Archivi categoria: Poco oltre il confine

Cosa vedere a Trujillo: uno dei paesi più belli d’Estremadura

Visitare Trujillo è una delle cose migliori che si possano fare in Estremadura. A Trujillo, infatti, c’è tanto patrimonio da vedere, si mangia fantasticamente e si respira tranquillità e semplicità.

Continua la lettura di Cosa vedere a Trujillo: uno dei paesi più belli d’Estremadura

andalusia consigliata:

Cosa vedere a Fez: capitale religiosa del Marocco Fez o Fes è una delle cose da vedere imprescindibili del Marocco. Bisogna dedicare almeno 2 giorni alla visita di questa città. Un luogo mistico, sacr...
Cosa vedere a Carmona: da millenni vigilando la pi... Da 500.000 anni, gruppi di esseri umani si stabilirono nei pressi di Carmona. Una città della provincia di Siviglia a pochi chilometri da Écija, ...
In campeggio nell’agreste Sierra di Tentudía... La regione denominata Tentudía caratterizza la parte meridionale d'Estremadura. Quest'area e l'Andalusia (Provincia di Huelva e Siviglia) sono separat...

Cosa vedere a Segovia in un giorno: l’acquedotto vicino Madrid

Visitare Segovia è una delle cose da fare se si vuole conoscere i dintorni di Madrid. L’acquedotto romano più importante della Spagna e la gastronomia sono i punti forti di questa città della regione Castiglia-Leon. Una città monumentale che si trova a poco più di una ora in auto da Madrid e che è possibile raggiungere anche in treno (2 ore di tragitto). Continua la lettura di Cosa vedere a Segovia in un giorno: l’acquedotto vicino Madrid

andalusia consigliata:


La Casa Pilatos: esaltante mix stilistico a Sivigl...
Ad est del centro storico di Siviglia, nei pressi dell'antica "Puerta de Carmona" si situa un tesoro inimitabile del patrimonio artistico sivigliano, ...


Una gita a Medina Sidonia, il Balcone della Baia d...
Medina Sidonia è un paese dalle modeste dimensioni (11.000 abitanti) che si interpone tra la costa di Cadice (Barbate e Conil de la Frontera) e la omo...


Cosa vedere a Fez: capitale religiosa del Marocco
Fez o Fes è una delle cose da vedere imprescindibili del Marocco. Bisogna dedicare almeno 2 giorni alla visita di questa città. Un luogo mistico, sacr...

Cosa vedere a Toledo in un giorno

L’Alcazar, la Cattedrale, il Monastero e la Sinagoga sono solo alcune delle cose da vedere a Toledo in un giorno, bella città a una ora da Madrid. Toledo è appartenente alla regione di Castiglia – La Mancia e è conosciuta come la città delle tre culture. In questa stupenda città monumentale, infatti, si trovano indizi delle tre culture che hanno caratterizzato questa zona della Spagna: cristiana, mussulmana ed ebraica. Continua la lettura di Cosa vedere a Toledo in un giorno

andalusia consigliata:


Entierro de la Sardina: festa e tradizione di Murc...
L'entierro de la Sardina è, con la Settimana Santa, il più importante evento che si celebra a Murcia. Una tradizione del XIX secolo che festeggia la f...


Cosa vedere a Tavira e le migliori spiagge
Tavira, assieme a Faro, è la città più rinomata della costa est dell'Algarve. È considerata come la città più gradevole dell'intera regione del sud de...


Paesaggi fiabeschi e ostriche nell’Algarve, ...
Cacela Velha è una minuscola frazione di Vila Real de Santo Antonio, nell'Algarve Orientale. Un'angolo fiabesco, probabilmente di origine fenicia, can...

Entierro de la Sardina: festa e tradizione di Murcia

L’entierro de la Sardina è, con la Settimana Santa, il più importante evento che si celebra a Murcia. Una tradizione del XIX secolo che festeggia la fine del “digiuno” della Settimana Santa, sotterrando simbolicamente il pesce, o meglio la sardina. L’entierro de la Sardina, inoltre, conclude il ricco e colorato calendario delle feste di primavera di Murcia.

Il Testamento de la Sardina

I giorni di particolare interesse sono senz’altro due: il venerdì e il sabato successivi alla Pasqua. Il venerdì è un piccolo prologo di quello che succederà il giorno successivo. È il giorno del Testamento della Sardina, una nottata carnevalesca nella quale sfilano diversi gruppi locali e internazionali accuratamente selezionati. I gruppi che si presentano o che vengono invitati sono generalmente scuole di danza, bande musicali e gruppi folclorici di ogni genere. Nel 2017, per fare un esempio, oltre a gruppi colombiani, statunitensi e boliviani erano presenti anche sbandieratori italiani, precisamente della provincia di Latina.

Entierro_sardina_murcia
Un gruppo durante il Testamento de la Sardina.

Il corteo che dura un paio d’ore anticipa l’evento clou del venerdì che è la lettura dal balcone del municipio del testamento della sardina. L’eletta miss sardina legge un testo ironico e piuttosto lungo dove emergono i problemi e le ilarità della città di Murcia. Il tutto accompagnato dalle risate e dell’immancabile suono del fischietto, della popolazione locale. La serata si conclude con degli splendidi fuochi artificiali.

Entierro_sardina_murcia_sardina_testamento
Conclusione del venerdì sera.

L’Entierro de la Sardina

Il sabato successivo alla Pasqua è il giorno più atteso dalla popolazione di Murcia. Sin dalla mattina la città è viva. Oltre a vari palchi con musica dal vivo nelle varie piazze del bel centro storico, le 23 diverse confraternite di “sardineros” animano con musica e simpatia le vie di Murcia. Bar e appositi gazebo offrono a circa un milione di visitatori presenti per l’evento cibo, acqua e soprattutto birra.

Entierro_sardina_murcia_sardina_primavera
Murcia vestita a festa.

L’ambiente si riempe di emozione quando verso sera la gente inizia a prendere posto lungo il circuito dove avverrà la sfilata dell’Entierro de la Sardina e quando i gruppi “sardineros” danno gli ultimi ritocchi ai carri carnevaleschei che useranno per il corteo. I carri sono enormi, tutti decorati seguendo la tematica comune delle divinità greche e stracarichi di giocattoli. Doni che durante la nottata lanceranno ai bambini (e non) di Murcia che pieni d’illusione staranno aspettando ai margini della strada.

Entierro_sardina_carri
Su un carro in compagnia di altri blogger.

Verso le 21:00 inizia il corteo, dapprima vedremo la carovana pubblicitaria, successivamente i gruppi che abbiamo ammirato la sera prima, poi le confraternite che, nonostante la bellazza delle proprie opere, non sono ancora ufficialmente “sardineros” ed infine i 23 mastodontici carri ufficiali. Durante il corteo che finisce verso la una e mezza vedremo davvero di tutto. Da semplici scuole di danza a incredibili strutture carnevalesche davvero impressionanti.
Il culmine per i bambini è comunque il passaggio dei carri pieni di giocattoli.

Entierro_sardina_murcia_sardina_sfilata_giochi
Si avvicina un carro con i giocattoli.

La quantità “sparata” sul pubblico è veramente ingente e anche un disinteressato tornerà a casa sicuramente con un ricordo. Un inciso: questi carri mi ricordano molto le sfilate dei Re Magi che avvengono in Spagna durante il 6 gennaio. L’Entierro de la Sardina comunque non ha paragoni, celebrando la fine della rinuncia, l’abbondanza di oggetti regalati è davvero unica.

Entierro_sardina_murcia_sardina_gente
Tantissima gente lungo la sfilata.

Il weekend termina con un grande falò. L’enorme sardina di cartapesta che decora il paesaggio durante tutto il fine settimana, viene bruciata verso le due dello stesso giorno. L’accensione è anticipata da un’assordante fischiata da parte del pubblico. Quando il pesce è già ridotto in cenere, inizieranno gli infiniti e immancabili fuochi artificiali lungo il fiume.

Entierro_sardina_murcia_sardina_gente_falo
Inizia il falò.

Consigli sull’Entierro de la Sardina

L’Entierro de la Sardina di Murcia è una festa adatta a tutta la famiglia. Un evento nella quale i bambini si divertiranno tantissimo con i travestimenti, i carri e i tanti giocattoli che riceveranno. Andando con i bambini bisognerà stare particolarmente attenti e non perderli di vista. Non ci sono particolari pericoli però dato la grande calca è veramente un momento perdere di vista i propri accompagnanti.

Durante l’Entierro de la Sardina merita la pena alloggiare non lontano da dove avviene la sfilata. Io ho dormito nell’hotel Catalonia Conde de Floridablanca, un hotel 4 stelle ubicato a 10-15 minuti a piedi dal punto centrale dell’evento e veramente consigliabile.Entierro_sardina_murcia_sardina_sfilata

Per consigli personalizzati sull’Entierro de la Sardina di Murcia o per organizzare una visita potete consultare la pagina web dell’Entierro de la Sardina o non dubitate a scrivermi ad andaluciaitalia@gmail.com o compilate il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:


Vila Real de Santo Antonio: cittadina illuminista
Di fronte ad Ayamonte, lungo la sponda portoghese del fiume Guadiana, si situa la cittadina di Vila Real de Santo Antonio. Questo paese di frontiera è...


Immergersi a Larache in un’autentica Medina ...
Se Asilah e Chefchaouen sono una favola, Larache rappresenta la realtà del Marocco. Questo è un paesotto a sud di Asilah lungo la costa atlantica del ...


In campeggio nell’agreste Sierra di Tentudía...
La regione denominata Tentudía caratterizza la parte meridionale d'Estremadura. Quest'area e l'Andalusia (Provincia di Huelva e Siviglia) sono separat...

Paesaggi fiabeschi e ostriche nell’Algarve, il segreto di Cacela Velha

Cacela Velha è una minuscola frazione di Vila Real de Santo Antonio, nell’Algarve Orientale. Un’angolo fiabesco, probabilmente di origine fenicia, candidato a diventare patrimonio Unesco. Un piccolo nucleo di case rivolte verso l’Oceano Atlantico ed il Parco Naturale della Ria Formosa.

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_ria
Il borgo visto dall’altra parte della Ria Formosa.

Cosa vedere a Cacela Velha

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_case
Le candide abitazioni del paese.

Cacela Velha come detto è un insediamento molto antico, come dimostrano anche i resti della muraglia medievale. Un luogo nella quale le influenze mussulmane vengono riflesse dai resti archeologici, dalla struttura urbanistica e dalla propria toponomia delle strade. L’unica chiesa del paese, chiamata “Igreja Matriz”, invece, è adornata con un portico rinascimentale.

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_resti
I resti della fortezza medievale del villaggio.

La storia è sicuramente un fattore importante di questo villaggio oggi prettamente turistico, ma il patrimonio paesaggistico è ciò che lo rende unico. Dall’alto del paese, infatti, è possibile godere di un panorama meraviglioso della palude formata dalla Ria Formosa che si unisce con l’Atlantico. Un gioco d’acqua, sabbia e vegetazione che cambia costantemente con la marea.

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_paesaggio
Un momento di bassa marea.

Il paesaggio, nonostante il flusso turistico sia in crescita, rispetta tutte le aspettative: un’ambiente incontaminato riccamente popolato da crostacei, molluschi e pesci. Solo le umili barche dei pescatori locali ed alcuni bagnanti manifestano la presenza umana in questo luogo dell’Algarve.

Spiaggia e gastronomia nell’Algarve

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_barca
Attraversando la Ria Formosa in barca.

Cacela Velha, infatti, ha anche una propria spiaggia al di là del corso d’acqua paludoso. A seconda della marea questo è possibile attraversarlo a piedi, o come per Tavira, in barca.

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_spiaggia
La bellissima spiaggia della zona.

Chi conosce bene la zona orientale dell’Algarve, inoltre, sà come Cacela Velha sia famosa per la vendita di ostriche a basso prezzo. Durante la stagione estiva, nel bar dell’unica piazza del paese, infatti, sarà possibile degustare questo mollusco al costo di 1€ al pezzo. La lunga attesa sarà ripagata da un delizioso banchetto.

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_ostriche
Le ostriche nel bar del paese.

Poco lontano da Cacela Velha, in un’altro piccolo nucleo di case conosciuto come Fábrica, sussiste un ristorante famosissimo per i propri piatti di riso a base di pesce e frutti di mare. Anche da Fábrica sarà possibile attraversare la “Ria” a piedi o in barca, raggiungendo l’omonima spiagga (passaggio ad 1€) o quella di Cacela Velha (passaggio ad 1,5€).

Cosa_vedere_cacela_velha_algarve_riso
Squisito riso con Cannolicchio o Cappalunga.

Dormire a Cacela Velha

Non vi sono hotel in questo piccolo paese dell’Algarve. Sicuramente la soluzione migliore è quella di alloggiare a Tavira. Oppure in un altra città della regione:



Booking.com

 

Cosa vedere a Cacela Velha (Portogallo):

  • I resti della fortezza medievale
  • La chiesa con portico rinascimentale
  • Il nucleo di case bianche
  • Il fantastico paesaggio
  • La spiaggia di Cacela Velha e Fabrica
  • Le ostriche di Cacela Velha

Per maggiori informazioni su cosa vedere a Cacela Velha è possibile contattarmi scrivendo ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilando il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:


Punta Umbria: mare a un’ora da Siviglia
Se cerchi mare vicino a Siviglia, Punta Umbria è una delle spiagge più vicine al capoluogo d'Andalusia. Poco più di una ora separa questa fantastica l...


Chefchaouen: un’andalusa città blu tra le mo...
La classiche porte blu di Chefchaouen.

Chefchaouen o semplicemente Chaouen (anche Xauen) è una cittadina incastonata tra le montagne marocchine del ...


Asilah: fiabesco paese lungo la costa atlantica de...
Asilah (Assilah) o Arsila è un paese non molto grande (25.000 abitanti) che si ubica a 46 Km da Tangeri, lungo la costa atlantica settentrionale maroc...