Archivi categoria: Provincia Siviglia

Cosa vedere a Carmona: da millenni vigilando la pianura del Guadalquivir

Da 500.000 anni, gruppi di esseri umani si stabilirono nei pressi di Carmona. Una città della provincia di Siviglia a pochi chilometri da Écija, ubicata in una posizione strategicamente favorevole lungo la direttrice SivigliaCórdoba (vedi Tour culturale da Siviglia a Córdoba). Dalla terrazza de Los Alcores, infatti, Carmona protegge da sempre la fondamentale vega (fertile pianura) del Guadalquivir.

–> Prenota la visita in italiano di Carmona partendo da Siviglia

Cosa vedere a Carmona - alcores
Da questa immagine si nota dove finisce la terrazza de Los Alcores e dove inizia la vega del Guadalquivir.

Testimonianze certe della presenza dell’uomo si hanno a partire dall’età del rame. Successivamente, nell’età del bronzo, il colle diviene un centro molto popolato. Con l’arrivo dei Cartaginesi, Carmona, si sviluppò in una città-fortezza di grandissimo valore. Qui si combatté una delle più importanti e difficili battaglie tra Cartaginesi e Romani per la conquista del Mediterraneo. Giulio Cesare, infatti, dopo la conquista romana, ammise che Carmona era la roccaforte difensivamente meglio attrezzata di tutta la Bética (provincia romana caratterizzata dalla presenza del Río Betis = Guadalquivir).

Cosa vedere a Carmona - torri
Una splendida panoramica di Carmona. Si vede in primo piano il campanile di S.Pietro, poi l’Alcazar Puerte de Sevilla e al fondo l’Alcazar del Rey Don Pedro.

Cosa vedere a Carmona?

La città venne trasformata più volte. Cartaginesi, Romani, Mori del regno al-Andalus e i Re Cristiani cambiarono la configurazione della città a proprio piacimento, lasciandoci in eredità uno dei complessi patrimoniali più importanti d’Andalusia.

Cosa vedere a Carmona - puerta sevilla
L’Alcazar della Puerta de Sevilla con: la Torre del Homenaje, il cortile e l’Aljibe.

L’ Alcazar de la Puerta de Sevilla, infatti, è una costruzione che rispecchia il passaggio di tutte queste civiltà. È di origine Cartaginese, modificata prima dai Romani (III-I a.C.) e poi dai Mori (IX-XII d.C.). In questo edificio monumentale è possibile notare oltre al fossato difensivo, la Torre del Homenaje, la Torre del Oro, il cortile con l’Aljibe (pozzo, cisterna di origine araba) e varie salette.

Tutta la struttura è stata restaurata nel 1975 e oggi ospita il punto d’informazione turistica.

Cosa vedere a Carmona - puerta sevilla
L’Alcazar della Puerta de Sevilla. In primo piano la Puerta e la Torre del Homenaje.

Questa però non è l’unica Alcazar (castello fortificato) di Carmona. Nella parte opposta del centro storico, a est, in direzione di Córdoba, si ubicano la Puerta de Córdoba e l’Alcazar del Rey Don Pedro. Questa fortezza è più recente rispetto a quella della Puerta de Sevilla, probabilmente di origine mussulmana. Un grande intervento, però, è stato effettuato dopo la riconquista dei Re Cristiani. Ora questo prezioso patrimonio viene utilizzato da una famosissima azienda come hotel-bar-ristorante.

Cosa vedere a Carmona - Alcazar
La porta dell’Alcazar del Rey Don Pedro.
Cosa vedere a Carmona - alcazar
Le torri dell’Alcazar del Rey Don Pedro.

Il casco antiguo di Carmona è un museo a cielo aperto. Impossibile e noioso sarebbe elencare e descrivere tutti i monumenti, chiese, conventi, palazzi e piazze dal grande valore storico della città. Imperdibile è la visita alla piazza principale del paese, la Plaza San Fernando. Da qui è visibile il Municipio e a poca distanza si situa la particolare Plaza de Abastos (piazza del mercato) del XIX secolo.

Cosa vedere a Carmona - abastos
La Plaza de Abastos.

Un’altra delle principali attrazioni di Carmona sono i balconi panoramici dalla quale è possibile apprezzare la verde pianura del Guadalquivir. Dalla Puerta de Córdoba, dall’Alcazar del Rey Don Pedro e da altri punti è possibile lasciarsi trasportare con la vista sino all’infinito.

Cosa vedere a Carmona - panorama
L’interminabile pianura del Guadalquivir.

A meno di 2 Km dal centro storico, si situa un’ulteriore ricchezza di Carmona: il complesso archeologico. Questo è diviso in due, l’Anfiteatro Romano che ancora è in attesa di valorizzazione e la Necropoli. Quest’ultima, di origine pre-romana (VII a.C.), conserva tombe romane risalenti dal II secolo a.C. al II secolo d.C.. L’itinerario è molto interessante sopratutto perché vi è la possibilità di scendere in alcuni delle sepolture.

Cosa vedere a Carmona - anfiteatro
I resti dell’Anfiteatro romano.
Cosa vedere a Carmona - tomba elefante
La Tomba dell’Elefante.
Cosa vedere a Carmona - necropoli
La Tomba de Servilia nella Necropoli romana di Carmona.

Per il suo patrimonio, l’importanza storica, l’architettura religiosa e civile, i numerosi edifici d’età romana, islamica, barocca e contemporanea, Carmona aspirò per alcuni anni di divenire una città riconosciuta patrimonio dell’Unesco. Purtroppo, con le progressive restrizioni dell’organizzazione internazionale, questo rimase un sogno. Un sogno però, che qualunque turista può compiere tranquillamente percorrendo i 45 Km che dividono Siviglia e Carmona.

–> Prenota la visita in italiano di Carmona partendo da Siviglia

Cosa vedere a Carmona - puerta cordoba
La Puerta de Córdoba.

Nota Bene: Assieme a Medinat al-Zahra, l’Alcazaba d’Almeria, il Cástulo di Jaén, Itálica, Baelo Claudia e i Dólmenes de Antequera, la Necropoli di Carmona è uno dei complessi archeologici e monumentali conservati e valorizzati dalla Junta de Andalucía.

Dove dormire a Carmona

Carmona è una cittadina che offre un buon numero di alloggi turistici, alcuni di ottima qualità. Qui potrete trovare controllare la disponibilità di tutti gli stabilimenti di Carmona. Sotto, invece, tutte le occasioni presenti nella provincia di Siviglia.



Booking.com

Cosa vedere a Carmona (Siviglia):

  • L’Alcazar de la Puerta de Sevilla
  • L’Alcazar del Rey Don Pedro
  • La Puerta de Córdoba
  • La Plaza San Fernando
  • La Plaza de Abastos
  • L’Anfiteatro Romano
  • La Necropoli
  • I balconi panoramici
  • La Chiesa San Pedro
  • Altre Chiese, Conventi, Palazzi

È possibile visitare Carmona partendo da Siviglia. Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web dedicata all’attività turistica di Carmona. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Cosa vedere a Guadix: città delle cuevas e case-gr... Visitare Guadix in provincia di Granada significa andare a vedere cuevas, ovvero le case-grotte che sono abitazioni tipiche di quest'area a nord della...
Casa 1858: la tua casa vacanze a Siviglia È importante poter dormire nel centro e scegliere la migliore casa vacanze a Siviglia perché questa è una città che tranquillamente è possibile visita...
Cosa vedere a Cordoba e dintorni Visitare Cordoba (Spagna) in un giorno è possibile ma non raccomandabile: la moschea o mezquita, il ponte romano e l'alcazar sono solo il principio di...

5 cose che (forse) non sapevate di Siviglia!

1. Sapete perché nel 2010 la Giralda ha seriamente rischiato di perdere l’onorificenza dell’Unesco?

pelli_siviglia_andalusia_consigli_tour_viaggio
Il grattacielo Cajasol o meglio conosciuto come Torre Pelli.

Per colpa di questo grattacielo, la Torre Sevilla (o Cajasol) o più conosciuta come Torre Pelli, dal cognome dell’archistar che la ha progettata (lo stesso della torre Unicredit di Milano). Questo edificio, raggiunge i 180 metri d’altezza, molto più della Giralda che misura solo 104 metri. Con la costruzione della struttura vetrata, la Giralda perse la caratteristica specifica di essere l’edificio più alto di Siviglia. Inoltre, ciò che l’Unesco non accettava, era che, con la realizzazione dell’opera, si perdesse un grandissimo patrimonio paesaggistico. Oggi infatti, dal centro storico di Siviglia, guardando verso ovest, le magnifiche colline dell’Aljarafe sono interrotte dal rigido e risplendente grattacielo Pelli.  Ciononostante, la Giralda continua ad essere patrimonio mondiale Unesco assieme all’Alcázar e all’Archivo de Indias.

2. Sapete perché la famosa birra “Cruzcampo” si chiama così? 

cruzacampo_siviglia_andalusia_tour_consigli_viaggio
Il marchio della Cruzcampo.

Ancora oggi vicino alla fabbrica si può notare una croce (cruz) che anticamente era in mezzo alla campagna (campo).

Quando ancora Siviglia non si era sviluppata urbanisticamente, da questo punto era possibile ammirare nella sua totalità la capitale andalusa. La croce, infatti, fu ubicata nel punto orientale (direzione Córdoba) più alto della vega del Guadalquivir sivigliano. Oggi il monumento è tristemente rinchiuso tra mastodontici edifici residenziali.
La Cruz del Campo, Sevilla

3. Sapete cosa significa il logo del comune di Siviglia “NO8DO”?

Il logo del comune di Siviglia: NO8DO.
Il logo del comune di Siviglia: NO8DO.

No + Gomitolo + Do, in spagnolo No + Madeja + Do che si legge “No me ha dejado”, in italiano “Non mi ha lasciato”.

Il logo avrebbe origine dal Re Alfonso X che per ringraziare la fedeltà della popolazione sivigliana fece creare questo simbolo. Negli ultimi decenni NO8DO, interpretandolo come “Siviglia non mi ha lasciato” è un slogan identitario della città, sopratutto in chiave turistica.

4. Conoscete la storia dei toponimi della vie del centro di Siviglia?

Varie Calles del centro di Siviglia prendono il nome dall’insediamento massivo di alcune popolazioni, in determinate vie della città, durante il Secolo d’oro (o Siglo de  oro) spagnolo. In quest’epoca gran parte della mercanzia proveniente dall’America sbarcava al porto di Siviglia.

pelli_siviglia_andalusia_consigli_tour_viaggio_vacanza
La Avenida Constitución, anticamente la Calle de Génova (come si apprezza dal nome di un bar).

Qui si concentravano mercanti provenienti da tutta Europa:

  • Alemanes  (Tedeschi)  –> Calle Alemanes
  • Francos (Francesi) –> Calle Francos
  • Placentines (Piacentini) –> Calle Placentines
  • Genoveses (Genovesi) –> Calle de Génova (che oggi si è trasformata nella Avenida de Constitución)

5. Tenetevi forte…sapete che il canale d’acqua che separa il centro di Siviglia da Triana non è propriamente il Río Guadalquivir?

siviglia_andalusia_consigli_tour_viaggi
Il corso del Guadalquivir a Siviglia oggi (Proyectos Arquitectónicos 2.0).

Ebbene sì! Il fiume non scorre più all’interno della città. Quello che vediamo e che attraversiamo ogni qualvolta che andiamo a Triana è una darsena (si chiama Canal Alfonso XIII). Il fiume vero e proprio scorre ad ovest del quartiere di Triana, oltre El Charco de la Pava. Ciò non è stato sempre così, il fiume passava dove ora scorre il canale e Siviglia era uno dei più importanti porti marittimi (legalmente è considerato marittimo e non fluviale per la relativa vicinanza al mare).

Non vi siete mai resi conto che spesso la corrente nel canale va da sud a nord, quando il normale corso del Guadalquivir dovrebbe essere dalla sorgente alla foce, ovvero da nord a sud?  Questo perché la darsena viene alimentata da sud e scorre sino a nord della città, sino a San Jeronimo dove non trova nessuno sbocco.

…e tu da 1 a 5, quanto conoscevi Siviglia?

 

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

La Velá di Santa Ana a Triana, una festa estiva a ... La Velada di Sant'Anna o Velá de Santiago y Santa Ana è una manifestazione religiosa che avviene ogni anno dal 21 al 26 luglio, ovvero giorno di Sant'...
Quanto conosci Siviglia? Un quiz di 15 domande per... Siviglia è la città che accoglie il maggior numero di turisti e residenti italiani della regione. Per questo credo che sia simpatico controllare con q...
Birdwatching, linci e cervi in provincia di Jaén c... In Andalusia c'è una provincia che risalta sopra le altre per quanto riguarda il patrimonio naturalistico: è quella di Jaén. In questa zona nord-orien...

10 sensazioni (per 5 sensi) da provare a Siviglia

La vista di Siviglia:

A Siviglia c’è molto da vedere, molta bellezza da contemplare e moltissimo patrimonio culturale da scoprire. Sicuramente la vista dello skyline sivigliano, con la Giralda onnipresente, è qualcosa che non può lasciare indifferenti. Dall’alto de Las Setas (Metropol Parasol de la Encarnación), al tramonto, Siviglia s’illumina ed è bellissima, perché, come dice la canzone: “Sevilla tiene un color especial!”.

Lo skyline di Siviglia da "Las Setas".
Lo skyline di Siviglia da “Las Setas”.

Somma indecisione per quanto riguarda la seconda scelta. L’Alcazar, il Monastero de la Cartuja, il Ponte di Triana con il Guadalquivir, la Torre de Oro sono tutti beni unici e che andrebbero premiati, ma per l’autorevolezza e per l’armonia tra gli elementi antropici e naturali scegliamo la vista della Plaza de España dal Parco Maria Luisa.

La magnifica Plaza de España di Siviglia.
La magnifica Plaza de España di Siviglia.

L’udito:

Andalusia è la terra del Flamenco ed è proprio da qui che iniziamo. Particolari sensazioni trasmette la Sevillana, un sottogenere del Flamenco che specialmente viene suonata durante la Feria. La musica, accompagnata dal suono del taconeo (sbattere il tacco contro il suolo),  las palmas (tenere il ritmo con le mani) e dall’entusiasmo che manifestano las bailaoras, fa sì che la Feria sia un evento gioviale e di manifesta bellezza.

Se in Aprile si ascoltano le divertenti musiche della Feria, poco prima, durante la Settimana Santa, sono immancabili  le marce delle confraternite. A Siviglia le bande provano tutto l’anno le musiche della Settimana Santa. I luoghi preferiti dove i musicisti si radunano per affinare le melodie sono la riva del Guadalquivir e il Parco Maria Luisa. Perciò nella capitale andalusa, in qualunque epoca dell’anno, se ascoltate una marcia di questo genere, fermatevi e godetevela, poiché questa è Siviglia!

L’olfatto:

Non ci sono dubbi, due sono gli odori che caratterizzano Siviglia: el Azahar e “el olor a Semana Santa“. Il primo è il fiore dell’arancio che in primavera dona il suo aroma per le vie della città. Sembra impossibile, ma sopratutto durante le sere primaverili, viene voglia di passeggiare per le vie alberate del centro solo per essere inebriati da questo delicato profumo che annuncia l’imminente arrivo dell’estate.

siviglia_andalusia_viaggio_tour_vedere_consigli_andalucia_visitare
Il fiore dell’arancio caratterizza le sere primaverili di Siviglia.

“El olor a Semana Santa” è il profumo dell’inceso. A Siviglia, l’incenso viene identificato strettamente con la Settimana Santa anche se viene venduto per le strade durante tutto l’anno. I “venditori di fumo” ambulanti si appostano agli angoli delle vie più frequentate come l’Avenida Costitución, il Patio de Banderas, la Calle Sierpes e la Calle Tetuán e dispensano nell’ambiente, par attirare la clientela, il caratteristico profumo di questa resina.

I "vendedores de humo" cercano di invogliare la clientela bruciando parte del loro prodotto.
I “vendedores de humo” cercano di invogliare la clientela bruciando parte del loro prodotto.

Il tatto:

D’estate a Siviglia fa caldo, caldissimo. Anche di notte la situazione non migliora, l’afa è opprimente. Tutto ciò se non si passeggia lungo il Guadalquivir per “tomar el fresco”. La brezza che il fiume regala ai residenti e ai turisti, nelle notti d’estate, è qualcosa di sublime e di necessario.

siviglia_tour_andalusia_viaggio_consigli
La passeggiata adiacente al Ponte di Triana a Siviglia viene rinfrescata dalla brezza del Guadalquivir.

L’Alcazar di Siviglia è un patrimonio bellissimo, da vedere e rivedere. Ma avete mai sfiorato gli arabeggianti adorni in gesso del palazzo? Non suggerisco di “tastare” i delicati e preziosi graffiti mudejar, bensì sfiorarli e seguir il loro disegno con la punta delle dita.  Solo in questo modo si apprezza realmente il lavoro e l’arte che i mori hanno usato per fabbricare questo patrimonio culturale.

Uno dei tantissimi adorni mudejar dell'Alcazar di Siviglia.
Uno dei tantissimi adorni mudejar dell’Alcazar di Siviglia.

Il gusto:

Tra le tantissime specialità gastronomiche d’Andalusia cosa consigliare? Los Chicharrones di Siviglia è un piatto che consiste in pezzi di cotica di maiale fritti. A mezzogiorno, nel mercato della Calle Feria, è possibile provare questa pietanza in una delle macellerie della Plaza de Abastos (mercato).  Il gusto, accompagnato dalla convivialità del luogo, fa si che l’esperienza sia autenticamente di Siviglia.

Tapa di Chicharrones di Siviglia appena fritti.
Tapa di Chicharrones di Siviglia appena fritti.

Il Serranito è la tapa sicuramente più comune di Siviglia. Consiste in un panino caldo di lonza di maiale completato con delle fettine di pomodoro, una buona fetta di Jamón Serrano e un peperone verde arrostito.  In qualunque bar della città è possibile ordinare questa semplice prelibatezza ed è per questo motivo, forse, che il  gusto del Serranito è quello che meglio identifica la capitale d’Andalusia.

Vedi anche –> Dove mangiare a Siviglia

serranito_siviglia_mangiare
Un gustoso serranito a Siviglia .

 



andalusia consigliata:

Quanto conosci l’Andalusia? Un quiz di 15 do... Oggi giochiamo un pò... 😀 Sei un innamorato/a dell'Andalusia? Ci sei stato in vacanza e hai studiato? Mettiti alla prova! Di seguito trovera...
Le migliori foto degli italiani alla Feria di Mala... Come per la Feria de Abril di Siviglia, anche per quella di Malaga raccolgo le migliori foto in Instagram degli italiani che hanno partecipato a quest...
Paesi vicino Malaga da vedere: 6 escursioni di un ... Dopo qualche giorno visitando la città di Malaga, è raccomandabile scoprire i paesi nei dintorni della capitale della Costa del Sol. Tanti sono i luog...

I paesini più suggestivi d’Andalusia

La Spagna è il secondo paese al mondo avente più beni riconosciuti Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Questa medaglia d’argento significa comunque essere un centro di cultura, arte e turismo.  Il patrimonio che ospita è immenso e l’Andalusia è un elemento chiave di questa ricchezza. Con l’obiettivo di diffondere questa bellezza, si creò nel 2011 l’associazione “Los Pubelos mas bonitos de España“, che si dedica a pubblicizzare le località con meno di 15.000 abitanti più affascinanti del paese. Fino ad ora sono 25 i paesini iscritti alla lista, di cui cinque in Andalusia. Inoltre, il catalogo include molti altri pretendenti andalusi.

Vedi anche –> Tour Andalusia in auto: i più bei paesi on the road

andalusia_cosa-vedere_tour_consigli_dove-uscire_aracena_huelva
Aracena (Huelva), uno dei pre-candidati per rientrare tra i paesini più suggestivi della Spagna.

I paesini più suggestivi d’Andalusia sono:

Pre-candidati di Huelva

La prima città alla quale ci avviciniamo è Cortegana, nella quale il castello medievale valorizza un remoto villaggio di 5.000 abitanti. A pochi chilometri, spunta Fuenteheridos, una frazione di casette bianche dall’eccellente gastronomia e ambiente naturale. Seguendo verso oriente sorge Aracena, con la sua popolare sierra e Gruta de las Maravillas. A  sud della provincia, spunta La Palma del Condado, Città Europea del Vino e splendente borgo grazie al suo centro storico di origine romana. L’ultimo paese della lista della provincia di Huelva è la cittadina monumentale di Niebla.

Vedi anche –> Tour in auto tra i paesi del prosciutto di Huelva

Pre-candidati di Siviglia

L’unico paesino sivigliano della lista è Osuna. In questo comune distaccano la Collegiata e la Università, tra una lunga serie di templi e palazzine.

Vedi anche –> Paesi da vedere vicino Siviglia

Pre-candidati di Cadiz

Tra le colline si innalza Olvera, paesino bianco presidiato da un castello arabo e da una chiesa neoclassica. A pochi chilometri si regge un’altra località di origine araba: Torre Alhaquime. Setenil de las Bodegas distacca per la costruzione delle sue abitazioni sotto gli enormi blocchi di pietra naturale.  Un altro paese bianco e incantevole è Zahara de la Sierra, anch’esso coronato da un castello. Sulle stesse montagne, si ubica Grazalema, porta d’accesso all’omonimo parco naturale. Nella zona del litorale gaditano, distaccano Castellar e Vejer de la Frontera, la quale candidatura si è convertita quest’anno in uno dei paesi più suggestivi di Spagna.

Vedi anche –> Tour dei Paesi Bianchi più belli

–>  Prenota il tour dei paesi Bianchi + Ronda partendo da Siviglia.

andalusia_cosa-vedere_tour_consigli_dove-uscire_vejer_cadiz
Uno dei 5 paesini più belli d’Andalusia: Vejer de la Frontera.

Pre-candidati di Malaga

Sulla Costa del Sol sorge Casares: case bianche che punteggiano in lungo e in largo la sierra. Verso nord si innalza Genalguacil, con le sue strade sinuose e pronunciate dal sapore arabeggiante. Infine, Frigiliana che è ufficialmente l’unico paese più suggestivo di Spagna della provincia di Malaga.

Vedi anche –> Paesi da vedere vicino a Malaga

–>  Prenota la visita a Nerja e Frigiliana partendo da Malaga.

Pre-candidati di Cordoba

Accerchiato dal Guadalquivir e sopra un colle, s’innalza Montoro. Similare all’anteriore, Luque è governata da un castello arabo; e a pochi chilometri, Zuheros, un caratteristico paese della campiña di Cordoba. Per ultimo, distacca Iznajar attorniata da un’immenso bacino d’acqua dolce.

andalusia_cosa-vedere_tour_consigli_dove-uscire_frigiliana_malaga
Frigiliana (Malaga) uno dei paesini più suggestivi della Spagna.

Pre-candidati di Jaen

Il primo di questi è Alcaudete con il suo imponente castello islamico. Segue la magnifica cittadina di Sabiote, vicino a Ubeda. A ovest, sorge Hornos de Segura arroccato su di una collina. A sud, appaiono sia Cazorla, paese bianco avvolto dalla natura, sia La Iruela, rustica e tranquilla.

Vedi anche –> Tour culturale-naturalistico in provincia di Jaén

andalusia_cosa-vedere_tour_consigli_dove-uscire_cazorla_jaen
Il fantastico paese di Cazorla, in provincia di Jaén.

Almeria e Granada: i più suggestivi

Tre sono i paesi d’Almeria e di Granada che sono iscritti in questa privilegiata lista. Il primo di questi è Pampaneira, a Granada. I suoi 300 abitanti hanno l’orgoglio di vivere in una bianca, berbera e allegra località dell’Alpujarra. In Almeria si trovano gli altri due: Mojácar e Lucainena de las Torres. Il primo risalta per i mazzetti di fiori tra le facciate bianche, attirando i turisti. Nel secondo, i simpatici cittadini abitano le delicate stradine scolpite come gioielli. Con questo si conclude il piccolo articolo sui paesi andalusi più belli, un catalogo dal quale mancano i nomi di tante altre località. Non ci sono dubbi che presto la lista dei paesi più suggestivi di Spagna si allungherà con altre delizie d’Andalusia.

Vedi anche: Paesi da vedere nei dintorni di Granada

–>  Prenota il tour dei paesi dell’Alpujarra partendo da Granada.

andalusia_cosa-vedere_tour_consigli_dove-uscire_mojacar_almeria
Mojacar (Almeria), ufficialmente uno dei 5 paesini andalusi più suggestivi di Spagna.

In conclusione, secondo questa associazione, i più bei paesini d’Andalusia sono Pampaneira (Granada), Frigiliana (Malaga), Vejer de la Frontera (Cadice), Mojácar (Almeria) e Lucainena de las Torres (Almeria). Cosa fate, venite a comprovare?



Booking.com

Si ringraziano gli amici di ArteOlé: Cultura y turismo de Andalucia.

Per maggiori informazioni sui paesi più belli in Andalusia puoi scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilare il seguente form:

Accetto la Privacy Policy



andalusia consigliata:

Cosa fare a El Puerto de Santa Maria: non solo spi... Visitare El Puerto de Santa Maria è una delle cose da fare in provincia di Cadice grazie ai tanti monumenti e spiagge da vedere e alle attività da sv...
Cosa vedere a Trujillo: uno dei paesi più belli d&... Visitare Trujillo è una delle cose migliori che si possano fare in Estremadura. A Trujillo, infatti, c'è tanto patrimonio da vedere, si mangia fantas...
La Velá di Santa Ana a Triana, una festa estiva a ... La Velada di Sant'Anna o Velá de Santiago y Santa Ana è una manifestazione religiosa che avviene ogni anno dal 21 al 26 luglio, ovvero giorno di Sant'...