Feria de Abril di Siviglia 2017: quando, dove e cosa fare

Con l’arrivo della primavera Siviglia si sveglia. Prima la Settimana Santa, poi arriva l’immancabile Feria de Abril o Feria de Sevilla. Nel giro di poco più di due settimane, Siviglia è stravolta prima dall’evento religioso e poi da quello folclorico, entrambi molto sentiti da gran parte della popolazione locale. La Feria de Abril di Siviglia è colore, musica, polvere e rebujito. Una settimana più o meno di vacanza, nella quale la gente spende tanto tempo e denaro mangiando, bevendo e ballando.

feria_de_abril_siviglia_farolillos
Decorazioni all’interno di una caseta.

Per capire meglio quest’articolo è consigliabile consultare anche la Feria in Andalusia.

Quando è la Feria de Abril

La Feria di Siviglia normalmente avviene due settimane dopo la Settimana Santa, anche se vi sono state delle eccezioni. Assieme alla Settimana Santa e alla corrida, prende il nome generico di Fiestas de Primaveras de Sevilla.

feria_de_abril_siviglia_flamenca
Giornate di Feria a Siviglia.

Se sino al 2016, la Feria de Abril iniziava il lunedì notte con la denominata cena del pescaito (cena di pesce fritto) e l’alumbrao de la portada (l’accensione della porta d’accesso). Dal 2017, invece, la Feria di Siviglia inizierà prima, ovvero la domenica sera e durerà sino alla domenica successiva dove i fuochi artificiali concluderanno la festività.

portada_feria_abril
La portada della Feria (grazie Los viajes de Claudia).

Dove è la Feria di Siviglia

La Feria de Sevilla avviene nel recinto ferial, a sud del quartiere de Los Remedios nel lato della città a ovest del fiume Guadalquivir. In questo spazio della città dedicato unicamente a quest’evento si monta e si smonta una città fittizia su un terreno piuttosto sabbioso (albero de la Feria). Ogni anno, infatti, la porta d’accesso e le casette (casetas) si rimontano. La portada cambia ogni anno e ogni anno viene dedicata a qualche evento o particolarità della storia locale.

feria_de_abril_siviglia_flamencas
La portada de la Feria di Siviglia 2016.

In questo grande quartiere sono poco più di 1.000 le colorate casetas e circa 237.000 le lampadine che illuminano la Feria de Abril. È risaputo come, diversamente da altre ferie d’Andalusia, a Siviglia la gran parte di casetas siano private e perciò viene limitato l’accesso ai soli invitati. Ci sono però alcune casetas pubbliche come quelle del comune, dei quartieri e dei partiti politici. Questi luoghi vengono allestiti e decorati con i colori e gli ornamenti tipici d’Andalusia. Non potranno mancare perciò: fiori, tavoli e sedie colorate e farolillos (lampadine).

feria_de_abril_siviglia_casetas_mangiare
Una caseta della Feria.

Cosa fare alla Feria de Abril

Spesso i turisti sono un po’ perplessi e a disagio una volta entrati alla Feria de Abril. Come detto alla Feria di Siviglia si va per mangiare, bere, ballare, socializzare e divertirsi.

Alla Feria si arriva a piedi, in auto, in pullman, a cavallo o in carrozza. Potrete vedere come molta della popolazione locale arriverà a cavallo con il classico vestito traje corto o in carrozze trainate da tintinnanti cavalli. Molte delle donne che partecipano alla Feria vestiranno il caratteristico e coloratissimo traje de flamenca.

feria_de_abril_siviglia_casetas_cavalli
Una delle tante carrozze della Feria.

Nelle casetas è possibile mangiare. I prezzi sono un po’ più cari rispetto all’abituale ma una volta dentro alla feria è quasi impensabile non provare un po’ di jamón, un po’ di formaggio o una tapa di tortilla. Tutto ciò accompagnato dal rebujito, la bevanda alcolica tipica della Feria di Siviglia. Più raffinato, ma altrettanto usato è il vino fino.

rebujito
Il rebujito, il protagonista della feria (grazie Los viajes de Claudia).
“Ballando” sevillanas alla Feria de Abril.

Nelle casetas si può anche ballare. La Feria de Abril è piuttosto tradizionale e perciò le canzoni proposte, spesso anche dal vivo, riguardano quasi sempre il repertorio flamenco e in particolare quello del sottogenere della sevillanas. Balli di coppia si accendono in ogni punto delle casetas sino a fuori della struttura e sino a notte inoltrata. Una volta conclusa la “baldoria” è quasi imprescindibile fermarsi in uno degli ambulanti per mangiare churros e cioccolato caldo.

Alla Feria de Abril c’è anche uno spazio dedicato ai più piccoli (e non solo). I denominati cacharritos nella calle del infierno sono le giostre e rappresentano la distrazione preferita per i bambini, nonché il parco d’attrazione temporale più grande di Spagna.

Dove dormire a Siviglia durante la Feria de Abril

Durante Feria de Abril vi è un  quartiere che più degli altri raccomanderei per la propria vicinanza sia al Centro Storico sia alla zona della Feria. Per questa occasione io consiglierei di alloggiare nel quartiere di Triana. Di seguito, però, propongo tutti gli hotel in offerta in città.



Booking.com

Per maggiori informazioni sulla Feria de Abril di Siviglia è possibile contattarmi scrivendo ad andaluciaitalia@gmail.com o compilando il seguente form:

 Trivago


andalusia consigliata:

Le migliori foto degli italiani alla Feria di Mala... Come per la Feria de Abril di Siviglia, anche per quella di Malaga raccolgo le migliori foto in Instagram degli italiani che hanno partecipato a quest...
Dalla tradizione all’innovazione: 6 mercati ... Il Mercado (o Plaza Abastos) in Andalusia, ancora oggi, non rappresenta solamente un luogo di scambi commerciali, bensì un luogo di convivialità, di r...
El Rocio: un rito polemico in un paesaggio splendi... El Rocio è una piccola frazione di Almonte, una località nella provincia di Huelva. Per quasi tutto l'anno è un tranquillo borgo di 1.635 abitanti imm...
Feria de Abril di Siviglia 2017: quando, dove e cosa fare ultima modifica: 2017-03-14T16:10:36+00:00 da andalusia viaggio italiano

2 pensieri su “Feria de Abril di Siviglia 2017: quando, dove e cosa fare”

  1. Buongiorno,
    Vorrei sapere se l’inizio della Feria 2017 sarà tra la notte di Sabato e Domenica o tra la notte di Domenica e Lunedì.
    Grazie

    1. Ciao Elena,

      la Feria 2017 inizia la notte tra Sabato e Domenica di questa settimana.
      Un saluto,
      Alberto Pala

Rispondi