Tutti gli articoli di andalusia viaggio italiano

Arcos de la Frontera: punto di partenza de los pueblos blancos

Arcos de la Frontera è, forse, il villaggio bianco di Cadice più conosciuto fuori dai confini nazionali. Infatti, questo paese è sicuramente quello in cui più di tutti si è sviluppato il settore turistico. A causa di vantaggi geografici e storici, Arcos è il paese di riferimento di questo territorio ed è la cittadina maggiormente preparata verso un’accoglienza turistica di qualità. De los pueblos blancos (vedi GrazalemaSetenil de las Bodegas e Olvera), Arcos è la destinazione più occidentale, ovvero più vicina a Jerez, a Cadice e perciò all’Oceano Atlantico. Continua la lettura di Arcos de la Frontera: punto di partenza de los pueblos blancos

andalusia consigliata:

Niebla: una piccola roccaforte sulle sponde del Rí... Niebla, in provincia di Huelva, può essere considerata, a scapito de Las Minas del Río Tinto, la capitale storico-culturale del territorio che circond...
Cosa vedere a Granada: l’Alhambra, tutti i m... È difficile stabilire cosa vedere a Granada in due o tre giorni: l'Alhambra, la Cattedrale, il Generalife, San Jeronimo e tanto altro. Granada è, fors...
Trono di Spade a Siviglia: cosa vedere ad Osuna Nella campiña della provincia di Siviglia, ad Osuna, c'è stato un avvenimento nel 2014 che ha scombussolato per quindici giorni il tranquillo paese. P...

Zuppa fredda di mandorle? Meglio dire Mazamorra cordobesa

La Mazamorra cordobesa è una zuppa fredda di origine andalusa e successivamente espatriata verso le Americhe. A differenza del Salmorejo, del Gazpacho e dell’Ajoblanco, questa pietanza fredda non è tipicamente estiva. Infatti, l’ingrediente principale di questo piatto è la mandorla, che si raccoglie in autunno e si conserva per tutto l’inverno a differenza dei più comuni vegetali. Per questo motivo, la Mazamorra è un alimento che completa la dieta durante le stagioni fredde d’Andalusia.

andalusia_mazamorrra_cordoba_viaggio_tour
Una razione di Mazamorra cordobesa in un bar. In questo caso adornata con uva e jamón.

Si dice che la Mazamorra cordobesa sia la predecessora del Salmorejo. Infatti, la ricetta è molto simile, al pomodoro si sostituisce la mandorla. Dato che, quest’ultima è un frutto del Mediterraneo e che il pomodoro è d’origine americana, si intuisce che la Mazamorra sia antecedente al Salmorejo cordobés.

La ricetta della mazamorra

La ricetta della Mazamorra cordobesa è molto semplice, servono pochi ingredienti e un buon frullatore ad immersione. Il piatto si compone di:

La guarnizione è molto varia e acceta nuove proposte: dall’uovo sodo e olive nere, al pepe rosa, sino all’uva con jamón.

 mazamorra_cordoba_consigli_tour
Una vaschetta di Mazamorra cordobesa fatta in casa.

Se visitate Córdoba non dimenticatevi di provare oltre ai classici Salmorejo e Flamenquín, questa squisita  e alternativa zuppa fredda.

Per le dosi è possibile consultare questo blog di cucina.



andalusia consigliata:

Se non c’è l’uovo di Pasqua…3 do... Sino ad alcuni anni fa l'uovo di Pasqua in Andalusia era pressoché introvabile. Da qualche anno, grazie alle influenze dal nord, anche nei supermercat...
Il Gazpachuelo, un piatto dei pescatori Arriviamo alla costa malagueña, magari ben informati sulle spiagge migliori, sui monumenti e sulla storia della città che visiteremo. Ma per vivere un...
Il re della feria: il “Rebujito” Tutti lo sanno, in qualunque feria d'Andalusia (sopratutto di Cadiz, Jerez e Siviglia) il protagonista assoluto è il rebujito. È inevitabile che quest...

Una terrazza di meditazione sulla città: Las Ermitas di Cordoba

La zona de Las Ermitas di Córdoba si trova a qualche chilometro di distanza (precisamente 15  km) dal capoluogo andaluso in direzione nord. Sul monte “Cerro de la Cárcel”, ai piedi della Sierra Morena (vedi Sierra di Cordoba), si ubicano dissipati nella natura ben 13 eremi, di cui 12 dedicati agli apostoli e uno dedicato alla Madonna. Anche se le umili costruzioni risalgono al 1700, quest’area fu apprezzata per la contemplazione già dal XV secolo. Qui vissero, assorti nella preghiera e nel lavoro manuale, 13 eremiti sino al 1957 e come testimoniano le numerose citazioni, la meditazione religiosa di questa congregazione cristiana veniva focalizzata sopratutto sulla morte e sull’aldilà. Continua la lettura di Una terrazza di meditazione sulla città: Las Ermitas di Cordoba

andalusia consigliata:

Coto de las Canteras di Osuna: la Petra d’An... Se da Siviglia ci dirigiamo verso Malaga attrverseremo tutta quella zona chiamata campiña (campagna) d'Andalusia. Apparentemente potrebbe risultare un...
La Casa Pilatos: esaltante mix stilistico a Sivigl... Ad est del centro storico di Siviglia, nei pressi dell'antica "Puerta de Carmona" si situa un tesoro inimitabile del patrimonio artistico sivigliano, ...
Vila Real de Santo Antonio: cittadina illuminista Di fronte ad Ayamonte, lungo la sponda portoghese del fiume Guadiana, si situa la cittadina di Vila Real de Santo Antonio. Questo paese di frontiera è...

Visitare Medina Azahara, la scenografia di una storia d’amore

Medina Azahara, fu un’effimera città che durerà nel tempo, come la leggenda che assicura che la più bella città d’Occidente sorse grazie all’amore di un califfo verso una ragazza dal nome di fiore.  Continua la lettura di Visitare Medina Azahara, la scenografia di una storia d’amore

andalusia consigliata:

Visitare Meknes, Volubilis e Moulay Idriss: i segr... Lungo la strada tra Fez e Rabat, bisogna assolutamente visitare Meknes e le cittadine vicine di Volubilis e Moulay Idriss. Luoghi con un importantissi...
Cosa vedere a Segovia in un giorno: l’acqued... Visitare Segovia è una delle cose da fare se si vuole conoscere i dintorni di Madrid. L'acquedotto romano più importante della Spagna e la gastronomia...
Albayzin cuore di Granada La cosa meno raccomandabile, però che molti fanno, è visitare Granada di fretta, contemplando la magnifica Alhambra con i giardini del Generalife e di...

Parco Naturale della Sierra di Cazorla, la Sierra più attiva d’Andalusia

La Sierra di Cazorla si trova al sud-est della provincia di Jaén e con la Sierra di Segura forma parte del più ampio Parco Naturale della Sierras de Cazorla, Segura y Las Villas. Ha una superficie totale di 134.037 ettari e coinvolge diversi comuni di grande interesse culturale come quelli di Cazorla, La Iruela e Quesada (vedi Parchi Naturali d’Andalusia). È una regione prettamente naturale, le immense distese boschive lasciano spazio raramente a dei paesini puntiformi e a delle agevoli vie stradali. Nonostante la morfologia montagnosa del terreno, la rete viaria è eccellente, ampia e con un asfalto molto ben conservato. A prima vista si nota che il turismo qui non è un settore marginale come può essere in altre Sierras dell’Andalusia. Quello della Sierra di Cazorla è un paesaggio ruspante, modellato prettamente dall’azione dell’acqua e dalle estese pinete, ma perfettamente adattato all’attività turistica (ti può interessare il Tour della Provincia di Jaén).

Vedi anche –> Cosa vedere e fare nella Sierra de Segura

Una pista forestale transitabile in auto nella Sierra di Cazorla.
Una pista forestale transitabile in auto nella Sierra di Cazorla.

Il Parco Naturale di Cazorla

Oltre all’incredibile superficie boschiva, questo parco è il luogo ideale per l’osservazione della fauna locale in libertà. Cervi, volpi, mufloni, cinghiali e uccelli rapaci si nascondono tra la vegetazione. A volte questi animali si lasciano intravedere e se si è fortunati è possibile scattare delle incredibili foto. Sopratutto le volpi sembrano essersi adattate alla presenza dell’uomo e si lasciano ammirare circolando nella Sierra senza troppi problemi.

dscn4927dscn4850dscn4918
La sorgente del Guadalquivir

In questo territorio è dove sorge “El nacimiento del Guadalquivir“, ovvero la fonte dell’asse principale del’intera Andalusia. Nella Sierra de Cazorla, infatti, nasce il fiume che ha dato vita alla civiltà in questa magnifica regione. Per raggiungere “el nacimiento” è possibile percorrere un sentiero a piedi, oppure una pista forestale transitabile in auto. Sicuramente, raccomanderei la prima opzione, poiché a piedi è possibile godere dell’essenza della natura di questo luogo e aumentano le possibilità d’incontrare la fauna selvatica lungo il proprio cammino.

El nacimiento del Guadalquivir, dove tutto inizia.
El nacimiento del Guadalquivir, dove tutto inizia.

Il percorso del Rio Borosa

Quello del Rio Borosa è il sentiero più percorso di tutta Andalusia. La propria bellezza richiama in questa zona decine e decine di turisti tutti i fine settimana.

cazorla_sierra
La passerella sul Rio Borosa.

L’acqua, insieme, ai pini sono i grandi protagonisti della Sierra di Cazorla. Una spettacolare dimostrazione la dà il Rio Borosa. Il sentiero che prosegue parallelamente al fiume è forse una delle attrazioni della zona più conosciute dagli amanti dell’escursionismo e del trekking. Questo percorso di 11,45 Km è abbastanza difficoltoso e propone un dislivello di 598 metri, arrivando a toccare i 1.267 metri d’altezza.

andalusia_tour_cazorla_consigli
Il tunnel lungo la passeggiata del Rio Borosa, all’altura del Salto de los Organos.
cazorla_tour_consigli_viaggi
Un paesaggio spettacolare offerto dalla Sierra de Cazorla.

Nonostante l’impegno, questo tour è davvero meraviglioso e merita la pena faticare. Lungo il corso del fiume sarà possibile apprezzare una vecchia centrale idroelettrica, cascate, dighe, laghi artificiali, passerelle sospese sul fiume e diversi tunnel nella roccia. Il paesaggio, inoltre, gradatamente passa da rigoglioso a roccioso e arido, ritornando poi ad essere “verde” vicino alla meta, la Laguna de Valdeazores.

andalusia_cazorla_viaggio_tour
Uno dei magnifici laghi artificiali provocato da una delle dighe della regione.

Il Centro d’Interpretazione del Legno

Il legno nella Sierra di Cazorla e nella Sierra di Segura è sempre stato fonte di sostentamento per le comunità. Il paesaggio del Parco Naturale è cambiato moltissimo a partire dalla prima metà del ‘900 quando RENFE decise di sfruttare i pini del parco per la costruzione della linea ferroviaria nel sud della Spagna. Questa zona era, oltre ad essere molto ricca di legna collegava perfettamente l’Andalusia attraverso il Guadalquivir e Murcia attraverso il fiume Segura. Prima i tronchi, poi le assi di legno, venivano trasportate a valle grazie alla corrente dei due fiumi. Anche le strade che attraversano il parco furono costruite proprio grazie a RANFE. Tutto questo ricordo viene raccontato perfettamente nel ciCUM, un’antica segheria oggi convertita in spazio museale a Vadillo Castril.

Sierra_cazorla_natura_andalusia_cicum
Il ciCUM a Vadillo Castril.

Il centro di recupero del Gipeto

Grazie alla Fondazione Gypaetus nella Sierra di Cazorla si sta cercando di reintrodurre il gipeto (Quebrantahuesos), un rapace che si estinse in questa zona. Gli sforzi della fondazione non sono vani, dopo aver allevato i gipeti tra le gabbie del centro, decine di esemplari sono stati reintrodotti nel loro habitat. Il lavoro degli specialisti è davvero delicato, tanto che è possibile visitare il centro solo in alcuni periodi dell’anno. Soprattutto durante l’accoppiamento è un periodo complicato e per questo non si accettano visite.

Sierra_cazorla_natura_andalusia_quebranta
Due esemplari di Gipeti.

Dove dormire nel Parco di Cazorla

Cazorla è uno dei parchi più turistici d’Andalusia ed è facile trovare alloggio. Sicuramente le migliori cittadine dove pernottare sono Cazorla e La Iruela. Qui potrete consultare la disponibilità negli stabilimenti di Cazorla e in quelli de La Iruela. Di sotto, invece, si mostrano gli hotel in offerta in provincia di Jaén.



Booking.com

Cosa vedere nella Sierra de Cazorla:

  • La città di Cazorla
  • La città di La Iruela
  • La sorgente del Guadalquivir
  • Il Rio Borosa
  • Il Salto de los Organos
  • La Laguna de Valdeazores
  • Il ciCUM
  • Il centro di recupero del Gipeto

Per maggiori informazioni e per ravvisare tutte le passeggiate realizzabili nella sierra di Cazorla è possibile consultare la pagina web del Parco Naturale Sierras de Cazorla, Segura y las Villas. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivere ad alberto@andalusiaviaggioitaliano.com o compilare il seguente form:

Accetto la Privacy Policy

 



andalusia consigliata:

Birdwatching, linci e cervi in provincia di Jaén c... In Andalusia c'è una provincia che risalta sopra le altre per quanto riguarda il patrimonio naturalistico: è quella di Jaén. In questa zona nord-orien...
Visitare Doñana: una riserva naturale con nome di ... Potenzialmente è la maggior attrazione turistica d'Andalusia, ma per i vincoli imposti per la sua conservazione il Parco Nazionale di Doñana rimane an...
La Iruela: tracce mussulmane nella Sierra di Cazor... La Iruela è un borgo di 2.000 abitanti a tre chilometri da Cazorla, cittadina di referenza dell'omonima Sierra. Questi due paesi tracciano il confine ...