Arcos de la Frontera: punto di partenza de los pueblos blancos

Arcos de la Frontera è, forse, il villaggio bianco di Cadice più conosciuto fuori dai confini nazionali. Infatti, questo paese è sicuramente quello in cui più di tutti si è sviluppato il settore turistico. A causa di vantaggi geografici e storici, Arcos è il paese di riferimento di questo territorio ed è la cittadina maggiormente preparata verso un’accoglienza turistica di qualità. De los pueblos blancos (vedi GrazalemaSetenil de las Bodegas e Olvera), Arcos è la destinazione più occidentale, ovvero più vicina a Jerez, a Cadice e perciò all’Oceano Atlantico.

arcos_cadiz_andalusia_viaggi_tour
Il lato ovest di Arcos de la Frontera, dove si affacciano la Chiesa S.Maria Asunción e il Castello e la Chiesa di San Pedro (destra).

Cosa visitare ad Arcos de la Frontera

Nonostante sia una cittadina di 31.000 abitanti, Arcos non perde il fascino tradizionale di questi paesini. Anch’esso arroccato su di un rilievo e con la tipica colorazione bianca delle case, Arcos fu durante l’epoca mussulmana un paese prospero e strategicamente molto importante. Le maggiori testimonianza culturali del paese sono infatti, di origine o con richiami mudéjar. Questo stile lo si può benissimo notare nella Chiesa Santa Maria de la Asunción del XIV-XV secolo. Questo monumento religioso ha avuto un modellamento nel XVI, quando sono stati aggiunti elementi rinascimentali e barocchi.

asuncion_arcos_cadiz_turismo_viaggi_consigli
La Chiesa dedicata a Santa Maria de la Asunción.
arcos_cadiz_andalusia_viaggi_tour_pueblos_blancos
Il palazzo del Conde del Águila.

Il palazzo del Conde del Águila, anch’esso del XIV-XV secolo, è un bene turistico gotico-mudèjar ed è considerato uno degli edifici civili più antichi d’Andalusia. Nel centro storico, sono vari i beni di elevato interesse turistico visitabili: la Chiesa di San Pedro del XV-XVII secolo, il Convento di San Augustin del XVI-XVII secolo, il palazzo del Mayorazgo del XVII secolo e l’Ospedale e Chiesa de la Caridad del XVI-XVII secolo.

Nella stessa piazza (plaza del Cabildo) in cui si affaccia la Chiesa dedicata a Santa Maria de la Asunción è possibile ammirare il Castello di Arcos. Una costruzione difensiva di origine mussulmana eretta sul punto più alto del paese e che durante il dominio cristiano passò ad essere la residenza dei Duchi della città.

arcos_cadiz_andalusia_viaggi_tour_consigli
Il Castello di Arcos dalla Plaza del Cabildo.

Dalla stessa piazza è possibile immettersi su uno dei tanti punti panoramici del paese. Qui spesso si apposta un falconiere, mostrando il volo dei propri rapaci lungo l’impressionante ripida vallata. Le varie vedute che offre Arcos de la Frontera sono un ulteriore motivo di interesse. Dalla cittadina è possibile scorgere, oltre che i tradizionali paesaggi agricoli e serrani d‘Andalusia, anche la diga di Arcos e il relativo lago artificiale.

arcos_cadice_andalusia_consigli
La vista della diga e del lago artificiale dalla parte nord del paese.

Oltre a tutto questo patrimonio paesaggistico, Arcos sorprende il visitatore per la semplicità che caratterizza tutti i paesi bianchi. Il sali e scendi delle viuzze e l’abitato bianco offrono al turista, in qualunque istante, un’atmosfera autenticamente andalusa. ll tradizionale colore bianco delle case di questo territorio, ricordiamo, è dovuto all’uso della calce (ora sostituito da altri materiali più salubri) come isolante termico e idrico.

arcos_cadice_andalusia_consigli_viaggi
Una delle tante viuzze strette e candide, tipiche di Arcos de la Frontera.
andalusia_cadice_viaggi_paessi_bianchi
In Andalusia non possono mancare i gerani su sfondo bianco.

Perdersi per le strade, i monumenti e i paesaggi di questo comune è un’esperienza sublime, sopratutto se il sole illumina le case adattate al rilievo. Per questo, se avete in mente per le vostre vacanze un tour de los pueblos blancos, o paesi bianchi di Cadice, tenete presente Arcos de la Frontera come punto di partenza e di riferimento del vostro percorso.

Dove dormire ad Arcos

Arcos è della zona la località turisticamente più fornita. Qui è possibile scegliere il proprio alloggio tra le varie soluzione che offre la cittadina. Di seguito, invece, tutti gli hotel in offerta in provincia di Cadice.



Booking.com

Cosa vedere ad Arcos de la Frontera (Cadice):

  • La Chiesa Santa Maria de la Asunción
  • Il palazzo del Conde del Águila
  • La Chiesa di San Pedro
  • Il Convento di San Augustin
  • Il palazzo del Mayorazgo
  • L’Ospedale e Chiesa de la Caridad
  • Il Castello di Arcos
  • La diga di Arcos
  • I punti panoramici
  • Le case bianche

Per ulteriori informazioni è possibile consultare il portale d’informazione turistica di Arcos. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad andaluciaitalia@gmail.com o compilate il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Cosa vedere a Siviglia in pochi giorni? Cosa vedere a Siviglia in pochi giorni? Il capoluogo dell'Andalusia e meraviglia della Spagna propone monumenti assolutamente da visitare come l'Alcaz...
5 cose che (forse) non sapevate di Siviglia! 1. Sapete perché nel 2010 la Giralda ha seriamente rischiato di perdere l'onorificenza dell'Unesco? Il grattacielo Cajasol o meglio conosciuto com...
Marchena: visitando la Provincia di Siviglia Tra la campagna della provincia di Siviglia scopriamo Marchena, un paese con tanto da vedere. Marchena si situa in direzione di Malaga, qualche chilom...
Arcos de la Frontera: punto di partenza de los pueblos blancos ultima modifica: 2015-02-13T17:40:35+00:00 da andalusia viaggio italiano

Rispondi