Cabo de Gata (Almeria): spiagge paradisiache ed entroterra infernale

Le spiagge di Cabo de Gata in provincia d’Almeria sono una delle risorse più importante d’Andalusia. Il Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar è il primo spazio marino-terrestre protetto della regione. Un’estesa area, in provincia di Almeria, compresa tra i municipi di Carboneras e Níjar, che offre spettacolari contrasti tra l’ambiente marino, la costa e l’arido entroterra (vedi Parchi Naturali d’Andalusia).

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - carbon
Un paesaggio tipico del Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar. In primo piano la Cala del Carbón.

Cabo de Gata-Níjar è uno degli ecosistemi più secchi del continente (il Deserto di Tabernas si trova a pochi chilometri). La particolarità ecologica e paesaggistica di questo territorio, situato a sud di Mojácar e a nord di Almeria, è dovuta alla sostanziale assenza di un inverno mite (tipico della fascia mediterranea) e dalla diversità geologica. Il suolo in questo territorio, infatti, è prettamente di natura vulcanica, nel quale le ancestrali colate di lava e le dune fossili colorano il terreno di svariegati colori. Il nero della lava, l’ocra della sabbia fossilizzata ed i sedimenti rossastri contrastano con il blu marino del Mediterraneo.

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - spiaggia
Fantastiche scogliere di origine vulcanica si lanciano nel Mediterraneo.
Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - genoveses
Una duna fossile immettendosi nel mare della Playa de los Genoveses.

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata – Níjar:

Il Parco comprende 50 Km di costa ottimamente conservata. Le maestose scogliere, spesso, lasciano spazio a delle meravigliose spiagge ed incantevoli cale. Tutte quelle comprese nel territorio del Parco sono di altissima qualità e vengono considerate uno dei migliori esempi di tutela ambientale del litorale mediterraneo europeo. Spettacolari esempi sono la Playa de los Muertos nel municipio di Carboneras o la Playa de los Genoveses e di Mónsul nel municipio di Níjar (frazione di San José).

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - los muertos
La Playa de los Muertos a Carboneras.

Come detto, la scarsità di acqua in questa zona ha favorito la conservazione originaria del territorio. Il suolo non è lavorato e tracce d’agricoltura sono visibili solo oltre i limiti della protezione ambientale. Nella zona di Cabo de Gata sono presenti anche delle saline, che rendono la zona ancor più suggestiva. Quì si ubica anche una piccola chiesa del 1907, chiamata de la Almadraba o de Las Salinas.

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - La chiesa de la Almadraba o de Las Salinas, tra le saline e la spiaggia di Cabo de Gata.
La chiesa de la Almadraba o de Las Salinas, tra le saline e la spiaggia di Cabo de Gata.

Il clima semiarido non impedisce che il Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar sia uno degli incubatori della biodiversità europea, con più di 1.000 specie esclusive. La vegetazione si è adattata a questo particolare suolo di origine vulcanica, sottoposto ad una costante scarsezza idrica e al forte vento. Questo è uno dei pochi luoghi del continente dove possiamo trovare il “palmito”, l’unica varietà di palma europea.

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - parco
L’arido entroterra del Parco Naturale Cabo de Gata-Níjar.
Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - fauna
Solo le capre riescono a “sfruttare” queste condizioni estreme.

Oggi una buona rete stradale permette la visita turistica, oltre al rinomato paese di Carboneras, alle frazioni marittime di Níjar. Nei minuscoli borghi di Las Negras, La Isleta, San José e Cabo de Gata persistono le pratiche tradizionali relative alla pesca. Il turismo non è ancora intenso come altre parti d’Andalusia. Nei mesi estivi le spiagge e le calette vengono densamente occupate, ma non vi è stata ancora quell’espanzione urbanistica tipica delle zone del turismo di massa.

Cosa vedere nel Parco Cabo de Gata - Níjar - mulino
Una stradina tra le sterpaglie secche del Parco.

Dove dormire a Cabo de Gata

Tante sono le zone dove poter trovare un angolo di pace. I paesi o le zone dove raccomendo alloggiare nel Parco Cabo de Gata, per la ricca disponibilità e diversità di stabilimenti, sono: Carboneras, Agua Amarga o San José. Qui di seguito, invece, vengono riportate tutte le offerte di alloggio presenti nel Parco.



Booking.com

Cosa vedere nel Parco naturale Cabo de Gata – Níjar (Almeria):

  • Il paese di Carboneras
  • Il borgo di San José
  • Il porticciolo de La Isleta
  • La frazione de Las Negras
  • Il faro di Cabo de Gata
  • Le spiagge de: Los Muertos, El Playazo, de los Genoveses, de Mónsul
  • Il promontorio della Vela Blanca

Per maggiori informazioni su questo fantastico viaggio è possibile rivolgersi al competente portale Parque Natural Cabo de Gata-Níjar. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad andaluciaitalia@gmail.com o compilate il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Alla scoperta della colonia di fenicotteri di Fuen... Fuente de Piedra è un paesino di poco più di 2.000 abitanti della provincia di Málaga. Situato a pochi chilometri da Antequera e dal Caminito del Rey,...
La Sierra di Cazorla, la Sierra più attiva d’... La Sierra di Cazorla si trova al sud-est della provincia di Jaén e forma parte del più ampio Parco Naturale della Sierras de Cazorla, Segura y Las Vil...
Olvera: scorci nell’entroterra della provinc... Olvera è uno dei paesini più suggestivi d'Andalusia, si ubica in provincia di Cadice, ma traccia il confine con la provincia di Siviglia. Questo picco...
Cabo de Gata (Almeria): spiagge paradisiache ed entroterra infernale ultima modifica: 2015-05-27T09:39:52+00:00 da andalusia viaggio italiano

4 pensieri su “Cabo de Gata (Almeria): spiagge paradisiache ed entroterra infernale”

  1. Buongiorno, vorrei qualche consiglio per visitare questa zona in agosto. Io sono stato diverse volte in Spagna, sono stato più volte a Valencia ed Alicante, e in passato sono stato Siviglia, Granada e poi mi sono fermato per una decina di giorni a carihuela. Mi piacerebbe visitare Almeria e poi dedicarmi ad una vacanza di mare su queste coste. Dove mi converrebbe alloggiare? In che zone? Non ho problemi di spesa e preferisco hotel a 4 o 5 stelle.
    Grazie mille per i Suoi consigli

    1. Salve Alberto.
      Personalmente a me piace molto San José nel Parco Naturale Cabo de Gata. Da questa frazione (turisticamente molto frequentata) può facilemente raggiungere alcune delle più belle spiagge del Parco e della Provincia.

      Può anche prendere in considerazione Mojacar, poco fuori dal Parco, offre delle ottime spiagge urbane e calette.

      Rimango a disposizione.

      Un saluto,

      Alberto

  2. Ciao! Seguo il tuo blog da un’annetto, da quando ho cominciato a pensare al mio viaggio di questa estate in Andalusia. Mi fermerò per un paio di giorni nel parco di Cabo de Gata, più precisamente a Pozo de los Frailes. Sono entusiasta solo all’idea delle spiagge meravigliose di questo parco, ma siccome pare essere un territorio un po’ brullo, volevo chiederti se esiste qualche guida/cartina di questa zona, da poter utilizzare per non perdersi o comunque chiederti se è facile muoversi verso le diverse spiagge e paesini.

    Ti ringrazio molto!

    Vanda

Rispondi