Mojácar: comodità turistiche e spiagge naturali protette

Mojácar è un pueblo turistico d’Almeria, situato al nord delle spiagge del Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar e di Carboneras. Il borgo si ubica a poco più di 2 Km dalla costa e dalle sue fantastiche spiagge. Oggi, il paese è costituito da due nuclei, quello storico sulle colline dell’entroterra e quello della costa, moderno e turistico.

Cosa vedere a Mojácar _
Il paese di Mojácar arroccato sulla collina.

Cosa vedere a Mojácar:

Questo territorio è stato abitato sin dall’età del bronzo. Fenici, Cartaginesi, Greci e Romani si instaurarono qui approfittando della favorevole posizione strategica sul Mediterraneo. È nel XVIII secolo, però, quando Mojácar conobbe il suo periodo di maggior splendore sotto la dipendenza del califfato di Córdoba. Infatti, la denominazione di origine araba, lascia alla città una traccia indelebile del proprio passato mussulmano.

Cosa vedere a Mojácar - paese
Una splendida viuzza di Mojácar.

Oltre al nome Mojácar, altre testimonianza islamiche si possono trovare in patrimoni materiali e nella memoria storica della cittadina. La Torre del Pirulico, per esempio, è una costruzione difensiva del XVIII secolo di origine Nazarí. Da qui si capisce la magnifica posizione geografica di Mojácar, dalla quale si può scrutare gran parte della costa della provincia d’Almeria. Nel paese, invece, rimane solamente la memoria storica dell’antico cimitero arabo (oggi Plaza del Parterre).

Cosa vedere a Mojácar - pirulico
La spettacolare Torre del Pirulico.

Non molto lontano dalla Torre del Pirulico, si apprezza la Torre de Macenas, una costruzione difensiva del XVIII secolo e usata sino alla Guerra Civile Spagnola.

Cosa vedere a Mojácar - vista pirulico
La Costa vista dalla Torre del Pirulico.
Cosa vedere a Mojácar - macenas
Il Castello di Macenas sulla spiaggia.

Il paese è molto accogliente, le stradine e le scalette permettono agilmente di girovagare e scoprire i segreti e le tradizioni di questa piacevole meta turistica. Inoltre, posto sull’alto di un colle, vanta di due fantastici belvedere, uno in direzione dell’entroterra e uno guardando il Mediterraneo.

Cosa vedere a Mojácar - entroterra
La vista verso l’entroterra…
Cosa vedere a Mojácar - entroterra
…e verso il Mediterraneo.

Curiosando tra le viuzze del borgo, noteremo sulle facciate delle case, sulle porte o come ornamento delle ringhiere, un simbolo ancestrale. L’Indalo è un disegno usato in tutta la provincia come portafortuna. La sua origine la troviamo nella grotta neolitica de los Letreros, nel comune di Vélez Blanco e rappresenta una figura umana con le braccia tese ed un arco nelle proprie mani.

Cosa vedere a Mojácar - indalo
L’Indalo sulla facciata delle case.
Cosa vedere a Mojácar - notte
Veduta notturna di Mojácar.

Mojácar ha a sua disposizione 17 Km di costa, da la Garrucha sino al confine col Parco Naturale Cabo de Gato-Níjar. Le spiagge di Mojácar sono varie, ma sostanzialmente si dividono in due categorie: quelle urbane e quelle naturali e protette.

Cosa vedere a Mojácar - elefante spiaggia
La Spiaggia dell’Elefante. Le rocce sembrano effettivamente la sagoma di un elefante.

Le belle spiagge urbane di Mojácar sono perfettamente preparate per l’attività turistica, con tutti i servizi auspicabili a disposizione (alberghi, ristoranti, docce, chiringuitos, etc.).Le spiagge naturali protette, invece, sono difficilmente accessibili (o a piedi o attraverso una lunga strada sterrata verso la Torre del Pirulico) e, chiaramente, non dispongono di nessun servizio per il turista. La spiaggia dell’Elefante e la spiaggia del Sombrerico sono le due calette più spettacolari e tranquille della zona.

Cosa vedere a Mojácar - sombrerico
La cala del Sombrerico.
Cosa vedere a Mojácar - sombrerico
Rocce nella cala del Sombrerico.

Dove dormire a Mojácar

Anche se apparentemente piccola, Mojácar ha una discreta selezioni di alloggi. Due sono le zone dove poter dormire: il paese e la zona della spiaggia. Qui potrete trovare tutti gli hotel di Mojácar ubicati nella zona che consiglierei. Di seguito, invece, tutte le offerte presenti in questo momento nel paese.



Booking.com

Cosa vedere a  Mojácar (Almeria):

  • Il borgo di Mojácar
  • Le spiagge urbane
  • La Spiaggia dell’Elefante
  • La Spiaggia del Sombrerico
  • La Torre del Pirulico
  • La Torre de Macenas

Per maggiori informazioni è possibile consultare la pagina web dedicata all’attività turistica di Mojácar. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad andaluciaitalia@gmail.com o compilate il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Le migliori spiagge d’Andalusia: tutte le ba... Il simbolo internazionale "Bandiera blu". Spesso le migliori spiagge non combaciano con le più belle o le più pulite. Questo succede anche in Anda...
Immergersi a Larache in un’autentica Medina ... Se Asilah e Chefchaouen sono una favola, Larache rappresenta la realtà del Marocco. Questo è un paesotto a sud di Asilah lungo la costa atlantica del ...
Le contrapposte spiagge di Carboneras Carboneras è una cittadina della costa levantina della provincia di Almeria di poco più di 8.000 abitanti. Questo comune a nord di Níjar, oltre a esse...
Mojácar: comodità turistiche e spiagge naturali protette ultima modifica: 2015-06-03T09:50:44+00:00 da andalusia viaggio italiano

4 pensieri su “Mojácar: comodità turistiche e spiagge naturali protette”

  1. Buongiorno,volevo una informazione sulle spiaggia di mojacar,ci sono spiaggie attrezzate con ombrelli e tutti i comfort ,sto guardando su internet ma non riesco a trovare nessuna informazione ,mi può aiutare

    1. Buongiorno Daniele,
      come scrivo nell’articolo ti confermo che a Mojácar potrai trovare sia spiagge selvagge (poco fuori dal paese) e spiagge urbane munite di tutti i servizi necessari (bagni, docce, ristoranti, etc). In alcune zone limitate della spiaggia ci sono anche gli ombrelloni.
      Un saluto,

      Alberto

    1. Ciao Mauro,
      non saprei consigliarti se è il posto giusto.

      Sicuramente, ricordo che a Mojácar sono già presenti moltissimi ristoranti italiani.

      Un saluto,

      Alberto

Rispondi