Archivi categoria: Poco oltre il confine

Vila Real de Santo Antonio: cittadina illuminista

Di fronte ad Ayamonte, lungo la sponda portoghese del fiume Guadiana, si situa la cittadina di Vila Real de Santo Antonio. Questo paese di frontiera è il più orientale della fantastica regione dell’Algarve. Un approdo attorniato da un nucleo di case di gente di mare, da sempre in competizione con i pescatori andalusi di Ayamonte e Isla Cristina. Una cittadina che, come altre nella zona, è stata gravemente colpita dal terribile terremoto di Lisbona del 1755.

Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_passeggiata
Il bel centro urbano di Vila Real de Santo Antonio.

Cosa vedere a Vila Real de Santo Antonio

Santo_Antonio_Algarve_porto
Il porto di Santo Antonio.

Dopo il disastro ambientale, data la difficile situazione della “Vila Real”, il marchese de Pombal si decise a ricostruire l’abitato. Fu così che nel 1774 riprese vita la città portoghese, con uno stile decisamente borbonico e strade ortogonali. L’importanze del marchese de Pombal a Vila Real de Santo Antonio si percepisce nell’omonima piazza dal particolare suolo bianco e nero e nella quale si affacciano tutti i principali monumenti, oltre al maestoso obelisco centrale. Tutt’attorno alla piazza, file d’aranci dividono lo spazio pubblico da caratteristiche abitazioni del XVIII secolo, bar e ristoranti.

Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_chiesa
La piazza del marchese de Pombal con al fondo la Chiesa del Matriz.
Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_Centro_asciugamani
Comprare asciugamani economici, una delle attività principali a Santo Antonio.

Tra gli edifici rivolti alla piazza, oltre al municipio, spunta la Chiesa Matriz nella quale sono da risaltare, soprattutto, le sei fantastiche finestrate. Poco lontano, tra i negozi pieni di turisti spagnoli in cerca di asciugamani e teli mare, si identifica il centro culturale che ospita il Museu Manuel Cabanas, una particolare struttura che in origine fu il mercato coperto del paese.

Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_Centro_culturale
Il centro culturale di Vila Real de Santo Antonio.

Lungo la riva del Guadiana, tra i bar ed i negozietti turistici, sopravvive la costruzione della dogana (aduana), più antico e uno dei più rilevanti edifici della “Vila Real”. È interessante sapere come la Chiesa Matriz e la dogana abbiano le uniche due facciate che non si ripetono in tutto il centro storico.

Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_dogana
La facciata della dogana.

Vila Real de Santo Antonio: città illuminista

Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_case
Case di pescatori conservate nel centro.

Negli ultimissimi anni a Santo Antonio ha preso piede un innovativo progetto “illuminista”. Un mix di neourbanesimo e marketing territoriale con la quale si cerca di rinnovare il centro dell’abitato. Un’operazione per niente futile, programmata e nella quale uno dei principali obbiettivi è quello di mantenere viva l’identità della città peschiera. L’iniziativa, inoltre, attraverso dei pannelli esplicativi, rende partecipi i cittadini ed i turisti illustrando il progetto e fomentando nello stesso tempo un’immagine dinamica della città portoghese.

Cosa_vedere_Santo_Antonio_Algarve_cartello
Urbanismo illuminista nella “Vila Real”.

Dove dormire a Vila Real de Santo Antonio

La cittadina portoghese di Vila Real de Santo Antonio offre alcune soluzioni per alloggiare. Qui potete trovare tutte le offerte e le opzioni disponibili in città.  Se cercate un hote nella regione, invece:



Booking.com

 

Cosa vedere a Vila Real de Santo Antonio (Portogallo):

  • La piazza del marchese de Pombal
  • La Chiesa Matriz
  • La dogana
  • Il centro culturale
  • I negozi di asciugamani

Per  maggiori informazioni su cosa vedere a Vila Real de Santo Antonio non dubitate a scrivermi ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy



andalusia consigliata:

Palma del Rio: la vita tra due acque La provincia di Córdoba è per lo più sconosciuta al turismo internazionale, ma forse, è più qui che in qualunque altro posto, dove si respira l'autent...
Rincorrendo i mulini a vento di Don Chisciotte del... Chiudi gli occhi e dimmi la prima cosa che ti viene in mente con la parola La Mancia (dall'arabo territorio secco, senz'acqua). Quasi sicuramente per ...
Trono di Spade a Siviglia: cosa vedere ad Osuna Nella campiña della provincia di Siviglia, ad Osuna, c'è stato un avvenimento nel 2014 che ha scombussolato per quindici giorni il tranquillo paese. P...

Mertola: lungo il fiume Guadiana, il più prezioso tesoro arabo

Mertola è definita dalla letteratura specializzata come la città portoghese che meglio conserva la propria essenza araba. Quest’antico porto fluviale romano è stato durante i secoli un punto strategico chiave per il controllo del fiume Guadiana, corpo idrico che separa la Spagna dal Portogallo (vedi Tour lungo il Guadiana).

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_vista
Il fiume Guadiana passando per Mertola.

Cosa vedere a Mertola

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_torre
La torre del Homenaje.

La città, infatti, presenta una rilevante e diffusa fortificazione. Oltre alla muraglia che accompagna il visitatore dal fondovalle sino al nucleo storico ed alla Torre do Relogio (edificio del XVII secolo), sussiste l’importante Castello di Mertola. Quest’ultimo domina tutta la valle, compreso il paese sottostante. In esso è possibile trovare l’immancabile torre del Homenaje del 1292, oltre a due pozzi: uno romano-mussulmano ed un’altro medievale. Dalla cima della torre del Castello è apprezzabile un bellissimo panorama che si estende dal fiume sino all’incantevole abitato. Di fronte all’entrata del Castello, infine, sono stati scoperti i resti di un foro romano e diversi mosaici.

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_castello
Il Castello che sovrasta il paese.

Testimonianze arabe a Mertola

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_Moschea
L’interno della chiesa-moschea.

Scendendo dal Castello verso il paese, ci imbatteremo in qualcosa di esclusivo in Portogallo. La moschea di Mertola, infatti, è l’unico edificio religioso di epoca mussulmana che è sopravvissuto alle guerre e catastrofi naturali che hanno colpito lo stato lusitano. Un edificio che oggi ospita la chiesa cristiana Nossa Senhora da Assunḉao. La moschea-chiesa è formata da cinque navate del XI secolo, modificate nel XIII secolo. Le arcate di questa sono separate da file di fini colonne portanti.

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_Moschea_facciata
L’unica moscha medievale in Portogallo.
Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_calle
Le strette e irte strade del disegno urbano di Mertola.

Anche la conformazione del paese manifesta tutt’oggi una certa essenza mussulmana. Ripide e strette vie, infatti, tracciano un caratteristico disegno urbano di origine araba.  Gli abitanti del paese hanno vissuto per lo più grazie ai benefici economici dello sfruttamento minerario, oggi terminato. Ora le semplici persone di Mertola vivono dell’artigianato e del turismo, quest’ultima un’attività nuova e alla quale di dedicano con speciale impegno e creatività.

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_muraglia
La muraglia che circonda il centro storico sino in valle.

Un paese umile come la propria comunità che accoglie i visitatori come propri familiari, con il camino acceso e sempre pronti a condividere le prelibatezze enogastronomiche della regione portoghese dell’Alentejo. Vino e salumi di maiale iberico non mancano mai, sono infatti i prodotti più caratteristici della zona.

Cosa_vedere_Mertola_Portogallo_cena
L’accoglienza in un umile bar: vino, formaggio e salame.

Dove dormire a Mertola

La dolce cittadina di Mertola non è ancora invasa dalle strutture turistiche. Nonostante ciò, qui potrete trovare tutti gli hotel, B&B e pensioni presenti in questo paese dell’Alentejo portoghese.

Cosa vedere a Mertola (Portogallo):

  • Torre do Relogio
  • La muraglia
  • Il panorama con il Guadiana
  • Il Castello di Mertola
  • La moschea-chiesa
  • I musei del paese

Per maggiori informazioni su cosa vedere a Mertola o per una visita guidata è possibile contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Cosa vedere a Cordoba e dintorni Visitare Cordoba (Spagna) in un giorno è possibile ma non raccomandabile: la moschea o mezquita, il ponte romano e l'alcazar sono solo il principio di...
Cosa vedere a Cádiz, la città più antica d’E... In un giorno o poche ore non è possibile visitare Cadice con tutto quello che c'è da vedere: La Caleta, le spiagge, la Cattedrale, i Castelli e i muse...
Cosa vedere ad Alhama de Granada, una gioia araba "¡Ay de mi Alhama!". Così manifestava il suo disgusto un autore anonimo, probabilmente di origine araba, quando durante la Guerra di Granada (1482-14...

Rincorrendo i mulini a vento di Don Chisciotte della Mancia

Chiudi gli occhi e dimmi la prima cosa che ti viene in mente con la parola La Mancia (dall’arabo territorio secco, senz’acqua). Quasi sicuramente per molti italiani la regione spagnola della Catiglia-La Mancia rappresenta lo scenario del libro Don Chisciotte, famosa opera del 1605 scritta da Miguel de Cervantes. Un’ambientazione fatta di paesaggi pianeggianti, color ocra come il caldo estivo e di colline armoniose sulla quale poggiano bianchi mulini.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_paesaggio_La
La fila di mulini sulla cresta del colle.

I mulini di Don Chisciotte della Mancia

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_colle_La
I mulini ed il castello di Consuegra.

Il paese di Consuegra, in provincia di Toledo, si trova proprio lungo la A-4, l’autostrada che collega Cordoba e l’Andalusia con la capitale Madrid. In questo territorio di buon formaggio, ottimo vino, pregiato zafferano e tradizionali ceramiche, si situa l’immagine simbolo dell’intera regione: i mulini. Sulla collina del Calderico, infatti, è dove si ergono i famosi dodici mulini a vento ed il castello. Come dice il proprio nome, La Mancia è una regione secca, senza fiumi che apportino la forza idraulica necessaria per muovere un mulino. È per questo motivo che in questo territorio venne sfruttata l’energia eolica.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_colle
La classica foto dei mulini a vento di Consuegra.
Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_macina
Gli ingranaggi e la macina del mulino.

Dei dodici  mulini a vento che con la pietra molare producevano farina, solo quattro conservano i propri ingranaggi e sono in grado ancora di macinare il grano. Due di quest’ultimi sono stati trasformati in musei, uno pubblico ed uno privato. Il “Bolero” è quello pubblico e permette di addentrarsi nelle viscere di un mulino del XVI secolo con tutti gli elementi originali restaurati e, come detto, funzionanti. Un video, inoltre, spiega la storia e tutta la messa in moto di questa fantastica e romanzesco elemento.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte
Un mulino a vento sovrastando la pianura de La Mancia.

Due sono le cose che più mi hanno colpito del mulino: il fatto che ci siano otto finestrelle grazie alla quale il mugnaio capiva la direzione del vento e il fatto che per spostare le pale in direzione del vento sia necessario ruotare tutto il tetto del mulino e che per fare ciò siano sufficienti solo due persone. Quello del “Bolero” è il primo degli undici mulini, susseguono sulla cresta della collina gli altri dieci, quasi ma non del tutto allineati.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_finestra
Da una delle finestrelle si vede il paese di Consuegra.

Il paesaggio letterario di Consuegra

Questo paesaggio letterario di Consuegra ci immerge nelle scenografie immaginate da Cervantes nel VIII capitolo del primo libro della sua più famosa opera, quando Don Chisciotte affrontò con coraggio i mulini a vento scambiandoli con giganti dalle braccia rotanti.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_paesaggio
La pianura secca de La Macia.

Il Castello, anch’esso in cima al colle, è uno dei primi che si costruì successivamente alla riconquista cristiana al principio del XIII secolo, anche se sembrerebbe che fu edificato su resti romani. Un castello semplice, senza pretese artistiche, dalla quale però è apprezzabile una stupenda vista dei mulini, della cittadina di Consuegra e della pianura circostante.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_paesaggio_Castello
Il castello di Consuegra.

Dove dormire a Consuegra

Per vivere davvero l’esperienza di Don Chisciotte è possibile soggiornare a Consuegra. Non sono molte gli hotel in questa località. Qui potrete consultare tutti gli alloggi disponibili e dormire tra i mulini a vento.

Cosa vedere a Consuegra (Castiglia-La Mancia):

  • Cerro Calderico con i 12 mulini a vento
  • Il paesaggio mancego
  • Il Castello
  • La cappella della Virgen Blanca
  • La Plaza de España

Per maggiori informazioni sui mulini a vento di Consuegra potete contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

I paesini più suggestivi d’Andalusia La Spagna è il secondo paese al mondo avente più beni riconosciuti Patrimonio Mondiale dell'Unesco. Questa medaglia d'argento significa comunque esser...
I cortili di Córdoba: molto più che una festa di f... La festa dei cortili di Córdoba (Fiesta de los Patios de Córdoba)  è un evento riconosciuto dall'Unesco come Patrimonio Immateriale dell'Umanità. ...
Trono di Spade a Siviglia: cosa vedere ad Osuna Nella campiña della provincia di Siviglia, ad Osuna, c'è stato un avvenimento nel 2014 che ha scombussolato per quindici giorni il tranquillo paese. P...

Cosa vedere nella città Faro dell’Algarve

Visitando l’Algarve sarà importantissimo sapere cosa vedere a Faro, capoluogo politico ed economico di questa regione. La città di 30.000 abitanti di Faro rappresenta senza dubbio il luogo più rinomato di tutto l’Algarve Orientale, grazie soprattutto all’importante aeroporto internazionale che collega la regione con il mondo. Come per gran parte della costa del sud del Portogallo, anche Faro si situa dietro un’ampia fascia lagunare e dune di sabbia. Un ambiente protetto dal Parco Naturale Ria Formosa che si estende oltre Tavira. Continua la lettura di Cosa vedere nella città Faro dell’Algarve

andalusia consigliata:

Cosa vedere a Baños de la Encina in provincia di J... Quello che maggiormente identifica la provincia di Jaén principalmente è la presenza di castelli e ulivi. Un borgo prototipo di questa zona può essere...
Cosa vedere a Guadix: città delle cuevas e case-gr... Visitare Guadix in provincia di Granada significa andare a vedere cuevas, ovvero le case-grotte che sono abitazioni tipiche di quest'area a nord della...
Cosa vedere a Siviglia in pochi giorni? Cosa vedere a Siviglia in pochi giorni? Il capoluogo dell'Andalusia e meraviglia della Spagna propone monumenti assolutamente da visitare come l'Alcaz...

Tavira: bellezza e divertimento nell’Algarve orientale

Tavira, assieme a Faro, è la città più rinomata della costa est dell’Algarve. È considerata come la città più gradevole dell’intera regione del sud del Portogallo. Questo grazie alla romantica ubicazione lungo il Rio Gilao ed al patrimonio monumentale comprendente addirittura 40 chiese. Il turismo, abbastanza prosperoso in estate, non ha modificato il semplice ma grazioso paesaggio urbano che risulta essere ancora piuttosto tradizionale.

Cosa_Vedere_Tavira_Algarve_ilha
Il piccolo approdo nella Ilha (isola).

Cosa vedere a Tavira

Come per l’Andalusia, anche la regione dell’Algarve fu conquistata dalle popolazioni arabe nel medioevo ed è per questo che tutt’oggi sono apprezzabili alcuni preziosi elementi di questa cultura a Tavira, città conquistata dai portoghesi nel 1242. Dall’alto dei resti del Castello, danneggiato dal forte terremoto del 1755, è possibile avere una vista molto suggestiva della città, osservando il fiume che “taglia” l’abitato del paese ed il ponte con le fondamenta di origine romane.

Cosa_Vedere_Tavira_Algarve_vista_castello
La vista della città dal Castello.

La chiesa Santa Maria del Castello è il punto di riferimento della città. La facciata con l’appariscente orologio sono la parte più riconoscibile dell’edificio che ospita le tombe dei cavalieri cristiani che sconfissero definitivamente gli arabi in questo territorio. Questa chiesa fu edificata sulle ceneri di una antica moschea, è del XIII però ristrutturata a causa del sisma del 1755. Oggi è un mix di stili arabeggianti, gotici e moderni.

Cosa_Vedere_Tavira_Algarve
La chiesa Santa Maria del Castello.

La spiaggia di Tavira

Cosa_Vedere_Tavira_Algarve_quatro aguas
In barca verso Ilha de Tavira.

I turisti, però, sono attratti soprattutto dalle spiagge e dall’ambiente naturale che circonda Tavira. Il centro cittadino non si situa lungo la costa, bensì ad un paio di chilometri dall’Oceano Atlantico. Il quartiere che si affaccia al mare è chiamato Quatro Aguas. Per raggiungere questa zona bisogna seguire il fiume, oltrepassare il mercato, il cantiere navale e la salina. Oltre che ad essere un luogo meraviglioso dove poter cenare dell’ottimo pesce, è il porto dalla quale poter raggiungere finalmente la meravigliosa spiaggia.

Cosa_Vedere_Tavira_Algarve_faro
Uno dei fari dell’entrata nel Rio Gilao verso Tavira.

La spiaggia, infatti, si trova sull’Ilha de Tavira. Un’imbarcazione collega ogni ora dalle 8:30 alle 20:00 il continente con l’isola che ospita un fantastico campeggio e perciò risulta fornita da tutti i servizi necessari al turista. Un’area nella quale l’ambiente naturale, facente parte al Parco Naturale Ria Formosa, è ancora molto ben conservato e nella quale le dune di sabbia caratterizzano la meravigliosa spiaggia.

Cosa_Vedere_Tavira_Algarve_ilha_Tavira
La lunghissima spiaggia di Ilha de Tavira.
Cosa_Vedere_Tavira_Algarve_avifauna
La ricca avifauna nel Parco.

Tra la penisola iberica e l’isola, il Parco Naturale Ria  Formosa ospita una quantità impressionante di avifauna. È per questo che direttamente dal centro abitato di Tavira partono piccole imbarcazioni che, solcando il fiume, offrono la possibilità al visitatore di praticare un’attività sostenibile come il bird-watching. Con le barche sarà possibile inserirsi nella palude per scovare gli esemplari più comuni della zona.

Cosa_Vedere_ Tavira _Algarve_ria formosa
Una stupenda immagine del Parco Ria Formosa.

Dove dormire a Tavira

Tavira è senza dubbio una delle zone che preferisco dell’Algarve dove soggiornare. Qui potrete trovare tutte le soluzioni di alloggio presenti in città. Di sotto, invece, tutti gli hotel in offerta presenti nella regione meridionale portoghese.



Booking.com

Cosa vedere a Tavira (Portogallo):

  • I resti del Castello
  • Il centro storico ed il ponte
  • La Chiesa Santa Maria del Castello
  • La spiaggia di Ilha de Tavira
  • Il quartiere Quatro Aguas
  • Il Parco Naturale Ria Formosa

Per maggiori informazioni su cosa vedere a Tavira o per una visita guidata è possibile contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Cosa vedere a Sanlúcar de Barrameda: cantine, parc... Visitare le cantine e l'estuario del Guadalquivir a Sanlucár de Barrameda deve essere un imprescindibile per conoscere davvero l'Andalusia. Qui t...
Cosa vedere a Rota, terra di agricoltura e mare Le spiagge di Rota sono sicuramente l'aspetto più conosciuto di questo paese della Costa della Luz. Questa cittadina della provincia di Cadice però, o...
Cosa vedere a Segovia in un giorno: l’acqued... Visitare Segovia è una delle cose da fare se si vuole conoscere i dintorni di Madrid. L'acquedotto romano più importante della Spagna e la gastronomia...