Rincorrendo i mulini a vento di Don Chisciotte della Mancia

Chiudi gli occhi e dimmi la prima cosa che ti viene in mente con la parola La Mancia (dall’arabo territorio secco, senz’acqua). Quasi sicuramente per molti italiani la regione spagnola della Catiglia-La Mancia rappresenta lo scenario del libro Don Chisciotte, famosa opera del 1605 scritta da Miguel de Cervantes. Un’ambientazione fatta di paesaggi pianeggianti, color ocra come il caldo estivo e di colline armoniose sulla quale poggiano bianchi mulini.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_paesaggio_La
La fila di mulini sulla cresta del colle.

I mulini di Don Chisciotte della Mancia

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_colle_La
I mulini ed il castello di Consuegra.

Il paese di Consuegra, in provincia di Toledo, si trova proprio lungo la A-4, l’autostrada che collega Cordoba e l’Andalusia con la capitale Madrid. In questo territorio di buon formaggio, ottimo vino, pregiato zafferano e tradizionali ceramiche, si situa l’immagine simbolo dell’intera regione: i mulini. Sulla collina del Calderico, infatti, è dove si ergono i famosi dodici mulini a vento ed il castello. Come dice il proprio nome, La Mancia è una regione secca, senza fiumi che apportino la forza idraulica necessaria per muovere un mulino. È per questo motivo che in questo territorio venne sfruttata l’energia eolica.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_colle
La classica foto dei mulini a vento di Consuegra.
Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_macina
Gli ingranaggi e la macina del mulino.

Dei dodici  mulini a vento che con la pietra molare producevano farina, solo quattro conservano i propri ingranaggi e sono in grado ancora di macinare il grano. Due di quest’ultimi sono stati trasformati in musei, uno pubblico ed uno privato. Il “Bolero” è quello pubblico e permette di addentrarsi nelle viscere di un mulino del XVI secolo con tutti gli elementi originali restaurati e, come detto, funzionanti. Un video, inoltre, spiega la storia e tutta la messa in moto di questa fantastica e romanzesco elemento.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte
Un mulino a vento sovrastando la pianura de La Mancia.

Due sono le cose che più mi hanno colpito del mulino: il fatto che ci siano otto finestrelle grazie alla quale il mugnaio capiva la direzione del vento e il fatto che per spostare le pale in direzione del vento sia necessario ruotare tutto il tetto del mulino e che per fare ciò siano sufficienti solo due persone. Quello del “Bolero” è il primo degli undici mulini, susseguono sulla cresta della collina gli altri dieci, quasi ma non del tutto allineati.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_finestra
Da una delle finestrelle si vede il paese di Consuegra.

Il paesaggio letterario di Consuegra

Questo paesaggio letterario di Consuegra ci immerge nelle scenografie immaginate da Cervantes nel VIII capitolo del primo libro della sua più famosa opera, quando Don Chisciotte affrontò con coraggio i mulini a vento scambiandoli con giganti dalle braccia rotanti.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_paesaggio
La pianura secca de La Macia.

Il Castello, anch’esso in cima al colle, è uno dei primi che si costruì successivamente alla riconquista cristiana al principio del XIII secolo, anche se sembrerebbe che fu edificato su resti romani. Un castello semplice, senza pretese artistiche, dalla quale però è apprezzabile una stupenda vista dei mulini, della cittadina di Consuegra e della pianura circostante.

Cosa_vedere_consuegra_mulini_chisciotte_paesaggio_Castello
Il castello di Consuegra.

Dove dormire a Consuegra

Per vivere davvero l’esperienza di Don Chisciotte è possibile soggiornare a Consuegra. Non sono molte gli hotel in questa località. Qui potrete consultare tutti gli alloggi disponibili e dormire tra i mulini a vento.

Cosa vedere a Consuegra (Castiglia-La Mancia):

  • Cerro Calderico con i 12 mulini a vento
  • Il paesaggio mancego
  • Il Castello
  • La cappella della Virgen Blanca
  • La Plaza de España

Per maggiori informazioni sui mulini a vento di Consuegra potete contattarmi scrivendo ad andaluciaitalia@gmail.com o compilando il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Niebla: una piccola roccaforte sulle sponde del Rí... Niebla, in provincia di Huelva, può essere considerata, a scapito de Las Minas del Río Tinto, la capitale storico-culturale del territorio che circond...
La Iruela: tracce mussulmane nella Sierra di Cazor... La Iruela è un borgo di 2.000 abitanti a tre chilometri da Cazorla, cittadina di referenza dell'omonima Sierra. Questi due paesi tracciano il confine ...
Vejer de la Frontera: un romantico paesino con l&#... In provincia di Cadice (Cadiz) si ubica uno dei paesini più suggestivi d'Andalusia. Vejer de la Fontera è il prototipo del paesino gaditano (di Cadice...
Rincorrendo i mulini a vento di Don Chisciotte della Mancia ultima modifica: 2016-07-15T09:32:23+00:00 da andalusia viaggio italiano

Rispondi