coto_de_las_canteras_osuna_andalusia_miniera_entrata

Coto de las Canteras di Osuna: la Petra d’Andalusia

Se da Siviglia ci dirigiamo verso Malaga attrverseremo tutta quella zona chiamata campiña (campagna) d’Andalusia. Apparentemente potrebbe risultare un paesaggio monotono di campi coltivati, però questo ambito nasconde bellissime ed importantissime realtà come il Torcal de Antequera, Estepa o la città di Osuna.

coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia_paesaggio_pianura
La campiña della provincia di Siviglia (foto: Begoña Adrados).

Osuna, oltre al ricchissimo centro storico composto da appariscenti edifici cinquecenteschi, ospita delle testimonianze romane e preromane molto rilevanti come il Coto de las Canteras, la Necropoli Romana ed il Teatro Romano, quest’ultimo ad oggi non visitabile.

coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia
Il Coto de las Canteras poco fuori dal centro di Osuna (foto: Begoña Adrados).

Il Coto de las Canteras: Petra d’Andalusia

coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia_retro
Il retro dell’auditorio. Si percepiscono i tagli della miniera.

Le origini della città di Osuna risalgono al I millennio a.C. quando la popolazione della città-stato Tartesso abitò questa zona d’Andalusia. In origine Osuna era conosciuta come Urso, probabilmente per la presenza di orsi in quest’area anticamente boscosa della provincia di Siviglia. Proprio due orsi, oggi, fanno parte dello scudo cittadino.

coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia_retro_miniera
L’estrazione mineraria all’aperto di Urso.

Furono proprio gli abitanti di Urso i primi a scavare quella che oggi chiamiamo la Petra d’Andalusia. Il Coto de las Canteras, infatti, è il risultato di continue estrazioni minerarie di roccia. Materiale in gran parte utilizzato per la costruzione degli edifici del paese, anche se di qualità piuttosto scadente.

coto_de_las_canteras_osuna_andalusia_miniera_entrata
L’entrata del Coto de las Canteras ad Osuna.

Il Coto de las Canteras, dopo il continuo utilizzo da parte di tutte le civiltà che hanno transitato per la storia di Osuna, terminò il proprio sfruttamento minerario negli anni ’60. Oggi, però ha una nuova vita e si presenta come un grandissimo patrimonio d’interesse turistico.

Oltre alla estesa parte della miniera all’aperto, il recinto del Coto de las Canteras ospita un maestoso auditorio alto 27 metri totalmente artificiale e veramente suggestivo. Le estrazzioni in questa grotta sono durate praticamente durante tutta l’esistenza della cittadina, le decorazioni esterne invece sono recentissime.

coto_de_las_canteras_osuna_andalusia_miniera
Una delle sculture ornamentali (foto: Begoña Adrados).

Le decorazioni evocative, che possono ingannare il visitatore, sono state fatte negli anni 2000 per abbellire una struttura utilizzata dagli anni ’90 come location per matrimoni. Questo, però, non vuole e non deve sminuire la grande importanza storico-culturale di questa opera realizzata dall’uomo nell’arco di secoli.

coto_de_las_canteras_osuna_andalusia_petra
La Petra d’Andalusia, una perfetta location per i matrimoni.

La Necropoli Romana di Osuna

A dimostrazione di come questa zona elevata del paese di Osuna sia stata estremamente importante per le civiltà in Andalusia, vi è la Necropoli Romana. Non molto distante dal Coto de las Canteras si ubica una ampia Necropoli Romana che nulla ha da invidiare a quella più famosa di Carmona.

coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia_necropolis_entrata
L’entrata alla necropoli romana di Osuna. Come si vede poco protetta.
coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia_necropolis
Un cunicolo della necropoli.

Quella di Osuna, purtroppo, non è stata scavata del tutto e non è protetta e valorizzata a dovere, ma il bene è impressionante e veramente affascinante. Quattro o cinque sono le gallerie che ospitano svariate tombe perfettamente conservate che, ancora oggi, dato il basso livello di protezione, è possibile visitare da molto da vicino. Quasi limitrofo alla Necropoli Romana si situa il Teatro Romano di Osuna. Come anticipato, questo bene non è visitabile, però si è visibile da una certa distanza. Il Teatro Romano, infatti, è ancora ad oggi incluso in un lotto privato.

coto_de_las_canteras_osuna_andalusia_miniera_entrata_necropoli
Una delle galerie con le tombe romane.

Per visitare tutta questa zona della città di Osuna è raccomandabile riservare una visita con el competenti guide di Visitar Osuna, unici professionisti che ad oggi offrono servizio al Coto de las Canteras.

coto_de_las_canteras_osuna_dove_come_arrivare_andalusia_visitarosuna
Le competenti guide di “Visitar Osuna” (foto: Begoña Adrados).

Dove dormire ad Osuna

Osuna non offre una grande selezione di hotel. Tra quelli disponibili però ce ne sono alcuni veramente particolari e dall’alto valore monumentale. Qui potete trovare tutte le opzioni disponibili.

In  provincia di Siviglia, invece:



Booking.com

Per maggiori informazioni su cosa vedere a Osuna è possibile contattarmi scrivendo ad andaluciaitalia@gmail.com o compilando il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Trono di Spade a Siviglia: cosa vedere ad Osuna Nella campiña della provincia di Siviglia, ad Osuna, c'è stato un avvenimento nel 2014 che ha scombussolato per quindici giorni il tranquillo paese. P...
Frigiliana, tre culture…e in lontananza il M... Nel fantastico ufficio di informazione turistica di Frigiliana, immediatamente, si scopre che questo paese dell'Axarquia ha ospitato tre culture nell'...
Siviglia ha un colore speciale…anche di nott... C'è una famosa canzone (ormai diventata noiosa) che dice: "Sevilla tiene un color especial", ovvero Siviglia ha un colore speciale. Effettivamente la ...
Coto de las Canteras di Osuna: la Petra d’Andalusia ultima modifica: 2016-10-11T17:50:23+00:00 da andalusia viaggio italiano

2 pensieri su “Coto de las Canteras di Osuna: la Petra d’Andalusia”

  1. Muy interesante, no entiendo por qué los de Juego de Tronos no lo eligieron como escenario cuando grabaron en Osuna.
    Un saludo.

    1. Los guías nos han comentado que no hubo acuerdo entre la productora y los propietarios de las parcelas.

      Un saludo!

      Alberto

Rispondi