente nel Mesón.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_tortilla
Una singolarità del ristorante: la tortilla Alfonso XIII.

L’attenzione al cliente e le attività

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_team
Il team del Mesón de Despeñaperros. Grazie a David, Cris e Antonio.

Alloggiare nel Mesón de Despeñaperros è un capriccio. Il personale è cordiale e disponibilissimo, in ogni momento della giornata ci si sente coccolati ed assistiti. Dettagli come il kit di benvenuto e sopratutto la simpatia di Antonio e Cris fanno notare la differenza tra un alloggio familiare come il Mesón ed uno impersonale.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_benvenuto
Il fantastico benvenuto al Mesón.

Questo hotel, come detto, è un punto di riferimento della zona. Per questo, sarà molto comodo intraprendere tutte le varie attività che offre l’area settentrionale della provincia di Jaén partendo proprio da questo sito. Una delle aziende che collabora con l’hotel è Iberus, con la quale si potrà conoscere facilmente la fauna del Parco Despeñaperros e quello di Andújar.

despenaperros_dove_dormire_jaen_mangiare_portico
L’hotel, punto di riferimento per tutti i visitatori del parco.

Per prenotare è possibile farlo direttamente da questo link. Per maggiori informazioni è possibile contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Gli hotel con la migliore vista di Siviglia In quest'articolo vi svelo gli hotel con terrazza e miglior vista di Siviglia. Hotel romantici nella quale dormire e poter godere di panorami mozzafia...
Dormire a Las Casas de la Judería, contemplando l&... Quello che maggiormente caratterizza Cordoba e sopratutto la Judería, ovvero il centro storico della città, è sicuramente la composizione delle abitaz...
Astroturismo in Andalusia: Martos un mare di stell... Il paese immerso in un mare d'ulivi. Martos è un bel paese della provincia di Jaén dedito alla coltivazione dell’ulivo e alla produzione di olio d...

Il parco Despeñaperros: confine naturale tra Andalusia e La Mancia

All’estremo nord-est dell’Andalusia, tracciando il confine con La Mancia si trova il Parco Naturale di Despeñaperros (vedi 24 parchi naturali d’Andalusia). Un ambiente molto conosciuto grazie anche all’espressione “de Despeñaperros pa’ arriba“, utilizzata per segnalare quando qualcuno o qualcosa è spagnolo ma non andaluso (si utilizza anche inversamente con “pa’ abajo“).

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_organos
La vallata caratteristica del parco Despeñaperros.

Anche il nome Despeñaperros descriverebbe dei limiti geografici, infatti, significherebbe “punto estremo di Spagna”. In realtà questo parco fa parte ancora della Sierra Morena e si trova interamente nel comune di Santa Elena nella verde provincia di Jaén.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_la_aliseda
Pini vicino a La Aliseda.

Il parco di Despeñaperros

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_grifone
Un grifone ne “Los Organos”.

Questa zona è caratterizzata da una profonda vallata scavata dall’omonimo fiume e dall’imponente autostrada (sostituisce la vecchia N-IV) che oggi trafigge con i suoi viadotti il meraviglioso spazio naturale. Nonostante ciò, Despeñaperros risulta essere un ecosistema dal grandissimo valore naturale. Questo è anche l’habitat prediletto di rapaci come il Grifone, l’Aquila Reale ed il Biancone, oltre ad ospitare Cervi, Cinghiali, Lupi ed in rara occasione la minacciata Lince Iberica. Questi animali, diversamente dal Parco Naturale della Sierras de Cazorla, Segura y Las Villas, non sono abituati alla presenza dell’uomo e per questo si nascondono e scappano nella vegetazione.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_cervi
Cervi lungo la strada verso Aldeaquemada.

Il monumento naturale de Los Organos è sicuramente la zona più apprezzata del parco. Si tratta di una particolare e spettacolare formazione geologica situata lungo un versante della vallata del fiume Despeñaperros. Il grifone sorvola costantemente questo spazio per poi appollaiarsi nelle insenature della roccia.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_organos_monumento_naturale
Il monumento naturale “Los Organos”.

Oltre alla stupenda vista de Los Organos, un’altra famosa panoramica è quella lungo la strada che collega il parco a Aldeaquemada. Una strada tortuosa che sale sino alla “cueva de los muñecos“. Durante l’ascesa si apprezzerà l’intero parco naturale ed al principio dell’autunno sará possibile ascoltare detenidamente l’eco del bramito dei cervi.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_aldeaquemada
La vista lungo la strada verso Aldeaquemada.

Cosa fare nel Parco Despeñaperros

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_corsa_notturna
Inizio di una corsa campestre notturna.

Molto spesso, per la propria ubicazione, si considera il Parco Naturale di Despeñaperros come un luogo bellissimo ma di passaggio. La comunità del parco però, grazie anche alle iniziative del centro d’accoglienza “Llanos de las Américas”, crede nel potenziale turistico del proprio parco.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_centro_visitante
Il centro d’accoglienza “Llanos de las Américas”.

È per questo che in questo spazio protetto sarà possibile fare trekking o hiking in tutta tranquillità con percorsi di diversa difficoltà e ben segnalati. Sarà dunque possibile raggiungere bellissimi siti come il “Salto del Fraile” o la cascata della “Cimbarra“. A Despeñaperros è possibile anche praticare birdwatching o, come anticipato, partecipare ad escursione per ascoltare il bramito dei cervi in amore.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_trekking
Immerso nella natura del parco durante una escursione.

Inoltre, grazie alla biodiversità presente nel parco e nella zona d’influenza di Despeñaperros, è possibile intraprendere passeggiate molto affascinanti dal punto di vista naturalistico, come quella che conduce verso l’area ricreativa La Aliseda. Grandi pini, un frassino secolare e simpatici scoiattoli sono solo la parte più appariscente del percorso.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_frassino
Un frassino secolare.

Alloggio e grastronomia a Depseñaperros

Il miglior modo per scoprire il Parco Naturale di Despeñaperros è sicuramente quello di alloggiare nel Mesón de Despeñaperros. Questo non è solo un ottimo hotel-ristorante, bensì è il principale punto di riferimento turistico di tutta la zona.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_hotel
L’hotel-ristorante Mesón de Despeñaperros.

La gastronomia viene influenzata principalmente dalla presenza di selvaggina e cacciagione. Le principali portate infatti avranno come protagonista la carne di cervo, di daino, di pernice e di cinghiale. Questa è zona anche di miele, di olio e di formaggio.

despenaperros_cosa_vedere_jaen_andalusia_lomo_cervo
Uno squisito filetto di cervo.

Per alloggiare in provincia, invece:



Booking.com

 

Cosa vedere nel Parco Naturale Despeñaperros (Jaén):

  • Monumento Naturale “Los Organos” ed il punto panoramico
  • La strade verso Aldeaquemada
  • La grotta de “los Muñecos”
  • Cascata de la Cimbarra
  • Il Salto del Fraile
  • Passeggiata verso Miranda del Rey e La Aliseda
  • Museo della Battaglia della Navas de Tolosa

Per maggiori informazioni su cosa vedere nel Parco Naturale di Despeñaperros è possibile contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Tour tra i paesi del prosciutto di Huelva Nel nord della provincia di Huelva, nell'omonima sierra, si nascondono tra i monti dei bellissimi paesi che si dedicano principalmente alla produzione...
A Baeza tra cultura e ruralità Come per la provincia di Huelva, anche la provincia di Jaén è poco conosciuta nel mercato turistico internazionale. Però, questa provincia tipicamente...
Cosa vedere a Baños de la Encina in provincia di J... Quello che maggiormente identifica la provincia di Jaén principalmente è la presenza di castelli e ulivi. Un borgo prototipo di questa zona può essere...

24 Parchi Naturali in Andalusia che ti faranno dimenticare la Giralda, la Mezquita e l’Alhambra

La regione dell’Andalusia è conosciuta nel mondo sopratutto per il proprio patrimonio culturale e per il bellissimo litorale che si affaccia sull’Oceano Atlantico e sul Mediterraneo. L’Andalusia però, oltre ad essere quella più popolosa, è la seconda regione più estesa della Spagna. Un territorio grande circa tre-quattro volte la Lombardia e che comprende ampi spazi dove l’ambiente naturale è spesso conservato e valorizzato.

Un camaleonte nel Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar (grazie per la foto Cristina – @misspeluca).
Un camaleonte nel Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar (grazie per la foto Cristina – @misspeluca).

Infatti, sono ben 24 i Parchi Naturali in Andalusia: 2 di questi sono Parchi Nazionali (+ un altro Parco in via di definizione), di cui uno è addirittura riconosciuto come Patrimonio Unesco. I 24 spazi protetti si ubicano indistintamente nelle 8 Province, da est a ovest e da nord a sud, raccogliendo una diversità incredibile di paesaggi, di caratteristiche geomorfologiche, di animali, di vegetazione e di forme di sfruttamento turistico.

la-brena_cadice_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Scorcio del Parco Naturale La Breña e Marismas del Barbate.

I 24 Parchi naturali in Andalusia:

1. Parque Natural Cabo de Gata-NíjarPrimo spazio protetto marittimo-terrestre d’Andalusia. Un mondo di contrasti tra l’ambiente marino, il litorale e l’arido entroterra. Compreso tra i comuni di: Almería, Carboneras e Níjar in Provincia di Almería.

2. Parque Natural Sierra María-Los Vélez: Nonostante l’aridità della Provincia d’Almeria, le cime di questa Sierras si coprono di neve ogni anno. Compreso tra i comuni di: María, Vélez Blanco, Vélez Rubio e Chirivel in Provincia di Almería.

3. Parque Natural Bahía de Cádiz: La Bahía de Cádiz è composta da un mosaico di paesaggi tra cui spiagge, pianure fangose e paludi. Compreso tra i comuni di: San Fernando, Chiclana de la Frontera, Puerto Real, Puerto de Santa María e Cadice in Provincia di Cadice.

4. Parque Natural la Breña e Marisma del Barbate: Parco marittimo-terrestre che costituisce un punto d’appoggio per gli uccelli migratori nella palude del Barbate. Compreso tra i comuni di: Vejer de la Frontera e Barbate in Provincia di Cadice.

el-estrecho_cadice_cadiz_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
El Estrecho (lo stretto) tra Tarifa e il Marocco, in lontananza è possibile ammirare Tangeri.
alcornocales_cadice_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Paesaggio del Parco los Alcornocales.
grazalema_cadice_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Il massiccio calcareo di Grazalema.

5. Parque Natural del Estrecho: Uno spazio situato tra due continenti, Africa ed Europa, nel quale lo Stretto si converte in un’area di estrema importanza per i processi migratori. Compreso tra i comuni di: Algeciras e Tarifa in Provincia di Cadice.

6. Parque Natural Los Alcornocales: Un insieme di diverse Sierra dove si sviluppa, in perfetta stato, il più grande bosco di sughero (alcornoque) della penisola Iberica. Compreso tra i comuni di: Alcalá de los Gazules, Algar, Algeciras, Arcos de la Frontera, Benalup-Casar Viejas, Benaocaz, Castellar de la Frontera, El Bosque, Jerez de la Frontera, Jimena de la Frontera, Los Barrios, Medina Sidonia, Prado del Rey, San José del Valle, Tarifa, Ubrique in Provincia di Cadice e Cortes de la Frontera in Provincia di Malaga.

7. Parque Natural Sierra de Grazalema: Il massiccio di Grazalema offre un paesaggio di contrapposti rilievi su di una roccia calcarea, frutto della propria storia geologica. Compreso tra i comuni di: Zahara de la Sierra, Villaluenga del Rosario, Benaocaz, Grazalema, Ubrique, El Bosque, Prado del Rey, El Gastor, Algodonales in Provincia di Cadice e Benaoján, Montejaque, Cortes de la Frontera, Jimera de Líbar e Ronda in Provincia di Malaga.

8. Parque Natural de Cardeña y Montoro: La tranquillità dell’habitat (qui è possibile vedere la rara lince iberica) si riflette nel suo paesaggio, dal profilo rotondo di morbide colline, risultato dall’erosione del granito. Compreso tra i comuni di: Cardeña e Montoro in Provincia di Córdoba.

hornachuelo_cordoba_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour.
Colori autunnali nel Parco Naturale Hornachuelos.
sierra-subbetica_cordoba_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Il carsico pendio del Parco Naturale della Sierra Subbetica.

9. Parque Natural Sierra de Hornachuelos: Le sue montagne di limitata altezza sono colonizzate da boschi di lecci e di sughero. La ricca fauna vede come protagonista l’avvoltoio nero.  Compreso tra i comuni di: Almodóvar del Río, Hornachuelos, Posadas, Villaviciosa de Córdoba e Córdoba in Provincia di Córdoba.

10. Parque Natural Sierras Subbéticas: La composizione calcare dei suoi materiali è una delle maggiori attrazioni del parco, potendo osservare formazioni tipicamente carsiche. Compreso tra i comuni di: Cabra, Carcabuey, Doña Mencía, Iznajar, Priego de Córdoba, Rute, Luque e Zuheros in Provincia di Córdoba.

11. Parque Natural Sierra de Baza: Gli scientifici qualificano questo parco naturale come una isola bioclomatico,  poiché i paesaggi ed il clima variano rispetto alla steppa che lo circonda. Compreso tra i comuni di: Baza, Caniles, Dólar, Gor e Valle de Zalabí in Provincia di Granada.

12. Parque Natural Sierra de Castril: Viene attraversato da nord a sud dall’omonimo fiume, che origina la peculiare e spettacolare fisionomia del parco montagnoso. Compreso nel comune di Castril in Provincia di Granada.

donana_huelva_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
La biodiversità del Parco Nazionale Doñana.
aracena_huelva_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Maiali e lecci sono i protagonisti del Parco della Sierra de Aracena.
donana_cadice_cadiz_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Doñana è una delle zone umide più importanti d’Europa.

13. Parque Natural Sierra de Huétor: Si ubica vicino alla città di Granada e si estende come un’insieme di Sierras di densi boschi dall’altezza media. Compreso tra i comuni di: Cogollos Vega, Beas de Granada, Huétor Santillán, Víznar, Alfacar, Nívar e Diezma.

14. Parque Nacional Sierra Nevada: Ospita, probabilmente, la flora più importante del continente europeo e possiede un ricco patrimonio storico e culturale. Compreso tra i comuni di: Abla, Abrucena, Alboloduy, Alhabia, Almócita, Alsodux, Bayárcal, Beires, Bentarique, Canjáyar, Fiñana, Fondón, Illar, Instinción, Láujar de Andarax, Nacimiento, Ohanes, Padules, Paterna del Río, Rágol, Santa Cruz, Terque e Las Tres Villas in Provincia di Almería e Aldeire, Alpujarra de la Sierra, Bérchules, Bubión, Busquístar, Cádiar, La Calahorra, Cáñar, Capileira, Carataunas, Cástaras, Cogollos de Guadix, Dílar, Dólar, Dúrcal, Ferreira, Gójar, Güejar-Sierra, Huéneja, Jerez del Marquesado, Juviles, Lanjarón, Lanteira, Lecrín, Lugros, Monachil, Nevada, Nigüelas, Órgiva, Padul, Pampaneira, Pórtugos, Soportújar, La Taha, Trevélez, Válor e La Zubia in Provincia di Granada.

15. Parque Natural Sierra de Aracena y Picos de Aroche: Insieme di catene montuose di media altezza dove dominano l’ardesia e i quarzi conferendo al suolo n caratteristico colore scuro. Compreso tra i comuni di: Alájar, Almonaster la Real, Aracena, Aroche, Arroyomolinos de León, Cala, Cañaveral de León, Castaño del Robledo, Corteconcepción, Cortegana, Cortelazor, Cumbres de Enmedio, Cumbres Mayores, Cumbres de San Bartolomé, Encinasola, Fuenteheridos, Galaroza, Higuera de la Sierra, Hinojales, Jabugo, La Nava, Linares de La Sierra, Los Marines, Puerto Moral, Santa Ana La Real, Santa Olalla del Cala, Valdelarco e Zufre in Provincia di Huelva.

16. Parque Nacional Doñana: Questo parco è sicuramente una delle zone umide più importanti d’Europa. Riconosciuto patrimonio Unesco è una delle zone predilette per gli amanti del birdwatching. Compreso tra i comuni di: Almonte, Hinojos, Lucena del Puerto, Moguer, Palos de la Frontera in Provincia di Huelva, Aznalcázar, Isla Mayor, Pilas, Puebla del Río, Villamanrique de la Condesa in Provincia di Siviglia e Sanlúcar de Barrameda in Provincia di Cadice.

cazorla-jaen_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Il Parco Naturale della Sierras di Cazorla, Segura e Las Villas, il più grande della Spagna.

17. Parque Natural de Despeñaperros: Impressionante gola, opera dell’omonimo fiume Despeñaperros. Compreso nel comune di Santa Elena in Provincia di Jaén.

18. Parque Natural Sierra de Andújar: Rappresenta un ecosistema tipico andaluso ed è habitat di specie della macchia mediterranea molto interessanti. Compreso tra i comuni di: Andújar, Baños de la Encina, Villanueva de la Reina e Marmolejo in Provincia di Jaén.

19: Parque Natural Sierra Mágina: Massiccio isolato, rifugio di una preziosa flora mediterranea, in alcuni casi unica in tutta Europa. Compreso tra i comuni di: Albanchez de Mágina, Bédmar y Garcíez, Bélmez de la Moraleda, Cambil, Huelma, Jimena, Jódar, Pegalajar e Torres in Provincia di Jaén.

20. Parque Natural Sierras de Cazorla, Segura y Las Villas: È il più grande spazio protetto di tutta la penisola Iberica e uno dei principali nodi idrografici della geografia spagnola (qui nasce il Guadalquivir). Compreso tra i comuni di: Beas de Segura, Benatae, Cazorla, Chilluévar, Génave, Hinojares, Hornos de Segura, Huesa, La Iruela, Iznatoraf, Orcera, Peal de Becerro, Pozo Alcón, Puerta de Segura, Quesada, Santiago-Pontones, Santo Tomé, Segura de la Sierra, Siles, Sorihuela del Guadalimar, Torres de Albanchez, Villacarrillo e Villanueva del Arzobispo in Provincia di Jaén.

malaga_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Il Parco Naturale dei Monti di Malaga. In primo piano una pianta di sughero.
sierra-tejera_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
La Sierra Tejeda, Almijara e Alhama, entrando da Frigiliana.

21: Parque Natural Montes de Málaga: Ha origine dalla ripopolazione della pineta lungo il fiume Guadalmedina per evitare le inondazioni del capoluogo di provincia. Compreso tra i comuni di: Malaga, Casabermeja e Colmenar in Provincia di Malaga.

22. Parque Natural Sierra de las Nieves: Questo territorio montagnoso è tagliato da profondi burroni e gole, spettacolari come quelle dalla Caina. È in attesa di approvazione a diventare Parco Nazionale. Compreso tra i comuni di: El Burgo, Istán, Monda, Parauta, Ronda, Tolox e Yunquera in Provincia di Malaga.

23. Parque Natural Sierras de Tejeda, Almijara y Alhama: Massiccio montagnoso formato dalle tre Sierras a cavallo tra le province di Malaga e Granada. Integrano magnifici paesaggi con un ricco patrimonio culturale. Compreso tra i comuni di: Alcaucín, Canillas de Aceituno, Canillas de Albaida, Cómpeta, Frigiliana, Nerja, Salares e Sedella in provincia di Malaga e  Alhama de Granada, Arenas del Rey, Jayena e Otívar in provincia di Granada.

24. Parque Natural Sierra Norte de SevillaIl paesaggio dominante lo compongono estesi boschi di lecci e sugheri dove nidificano varie specie minacciate. Compreso tra i comuni di:El Real de la Jara, Almadén de la Plata, Cazalla de la Sierra, Constantina, El Pedroso, Las Navas de la Concepción, San Nicolás del Puerto, La Puebla de los Infantes, Alanís e Guadalcanal in Provincia di Siviglia.

alcornocales_cadice_cadiz_andalusia_andalucia_cosa-vedere_consigli_tour
Magnifici contrasti nel Parco Naturale Alcornocales.

Per maggiori informazioni su queste località è possibile visitare la Ventana del Visitante o la pagina web della Junta de Andalucía fonte principale di quest’articolo. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Visitare il Caminito del Rey (Malaga): come arriva... Visitare il Caminito del Rey: consigli su come prenotare i ticket, gli orari d'entrata e il percorso di questo elettrizzante tour in provincia di Mala...
Birdwatching, linci e cervi in provincia di Jaén c... In Andalusia c'è una provincia che risalta sopra le altre per quanto riguarda il patrimonio naturalistico: è quella di Jaén. In questa zona nord-orien...
Comprare biglietti per l’Alhambra: cosa fare... Comprare i biglietti per l'Alhambra di Granada quando sono finiti sul portale ufficiale non è cosa semplice. Per questo dispenso dei consigli su come ...