Lucena: città e perla ebraica in provincia di Cordoba

Lucena è un’importantissima città con influenza ebraica in Spagna. Chi conosce bene l’Andalusia avrà sentito parlare della Lucena industriale, centro nevralgico della produzione di mobili in legno e delle operazioni di raffreddamento industriale.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere
La Chiesa di San Metteo di Lucena.

Lucena, però assieme ad Antequera, Alcalá la Real, Puente Genil, Loja, Écija e Estepa fa parte delle “Ciudades medias de Andalucía” e presenta un notevole patrimonio culturale e monumentale. Un attrattivo turistico che valorizzato a dovere sta dando ottimi benefici e permette, in parte, di differenziare l’economia del paese.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_bodega
Il museo bodega El Alfolí.

Cosa vedere a Lucena

Lucena presume di una storia molto antica, ancestrale. Come ben ci ricordano le guide di Tu historia nel museo archeologico ed etnologico del paese, a Lucena l’uomo trovò le condizioni ideali per vivere già nella preistoria. Sotto questo punto di vista, molto importanti sono, infatti, la Sima e la Cueva del Ángel. Dalla preistoria, tante civiltà passarono in questo angolo della Subbética di Cordoba: romani, ebrei, arabi ed infine cristiani.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_castello
Il Castello del Moral.

Ciò che rende speciale Lucena rispetto alle altre città d’Andalusia è sicuramente l’importanza che ha avuto questo paese nella storia ebraica spagnola tanto che per secoli fu conosciuta come “città degli ebrei”. La Lucena tra il IX ed il XII secolo fu una città di grande fama, chiamata la “Perla Sefarad” ed era comparabile con le rilevanti comunità di Cordoba e Granada. Eli ossana (in ebraico) o al-Yussana (in arabo) fu importante punto d’incontro di intellettuali ebraici oltre che paese di grandi dimensioni. Lucena, infatti, ospita la necropoli più grande della penisola iberica.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_museo
Ammirando Eli Ossana.

Imprescindibile a Lucena è la visita al Castello del Moral, una costruzione difensiva del XI secolo, epoca ebraica della città. Il cestello possiede quattro torri. Quella del Homenaje fu anche la cella dell’ultimo re nazarí di Granada, Boabdil el Chico. È per questo che questa torre, dalla quale è possibile avere anche una bellissima vista della città, viene chiamata “de los lamentos del moro”.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_lucena
La vista di Lucena dalla torre del Homenaje.

Non lontano dal Castello del Moral, la chiesa di San Matteo ospita una cappella imperdibile, una delle migliori testimonianze del barocco in Andalusia. Un’ulteriore visita raccomandata è quella all’antico casino.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_barocco
Fantastica cappella barocca a Lucena.

Il palazzo dei Conti di Santa Anna accoglie l’esperienza, a mio parere, più emozionante di tutte quelle che offre Tu historia. In questa casa del XVIII secolo sarà possibile rivivere la terribile epoca dell’inquisizione spagnola. Unico dettaglio, questa attività avverrà con gli occhi bendati. Dialoghi e rumori commuoventi e struggenti vi colpiranno al cuore e, vi assicuro, non vi lasceranno indifferenti.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_tuhistoria
Foto ricordo dopo l’esperienza nel palazzo dei Conti di Santa Anna.

Enogastronomia di Lucena

Lucena, data la poca distanza dalla zona vinicola Montilla-Moriles, è un’ottima città dove degustare del buon vino. Ne El Alfolí sarà possibile fare una completo assaggio delle varie qualità di vino fornite dalla zona DOP Montilla-Moriles. Sulla tavola di Lucena non possono certo mancare il jamón ed il formaggio locale e neppure un buon salmorejo.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_aperitivo
Spettacolare aperitivo a Lucena.
Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_degustazione
Degustazione vini Montilla Moriles.

La degustazione del vino locale è una esperienza molto interessante, soprattutto se guidata, come nel nostro caso, da un esperto enologo. Le varietà “joven”, “fino”, “amontillado”, “oloroso” e “Pedro Ximénez” sono molto distinte tra loro, sia come sensazione sia come grado alcolico (per saperne di più vedi vini in Andalusia).

Dove dormire

Sicuramente l’Hotel Santo Domingo è molto più che una semplice struttura ricettiva di 4 stelle. Questo palazzo riconvertito in hotel, infatti, rievoca il glorioso passato di Lucena. Il favoloso cortile interno, non solo è un ambiente gradevole per gli ospiti, bensì è un vero punto d’incontro per gli stessi abitanti del paese.

Città_ebraica_spagna_lucena_andalusia_cosa_vedere_hotel
Il cortile interno del Convento Santo Domingo.



Booking.com

Cosa vedere a Lucena (Cordoba):

  • Il Castello del Moral ed il museo
  • La Chiesa di San Matteo
  • Il palazzo dei Conti di Santa Anna
  • Il casino
  • Il museo Bodega Alfolí

Per maggiori informazioni e consigli personalizzati su cosa vedere a Lucena potete consultare la pagina del comune, oppure non dubitate a scrivermi ad andaluciaitalia@gmail.com o compilate il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Da Busquístar saliamo sino a Trevélez, il paese pi... La Valle del fiume Trevélez si raggiunge partendo da Granada dopo 80 Km e solo dopo aver sorpassato la Valle del Poqueira e la Taha di Pitres in piena...
Vila Real de Santo Antonio: cittadina illuminista Di fronte ad Ayamonte, lungo la sponda portoghese del fiume Guadiana, si situa la cittadina di Vila Real de Santo Antonio. Questo paese di frontiera è...
Palma del Rio: la vita tra due acque La provincia di Córdoba è per lo più sconosciuta al turismo internazionale, ma forse, è più qui che in qualunque altro posto, dove si respira l'autent...
Lucena: città e perla ebraica in provincia di Cordoba ultima modifica: 2016-12-08T18:33:37+00:00 da andalusia viaggio italiano

Rispondi