Il Caminito del Rey oggi, scoprendo la provincia di Malaga

A poca distanza da Fuente de Piedra e a poco più di 50 km dalla capitale della costa del sol (Malaga), Ardales è un paesino di 2.500 abitanti che si ubica nella Valle del Gaudalhorce. Oltre all’interesse culturale e paesaggistico, questa cittadina malagueña è il punto di partenza di vari itinerari naturalistici nel territorio denominato Guadalteba. Ardales e Guadalteba sono dei luoghi per lo più naturali e ostici, nella quale però la presenza dell’uomo  è testimoniata già dall’epoca preistorica.

ardales_malaga_tour_andalusia_consigli1
Il paesaggio ostico del territorio di Guadalteba, in provincia di Malaga.

La cittadina si sviluppò attorno al castello romano, del quale oggi è possibile apprezzare solamente i resti. Il nome Ardales però, proviene dall’arabo Ard-Allah, ovvero giardino di Dio. Sotto il dominio mussulmano (IX secolo d.C.) è quando questo paesino ebbe la sua massima importanza storica come centro della resistenza contro il potere del califfato di Córdoba (per saperne di più vedi l’articolo su Madinat al-Zahra).

ardales_malaga_tour_viaggi_consigli
I resti del castello romano attorno al quale si è sviluppato il paese di Ardales.

Il patrimonio storico-culturale conservato di Ardales non è così notevole come in altre zone d’Andalusia. La Chiesa de Nuestra Señora de los Remedios del XVI secolo, il Convento de los Capuchinos del XVII secolo e l’Eremo de la Encarnación sono dei umili beni che adornano il fantastico patrimonio paesaggistico. La Caverna de Doña Trinidad, occupata dall’uomo dal 20.000 sino al 2.700 a.C.  è sicuramente il principale tesoro di Ardales. Questo sito d’interesse turistico rimane fuori dal paese e per accedervi è necessario superare un processo burocratico comunale.

ardales_tour_malaga_andalusia_consigli
Una vista panoramica di Ardales dall’eremo.

La Valle del Guadalhorce e il territorio di Guadalteba offrono il meglio di sé a livello paesaggistico. Tante sono le dighe in questa zona che, formando dei laghi artificiali (embalses), rendono turisticamente attrattivo il territorio. Lungo l’embalse del Guadalhorce, del Guadalteba o del Conde de Guadalhorce i colori sono sgargianti. L’azzurro del cielo e del lago, il verde della vegetazione riparia e il giallo della sterpaglia secca offrono dei panorami indimenticabili.

guadalhorce_malaga_consigli_turismo_tour
Il lago artificiale del Conde de Guadalhorce.

Con lo scopo di approfittare della forza motrice del fiume Guadalhorce, attraverso una centrale idroelettrica, fu scavato il canale chiamato Desfiladero de los Gaitanes. Quest’opera si ubica tra i comuni di Ardales, El Chorro e Álora ed è divenuta turisticamente molto importante per la presenza di un cammino molto suggestivo, El Caminito del Rey. Questa stretta (1 metro) e lunga passerella di 3 km sospesa a 100 metri dal suolo inizialmente fu la via dedicata alla manutenzione del complesso idroelettrico. Con il passare degli anni però, divenne un richiamo per tutti i più coraggiosi escursionisti.

caminito-del-rey_malaga_andalusia_tour
Il Desfiladero de los Gaitanes e il Caminito del Rey.

Il nome “Caminito del rey” è dovuto semplicemente al fatto che nel 1921 il re Alfonso XIII partecipò all’inaugurazione della diga Conde de Guadalhorce. Da quella data si produssero, purtroppo, vari incidenti mortali, spingendo le autorità a chiudere il percorso nel 2000. Recentemente il Caminito del Rey è stato sottoposto ad un’intensa valorizzazione turistica, tanto che a partir dalla primavera 2015 è possibile ripercorrerlo in totale sicurezza.

caminito-del-rey_malaga_andalusia_tour_consigli
Un particolare del Caminito del Rey prima del recupero.27

Il Caminito del Rey è in questo momento gratuito, solo bisogna prenotare attraverso la pagina ufficiale. Non è facile raggiungere il Caminito del Rey soprattutto attraverso i trasporti pubblici. Un treno da Malaga ed uno da Siviglia sono le poche possibilità con i mezzi (orari consultabili qui). Sicuramente è di maggior comodità noleggiare un’auto a Siviglia o a Malaga.

Dove dormire per visitare il Caminito del Rey

I paesini nei pressi del Caminito del Rey, oggi, non sono del tutto preparati per soddisfare la domanda. Qui potete consultare gli hotel riscontrabili nel paese di Ardales e nel paese di El Chorro. Di seguito, invece, tutte le offerte presenti in provincia di Malaga.



Booking.com

Cosa vedere ad Ardales (Malaga):

  • I resti del Castello romano
  • La Chiesa de Nuestra Señora de los Remedios
  • Il Convento de los Capuchinos
  • L’Eremo de la Encarnación
  • La Caverna de Doña Trinidad
  • La diga del Guadalhorce
  • Il Caminito del Rey

Per maggiori informazioni è possibile consultare il portale Turismo Guadalteba e nello specifico la pagina web del Caminito del Rey. Per consigli personalizzati o per organizzare una visita non dubitate a scrivermi ad andaluciaitalia@gmail.com o compilate il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Il Cerro de Hierro: in famiglia nella Sierra Norte... La Sierra Norte di Siviglia A nord di Siviglia, nella Sierra Morena, si ubica un vero e proprio polmone verde della provincia. La Sierra Norte è un m...
I paesini più suggestivi d’Andalusia La Spagna è il secondo paese al mondo avente più beni riconosciuti Patrimonio Mondiale dell'Unesco. Questa medaglia d'argento significa comunque esser...
Birdwatching, linci e cervi in provincia di Jaén c... In Andalusia c'è una provincia che risalta sopra le altre per quanto riguarda il patrimonio naturalistico: è quella di Jaén. In questa zona nord-orien...
Il Caminito del Rey oggi, scoprendo la provincia di Malaga ultima modifica: 2015-01-27T16:44:30+00:00 da andalusia viaggio italiano

12 pensieri su “Il Caminito del Rey oggi, scoprendo la provincia di Malaga”

    1. Salve Luisa,
      il Caminito del Rey in questo momento è molto domandato. È imprescindibile riservare l’entrata anche se molto difficile. Per ora non è ancora disponibile riservare l’entrata per il mese di Aprile. Qui potrà fare la sua riserva appena possibile: https://reservas.caminitodelrey.info/

      Se non riesce a riservare, poichè i posti sono limitati e la domanda elevata, potrà sempre prenotare una visita guidata. In questo modo avrete, pagando 10€ a persona, assicurata l’entrata, assicurazione e guida : http://www.infocaminitodelrey.com/VISITAS-GUIADAS/index.php/

      Potrete entrare al Caminito del Rey da Ardales e uscire a El Chorro. I due paesi sono collegati attraverso la navetta con i seguenti orari: http://static.sopde.es/malaga/subidas/archivos/7/7/arc_208877.pdf

      Rimango a disposizione.

      Un saluto,

      Alberto

  1. buonasera, sarò a malaga con un pacchetto vacanza per i primi di novembre e, avendo un giorno libero, non posso perdermi il caminito del rey…
    volevo sapere orari e giorni di apertura (andrei il sabato), costi ed eventuali sconti (sono una guida ambientale escursionistica con regolare tesserino) e i trasporti da/per malaga…
    ringrazio in anticipo, saluti.

    1. Ciao Francesca,
      momentaneamente non è ancora possibile prenotare il biglietto per il Caminito del Rey (che sino a settembre era gratis). Per questo ti consiglio di tenere sotto controllo quasta pagina https://reservas.caminitodelrey.info/ perchè i biglietti vanno a ruba!
      Qui ti lascio anche l’orario: http://www.caminitodelrey.info/?cod=5042

      Questa, invece, è una impresa privata che gestiona la visita, compresa la guida: http://www.infocaminitodelrey.com/VISITAS-GUIADAS/index.php/ Con loro non hai problemi per la prenotazione.
      Per quanto riguarda i mezzi di trasporto pubblici:
      Purtroppo, attualmente, la connessione Malaga-Caminito del Rey non è per niente efficace.

      Avviso che ora è già disponibile la navetta che collega le entrate del Caminito del Rey (Ardale e El Chorro/Alora). Ti lascio il link con tutte le info: http://static.sopde.es/malaga/subidas/archivos/7/7/arc_208877.pdf

      Il collegamento Malaga-Caminito del Rey è garantito da:
      – Autobus Malaga-Ardales: http://www.emtsam.org/estabus/consulta_lineas_estabus_resultado.php?destino=ARDALES
      – Treno Malaga-El Chorro: http://static.sopde.es/malaga/subidas/archivos/3/3/arc_208033.pdf

      Alberto Pala

  2. Salve siamo 4 coppie di motociclisti , verso il 18 di agosto saremo a malaga, (stiamo progettando un tour nell’andalusia) ci sarebbe piaciuto fare il caminito del rey ma purtroppo i tempi chhe abbiamo sono stretti quindi pensavamo di visitare questa valle con altri mezzi tipo treno. Potrebbe darci qualche consiglio grazie

    1. Salve Franco, che bella avventura!

      Purtroppo la valle del Guadalhorce non risulta essere ben connessa con i mezzi pubblici. Qui le lascio gli orari dei treni da Malaga e Siviglia: https://www.google.es/url?sa=t&source=web&rct=j&url=http://static.sopde.es/malaga/subidas/archivos/3/3/arc_208033.pdf&ved=0ahUKEwiHrKict6DOAhXIvxQKHYvrBFsQFgiBATAS&usg=AFQjCNHKpEuxJBFD_xY3OWkhiRrCE5oZEA&sig2=Zls1fx3gjWOsGKonYF7Isg

      Come puó vedere da Malaga c’è solo un treno alla mattina d’andata e solo uno alla sera di ritorno.
      Per questo, credo sarebbe piú conveniente andare in moto.

      Un saluto,

      Alberto Pala

    1. Salve Luca,
      il Caminito del Rey in questo momento è molto domandato. È imprescindibile riservare l’entrata anche se molto difficile. Qui potrà fare la sua riserva: https://reservas.caminitodelrey.info/

      Se non riesce a riservare, poichè i posti sono limitati e la domanda elevata, potrà sempre prenotare una visita guidata. In questo modo avrete, pagando 10€ per persona, assicurata l’entrata, assicurazione e guida : http://www.infocaminitodelrey.com/VISITAS-GUIADAS/index.php/

      Rimango a disposizione,

      Alberto

  3. Salve, vorrei recarmi con la mia famiglia( moglie e figlia di 13 anni)a percorrere il caminito del rey durante il periodo natalizio 23/12 – 29/12/16 ma non conoscendo il clima della zona avrei bisogno di capire se in quel periodo è consigliato.
    Ringrazio anticipatamente x il consiglio

    1. Salve Adriano,
      Anche in inverno la temperatura in Andalusia ed in particolare a Malaga è molto buona, con la temperatura che oscilla dai 9 ai 17 gradi. Questo vuol dire che anche per il Caminito del Rey non avrete nessun problema. L’unico inconveniente potrà essere causato dalla pioggia.

      Un saluto,

      Alberto Pala

  4. Ciao! il tuo blog è davvero molto interessante e lo sto sulciando per bene..una domanda! ha scritto che il caminito del rey è gratuito se prenoti…è ancora così? perchè se vado sul sito mi sembra di aver capito che costa..
    Grazie!
    Erika

    1. Ciao Erika (ti chiami come mia sorella con “k” :D),
      mi spiace non ho avuto tempo di aggiornare l’articolo, ora effettivamente è a pagamento.

      Rimango a disposizione,

      Alberto Pala

Rispondi