Ponte 1 novembre: curiosi cimiteri in Andalusia

Durante il ponte del 1 novembre anche in Andalusia vengono ricordate le ricorrenze cristiane di “Ognissanti” ed il “Giorno dei morti” ed esattamente come in Italia, anche in Spagna, la festa importata dagli Stati Uniti di Halloween prende sempre più piede, soprattutto tra i più piccoli.

cimiteri_andalusia_inglese_malaga_ponte
Il cimitero inglese di Malaga.

I cimiteri più curiosi d’Andalusia

cimiteri_andalusia_ermitas_cordoba_ponte
Un lugubre messaggio ne “las ermitas”.

Durante il “Giorno dei morti” anche qui è consuetudine visitare i propri cari defunti. I cimiteri durante tutto l’arco della giornata diventano luoghi molto frequentati, cosa che a mio avviso dovrebbe essere più comune. I campi santi, infatti, sono lo specchio di una comunità. A livello turistico, inoltre, ci sono cimiteri in Andalusia che nascondono storie o leggende molto particolari.

Il cimitero di Sayalonga (Malaga)

Anche se non molto famoso, il cimitero di Sayalonga in provincia di Malaga è un luogo molto peculiare. Rappresenta, infatti, l’unico cimitero circolare presente in Spagna. La particolarità del sito ha fatto sì che negli anni si sia sviluppato un certo interesse nella gente, tanto che oggi può addirittura contare con un centro d’interpretazione.

cimiteri_andalusia_sayalonga
Il cimitero di Sayalonga.

Il cimitero inglese di Malaga

Diversamente dall’antecedente, il cimitero inglese di Malaga è un bene turistico abbastanza riconosciuto. Un campo santo che si ubica tra la Malagueta ed il Pedregalejo e che fu il primo cimitero protestante in tutto il territorio spagnolo. Inaugurato nel 1830 ospita i resti di Robert Boyd, un liberale irlandese che accompagnò sino alla fucilazione il generale Torrijos durante la guerra d’indipendenza spagnola.

cimiteri_andalusia_inglese_malaga
Particolari tombe nel cimitero inglese di Malaga.

Il cimiteri di Gibilterra

Due cimiteri molto peculiari: quello di Trafalgar che, nonostante il nome, ospita solo due morti dovuti alla terribile battaglia navale del 1805 e quello comunale che per la propria ubicazione, di fianco all’aeroporto ed alle pendici della rocca di Gibilterra, si espone a fotografie molto singolari.

cimiteri_andalusia_gibilterra
Cimitero ed aeroporto di Gibilterra.

Il cimitero di Casabermeja (Malaga)

La leggenda vuole che i morti di Casabermeja siano stati sepolti in piedi, per risparmiare spazio. La conformazione dei loculi può ingannare il visitatore dato che sembrerebbero disposti verticalmente. Questa, però, è solo una leggenda. Gli abitanti del luogo confermano che i loro cari giacciono comodamente sdraiati.

Los cementerios están llenos de personas imprescindibles (Proverbio árabe)

Il cimitero a Las Ermitas (Cordoba)

Nel bel mezzo della Sierra di Cordoba, riposano tutti gli eremiti che hanno abitato questi 13 eremi durante 250 anni, dal 1700 al 1957. Il piccolo cimitero è umile e rispecchia il livello di vita mantenuta dai religiosi. Un’esistenza davvero povera di beni, ma ricca di bellezza, come il panorama osservabile da questo punto della città di Cordoba.

cimiteri_andalusia_ermitas_cordoba
Umile cimitero degli eremiti di Cordoba.

Per maggiori informazioni su cosa vedere in Andalusia è possibile contattarmi scrivendo ad andaluciaitalia@gmail.com o compilando il seguente form:

 



andalusia consigliata:

Il toro de Osborne: simbolo spagnolo o d’Andalusia... Lungo le autostrade d’Andalusia, e non solo, spesso vi sarà capitato di scorgere nell’orizzonte un toro nero. Avvicinandovi sempre più incomincerete a...
Come attraversare lo Stretto di Gibilterra? In tra... Nord del Marocco e Andalusia sono separati da un lembo di mare di 14 chilometri. Questa barriera naturale non impedisce a molti andalusi e spagnoli di...
Le migliori foto degli italiani alla Feria di Mala... Come per la Feria de Abril di Siviglia, anche per quella di Malaga raccolgo le migliori foto in Instagram degli italiani che hanno partecipato a quest...
Ponte 1 novembre: curiosi cimiteri in Andalusia ultima modifica: 2016-10-26T20:11:46+00:00 da andalusia viaggio italiano

Rispondi